Scuola: assunzioni sbloccate per 4.500 docenti

9 Aprile 2020
Scuola: assunzioni sbloccate per 4.500 docenti

Autorizzate le nomine e immissioni in ruolo dei precari su una parte dei posti resi liberi dai pensionamenti per Quota 100: lo prevede il nuovo decreto Scuola.

Il nuovo decreto Scuola pubblicato in Gazzetta Ufficiale [1] e in vigore da oggi, oltre alle regole su esami di Stato e valutazioni degli alunni sblocca anche le assunzioni di docenti richieste dal ministero dell’Istruzione per recuperare una parte dei posti liberati, nell’estate del 2019, dai pensionamenti dovuti a ‘Quota 100’.

Si tratta di 4.500 posti che, attraverso un decreto del Presidente della Repubblica già approvato dal Consiglio dei ministri, andranno ad altrettanti insegnanti, vincitori di concorso o presenti nelle graduatorie ad esaurimento, che non avevano potuto occuparli lo scorso settembre perché non erano stati messi a disposizione.

Si attua, quindi – ma solo in parte, perché i precari attendevano almeno 9.000 cattedre – la norma inserita nel precedente decreto Scuola approvato in autunno, voluta dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, e che adesso, nella parte più ampia relativa alle assunzioni di nuovo personale docente, vede i concorsi sospesi a causa delle misure emergenziali in vigore; ma il ministro della Pubblica amministrazione, Fabiana Dadone, ha annunciato la prossima ripartenza.

Per quanto riguarda le 4.500 assunzioni alle quali è stato dato via libera oggi, saranno riferite ai posti residui nell’anno scolastico 2019/2020; l’immissione in ruolo avrà decorrenza giuridica dal 1° settembre 2019, alla quale retroagirà la nomina, e decorrenza economica dalla data di presa di servizio, che avverrà nell’anno scolastico 2020/2021.  il ministero dell’Istruzione ha reso noto che “con successivi provvedimenti saranno disposte le assunzioni relative all’anno scolastico 2020/2021”.


note

[1] Decreto Legge 8 aprile 2020, n.22


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube