Coronavirus: perché la mascherina non basta a proteggere

9 Aprile 2020
Coronavirus: perché la mascherina non basta a proteggere

L’Oms chiarisce che indossarla non è sufficiente a impedire la trasmissione del virus: occorrono anche il distanziamento, il lavaggio delle mani e attenzione a tosse e starnuti.

Prosegue il dibattito sulla necessità dell’uso delle mascherine, specialmente dopo la posizione ufficiale assunta dall’Oms, l’Organizzazione mondiale per la sanità, nelle nuove linee guida, che ha deluso molti virologi e scienziati favorevoli alla loro introduzione obbligatoria e a un uso generalizzato per tutta la popolazione, quando si esce e addirittura anche in casa.

L’indicazione dell’Organizzazione mondiale per la sanità è chiara: “L’uso esteso di mascherine da parte di persone sane nell’ambiente della comunità non è supportato da prove e comporta incertezze e rischi. Non esistono al momento evidenze secondo cui indossare una mascherina (sia medica che di altro tipo) da parte di tutta la comunità possa impedire la trasmissione di infezione da virus respiratori, incluso Covid-19″.

Dunque, secondo l’Oms, la mascherina non protegge abbastanza? E allora cos’altro occorre per difendersi dal possibile contagio da Coronavirus? La domanda diventa estremamente importante in vista della prossima ripresa, con le prime riaperture previste dalla Fase 2 che arriveranno subito dopo Pasqua.

Oggi, la risposta arriva dal vicedirettore generale dell’Oms, l’italiano Ranieri Guerra, che in un collegamento con Agorà su Rai3, riportato dall’Adnkronos, ha spiegato che la mascherina da sola non è sufficiente: servono anche e soprattutto altre misure protettive ormai ben note a tutti, come il distanziamento interpersonale, lavarsi le mani e evitare di tossire o starnutire in prossimità di altre persone.

Guerra chiarisce che l’Oms “continua a raccomandare un uso specifico di un certo tipo di mascherine per il personale sanitario e per quello in prima linea, quello che ha maggior rischio di potersi contaminare”. Ed è consapevole che “l’uso generalizzato delle mascherine in qualche misura risponde al desiderio della popolazione di vedersi proteggere e vedersi protetta, non c’è niente di male”.

Però, da un punto di vista scientifico, molto “dipende da che tipo di mascherina” si utilizza; soprattutto bisogna evitare che “l’uso delle mascherine possa dare un falso senso di sicurezza“.

Da qui trapela il probabile motivo della posizione “morbida” assunta dall’Oms sul punto: evitare di far credere alla popolazione che basti avere una mascherina per impedire di veicolare il contagio. L’esperto infatti chiarisce quali sono le regole fondamentali da osservare sempre, a prescindere dalla mascherina: “quello che conta è ancora il distanziamento e il non tossire e starnutire in faccia alla gente, lavarsi le mani, questa è una cosa banale ma è un presidio fondamentale”. Perciò – conclude – “la mascherina da sola non protegge“; invece, portare “la mascherina con tutte le altre misure è un altro discorso”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube