L’esperto | Articoli

Interessi usurari: ultime sentenze

9 Maggio 2020
Interessi usurari: ultime sentenze

Scopri le ultime sentenze su: interessi usurari; nullità della clausola relativa agli interessi usurari; sanzione di nullità non estendibile alla clausola di determinazione degli interessi corrispettivi.

Interessi usurari: nozione

Si intendono usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge nel momento in cui essi sono promessi o comunque convenuti, a qualunque titolo, quindi anche a titolo di interessi moratori.

Tribunale Roma sez. XVII, 26/02/2019, n.4347

Interessi usurari e interessi moratori

Ai fini dell’applicazione dell’art. 1815 c.c. e dell’art. 644 c.p. si considerino usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge al momento in cui sono promessi o comunque convenuti a qualunque titolo e quindi anche a titolo di interessi moratori.

Tribunale Pavia sez. III, 10/01/2019, n.32

Nullità della clausola su interessi usurari

In tema di interessi usurari, l’art. 1815, co. 2, c.c. prevede la nullità della clausola relativa agli interessi usurari, intendendo per clausola la singola disposizione pattizia che contempli interessi eccedenti il tasso soglia, indipendentemente dal fatto che essa esaurisca la regolamentazione dell’entità degli interessi dovuti in forza del contratto. La sanzione di nullità prevista nell’art. 1815 c.c. colpisce, dunque, la singola pattuizione che prevede la corresponsione di interessi contra legem, e non vi è modo di ritenere che la nullità si comunichi ad altra (valida) pattuizione, anche all’interno della medesima clausola, che dispone l’applicazione di un saggio di interesse inferiore al tasso soglia.

Tribunale Roma sez. XVII, 19/11/2019, n.22243

Nullità di interessi convenzionali di mora usurari

L’art. 1815, comma 2, c.c. si riferisce agli interessi corrispettivi e, quindi, non è applicabile in caso di nullità di interessi convenzionali di mora usurari, attesa la diversità sul piano causale di questi ultimi, i quali trovano la propria fonte nell’inadempimento.

Cassazione civile sez. III, 13/09/2019, n.22890

La pattuizione relativa agli interessi di mora 

In tema di mutuo, l’art. 1815, secondo comma, c.c., prevede espressamente che se sono convenuti interessi usurari la clausola è nulla e non sono dovuti interessi. La sanzione è quindi chiaramente ricollegata alla clausola, di modo che ove solo la pattuizione relativa agli interessi di mora sia nulla, in ragione della distinzione sopra rilevata, il vizio non si estende alla clausola di determinazione degli interessi corrispettivi.

Tribunale Milano sez. VI, 18/07/2019, n.7260

Gli interessi che superano il limite stabilito nella legge

Ai fini dell’applicazione dell’art. 1815 c.c. e dell’art. 644 c.p., si considerano usurari gli interessi che superano il limite stabilito nella legge al momento in cui sono promessi o comunque convenuti a qualunque titolo, e quindi anche a titolo di “interessi moratori”.

Tribunale Torre Annunziata, 16/05/2018, n.1194

Usurarietà degli interessi moratori: sanzione di nullità

A fronte dell’eventuale usurarietà degli interessi moratori non può conseguire la non debenza anche di quelli corrispettivi (non usurari), giacché l’art. 1815, comma 2, c.c. delinea la nullità della sola clausola che prevede interessi usurari, dovendosi interpretare la successiva precisazione “e non sono dovuti interessi” non come esclusione della debenza di qualsiasi altro tipo di interesse previsto da altre clausole pur conformi a legge, ma piuttosto come divieto, in ottica sanzionatoria, di sostituzione alla clausola nulla di una misura degli interessi minore (interessi nella misura legale o interessi nei limiti del tasso soglia), ossia come esclusione dell’operatività dell’ordinario meccanismo sostitutivo o integrativo previsto dagli artt. 1339 e 1419, comma 2, c.c..

Di talché, essendo i due tassi afferenti a due clausole ben distinte ed autonome tra loro, ove solo la pattuizione relativa agli interessi di mora sia nulla, il vizio di nullità non si estende alla clausola di determinazione degli interessi corrispettivi.

Tribunale Napoli sez. II, 17/05/2019, n.5138

La determinazione del carattere usurario degli interessi

In tema di interessi usurari, l’art. 1, comma 1, del D.L. n. 394 del 2000, convertito nella L. n. 24 del 2001, ha dettato una norma di interpretazione autentica della L. n. 108 del 1996, secondo cui sono da considerarsi usurari gli interessi che superano il limite del “tasso soglia” fissato dalla legge al momento in cui essi sono promessi o comunque convenuti, indipendentemente dal momento del loro pagamento. Quindi suddetta normativa va ritenuta irretroattiva.

Corte appello Napoli sez. III, 22/02/2018, n.879

Domanda volta a far considerare usurari gli interessi

In tema di interessi usurari, va respinta la domanda attorea volta a far considerare, ai sensi dell’art. 644 comma 3 c.p., usurari gli interessi, anche se inferiori a tale limite, e gli altri vantaggi o compensi che  risultano sproporzionati rispetto alla prestazione di denaro quando chi li ha dati o promessi si trova in condizioni di difficoltà economica o finanziaria, qualora l’attore non indichi le “concrete modalità del fatto” né altri elementi fattuali da cui possa desumersi la fattispecie penale.

Tribunale Torino sez. I, 13/09/2017, n.4303

Finanziamento a stati di avanzamento assistito da ipoteca

In tema di interessi usurari, tenuto conto dei rischi e della garanzia prestata, il tasso soglia fissato per il finanziamento a stati di avanzamento assistito da ipoteca è quello previsto “ratione temporis” per i mutui con garanzia reale; ciò in quanto, in caso di dubbio circa la riconducibilità dell’operazione all’una o all’altra delle categorie identificate con decreto ministeriale cui si riferisce la rilevazione dei tassi effettivi globali medi, si devono individuare i profili di omogeneità che l’operazione stessa presenti rispetto alle diverse tipologie prese in considerazione dai detti decreti, attribuendo rilievo ai parametri normativi individuati dall’art. 2, comma 2, della legge n. 108 del 1996 e apprezzando, in particolare, quelli tra essi che, sul piano logico, meglio connotino il finanziamento preso in esame ai fini della sua inclusione nell’una o nell’altra classe di operazioni.

Cassazione civile sez. I, 06/09/2019, n.22380

Nullità della clausola relativa a interessi moratori usurari: si estende agli interessi corrispettivi?

In tema di interessi moratori l’art. 1815 c.c. prevede la nullità e la mancata corresponsione degli interessi usurari con riguardo non già al contratto bensì alla clausola. Quindi in applicazione di tale clausola possono non applicarsi gli interessi moratori ma rimangono validi gli interessi corrispettivi.

Tribunale Milano sez. VI, 20/12/2018, n.12425



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube