Coronavirus: mascherine vendibili anche singolarmente

9 Aprile 2020
Coronavirus: mascherine vendibili anche singolarmente

Le farmacie potranno spacchettare le confezioni multiple e vendere al pubblico una singola unità per volta: lo prevede un’ordinanza valida in tutta Italia.

D’ora in poi le mascherine potranno essere vendute al dettaglio anche singolarmente e non più soltanto in pacchetti e confezioni multiple (in genere da 10 o da 50 o anche 100 pezzi). Apprendiamo infatti dall’agenzia stampa Adnkronos che il Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Domenico Arcuri, ha firmato oggi l’Ordinanza che consente la vendita al dettaglio anche di una sola mascherina da parte di tutte le farmacie italiane.

La disposizione del Commissario straordinario è “urgente e indifferibile” ed ha il fine – dichiarato nell’Ordinanza stessa di”regolare una più opportuna distribuzione di mascherine e di Dpi da parte di farmacie al fine di garantire la più ampia diffusione di questi dispositivi ai cittadini nonché di prevenire la costituzione di forme di mercato a vocazione speculativa ai danni dei cittadini stessi”.

L’Ordinanza prevede inoltre che la vendita della singola mascherina – che potrà avvenire “anche in assenza degli imballaggi di riferimento, con le opportune cautele igieniche e sanitarie adottate a cura” del venditore – debba avere “un prezzo inferiore o pari all’importo previsto per la singola confezione diviso il numero delle mascherine presenti nella stessa confezione”.

La norma entrerà in vigore dal giorno della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e aiuterà a superare la speculazione sul mercato di mascherine illegali, ritenute pericolose e non sicure per i cittadini.

Alcune Regioni, come la Campania, l’Emilia Romagna ed il Lazio, avevano anticipato l’Ordinanza nazionale, emanando propri provvedimenti che consentivano lo sconfezionamento dei pacchi di mascherine e la loro dispensazione anche in forma singola da parte delle farmacie.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube