Salute e benessere | Articoli

Cause bocca amara

10 Aprile 2020 | Autore: Roberta Jerace
Cause bocca amara

Cosa si intende per bocca amara; bonus dentista.

Se hai spesso la bocca amara non devi pensare che sia necessariamente un sintomo di una patologia, poiché è una condizione che si può verificare per una serie di fattori e motivi, tuttavia, può essere un campanello d’allarme di uno stato di salute non ottimale e segnalare alcuni problemi. Potrai quindi farti un’idea di quali sono le principali cause bocca amara leggendo i prossimi paragrafi.

Un brutto raffreddore o un periodo particolarmente stressante in cui hai sviluppato una gastrite possono darti questa sensazione sgradevole, ma la bocca amara può anche dipendere da sbalzi ormonali che si verificano in periodi come la gravidanza o la menopausa, o essere l’effetto collaterale di una cura farmacologica non completamente tollerata. Le carie e la parodontite sono spesso causa di bocca amara. Se dovesse essere questa la ragione sarà meglio tenere d’occhio il bonus dentista per usufruire delle eventuali agevolazioni economiche proposte dall’emendamento alla Legge di Bilancio.

Cosa si intende per bocca amara

Per bocca amara si intende quel disturbo che implica la sensazione di un cattivo sapore nel cavo orale, ma non dipende in alcun modo dai cibi ingeriti.

A interferire con il senso del gusto e creare la sensazione di bocca amara possono esservi diversi fattori, ma è anche importante capire quando si verifica più spesso questa condizione, ad esempio: se la sensazione di bocca asciutta e amara avviene al risveglio la causa può essere l’ernia iatale; se la problematica invece si protrae anche durante il resto delle ore diurne può essere causata dall’uso di alcuni farmaci o da uno scorretto stile alimentare; se si verifica appena dopo i pasti o durante le fasi digestive può indicare problemi all’apparato gastrico di varia natura.

Generalmente, la sensazione di bocca amara è temporanea e si risolve in tempi brevi quando viene eliminata la causa che la scatena, se invece si protrae oltre qualche giorno devi affrontare la tua problematica con il medico di base che ne ricercherà l’origine esatta attraverso i corretti metodi diagnostici.

Principali cause della bocca amara

Vediamo i principali motivi della bocca amara e quali meccanismi entrano in atto nel provocare questa spiacevole sensazione:

  • spesso gastrite e/o reflusso gastroesofageo causano la bocca amara o la sensazione di bocca secca ed impastata. La causa di queste sensazioni è dovuta al rigurgito di acido che dallo stomaco risale verso l’esofago e che può provocare anche una sensazione di gola secca e alitosi. In questo caso, lo stile di vita e accorgimenti alimentari adatti possono ridurre fortemente questa sintomatologia;
  • la bocca amara in gravidanza è un fenomeno piuttosto comune, l’origine di questo sintomo è dovuto al progesterone. Questo ormone che è necessario per il concepimento è anche responsabile dell’alterazione del senso del gusto e dell’olfatto. Nella maggior parte dei casi questa condizione non deve destare alcuna preoccupazione poiché è destinata, quasi sempre, ad esaurirsi entro il periodo delle nausee che accompagnano lo stato interessante;
  • la bocca amara in menopausa è originata da un cambiamento nell’assetto ormonale. La mancanza di estrogeni determina una diminuzione della salivazione e di conseguenza la permanenza dei batteri più a lungo nel cavo orale. Una rapida soluzione può essere l’introduzione di un maggiore quantitativo di liquidi durante la giornata, ma anche la terapia ormonale sostitutiva è una delle soluzioni alla quale puoi pensare di ricorrere con il tuo ginecologo o endocrinologo di fiducia;
  • problemi intestinali e infiammazioni del colon possono generare una sensazione di bocca amara. In questo caso il meccanismo deriva dalle difficolta digestive. Se, infatti, il cibo permane per troppo tempo nell’intestino la proliferazione batterica aumenta;
  • un cattivo sapore in bocca dovuto al fegato è una delle convinzioni tramandate dalla saggezza popolare, che in questo caso non si sbaglia affatto. Il fegato, infatti, svolge una delle funzioni depurative più rilevanti nel nostro organismo e la bocca amara al risveglio può significare che il fegato sta vivendo un momento di sovraccarico. Ma attenzione, perché la difficoltà da parte del corpo a metabolizzare la bilirubina può portare all’ittero, che come sintomo ha, tra gli altri, proprio un aumento del cattivo sapore in bocca la mattina. Meglio procedere a una dieta disintossicante a base di frutta e verdura che ristabilisca l’equilibrio nel fegato;
  • in alcuni casi, la bocca amara segnala il diabete. L’aumento della glicemia nel sangue induce una condizione di acetone metabolico che causa questo sintomo ed altri, come la formazione di corpi chetonici nelle urine e i valori glicemici del sangue più alti della norma. All’uso dei farmaci per il diabete (o a trattamenti per il cancro), inoltre, è spesso connessa la sindrome della bocca urente che include una sensazione di bruciore in bocca, secchezza delle fauci e un sapore metallico in bocca;
  • l’acetone nei bambini porta alitosi a seguito della comparsa dei corpi chetonici nell’organismo che è un meccanismo frequente durante l’infanzia. Questo è dovuto essenzialmente alla mancata assunzione di zuccheri sufficienti da parte dei piccoli durante i periodi influenzali;
  •  che fumo e alcol portano la bocca amara è un dato di fatto. Il tabacco, infatti, aderisce ai denti e alla mucosa della bocca e determina la proliferazione dei batteri che sono alla base dell’alitosi. L’alcol, invece, agisce diversamente poiché riduce la produzione di saliva che è essenziale nella purificazione della bocca dai batteri;
  • la bocca amara è un effetto collaterale di alcuni farmaci. L’eventualità che siano alcuni di questi ad alterare il senso del gusto è frequente con classi di medicinali quali: i chemioterapici, gli antistaminici, farmaci per l’ipertensione e anche gli antibiotici. Se si tratta di un farmaco che devi prendere per brevi periodi vedrai sparire il problema non appena terminata la cura, se invece si tratta di un medicinale di uso continuativo valuta con il tuo medico curante di cambiare principio attivo o formulazione;
  • il raffreddore e/o sinusite alla base della bocca amara sono fenomeni comuni. Quello che si verifica è che la mucosa nasale rilascia un maggior quantitativo di secrezioni, queste sono ricche di proteine e per tale motivo rappresentano un buon alimento per i batteri della bocca. Questi ultimi si moltiplicano sempre di più e producono un maggior quantitativo di zolfo che determina un cattivo sapore. In questo caso è necessario che tu deterga con attenzione il cavo orale, non dimenticandoti di lavare bene la lingua, in quanto proprio la lingua è ricettacolo di batteri;
  • anche la parodontite causa la bocca amara. Questa infiammazione delle gengive può determinare una sensazione costante di amaro in bocca. Se noti che le tue gengive sono infiammate e accusi anche dolore ai denti potrebbe trattarsi di una semplice carie o di parodontite, una patologia seria che necessita di essere trattata nel lungo termine con un medico dentista. Non dimenticare che una corretta igiene del cavo orale (oltre a spazzolino e dentifricio è importante anche utilizzare collutorio e filo interdentale o scovolino) rallenta il procedere di questa malattia e attenua fortemente la sensazione di cattivo sapore in bocca.

Bonus dentista

Il contributo di 500 euro per le cure dentali di anziani e persone con basso reddito, qualche mese fa, è stato ritenuto inammissibile dalla Commissione Bilancio del Senato. L’emendamento per il bonus dentista, presentato per la Legge di Bilancio 2020, per sostenere le cure odontoiatriche delle categorie più deboli della società (i soggetti tra gli altri che non superino in Isee i 25mila euro annui) è quindi in attesa di approvazione. Ricorda di controllare gli aggiornamenti se intendi sfruttare questa possibile risorsa.

Come andare dal dentista gratis? GUARDA IL VIDEO



Di Roberta Jerace


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube