Diritto e Fisco | Articoli

Trovare intestatario conto corrente postale

4 Luglio 2020 | Autore:
Trovare intestatario conto corrente postale

Numero BancoPosta: è possibile risalire al titolare? Come verificare la validità di un codice iban o di un numero di conto corrente?

È difficile trovare persona che non sia titolare di un conto corrente, bancario o postale che sia: un po’ per comodità, un po’ perché la legge impone limiti sempre più stringenti alla circolazione del danaro contante, quasi tutti preferiscono gestire i propri risparmi e le proprie transazioni mediante moneta elettronica. I vantaggi di un conto corrente sono indubbi: sicurezza delle operazioni; rischio ridottissimo di truffe o furti; possibilità di effettuare la domiciliazione dei pagamenti. Il problema è che dietro un conto corrente non sempre si sa chi ci sia. Con questo articolo vorrei spiegarti se è possibile trovare l’intestatario di un conto corrente postale.

Facciamo un esempio. Ti è stato fornito un codice iban sul quale effettuare un bonifico. Prima di effettuare il pagamento vorresti essere sicuro del nominativo del beneficiario. In un caso del genere, è possibile risalire al titolare del conto corrente? Oppure, mettiamo il caso che tu conosca il numero di conto corrente e voglia trovarne l’intestatario; come fare? Ci sono strumenti che consentono di rintracciare il titolare di un conto, oppure questa informazione è coperta dalla privacy? Se cerchi risposte a queste domande, prosegui nella lettura: vedremo se è possibile risalire all’intestatario di un conto corrente postale.

Conto corrente postale: cos’è?

Il conto corrente postale funziona alla stessa stregua di quello bancario: in poche parole, si tratta di uno strumento messo a disposizione dagli istituti di credito che consente al proprio titolare (il cosiddetto correntista) di poter gestire i soldi che ha depositato presso l’istituto stesso.

In altri termini, il conto corrente permette un impiego “dinamico” del proprio denaro, il quale potrà essere gestito, ad esempio, per pagare le bollette, per emettere assegni o per effettuare le transazioni di ogni giorno mediante l’utilizzo di carte di credito e di debito; allo stesso tempo, i soldi saranno al sicuro, in quanto depositati in banca o alle poste.

Conto BancoPosta: cos’è?

Il conto corrente postale prende il nome di conto BancoPosta. La differenza principale tra un conto corrente bancario e un conto BancoPosta è che quest’ultimo è destinato solamente alle persone fisiche (non, quindi, ad imprese, società ed enti).

Il conto BancoPosta consente di gestire con semplicità i propri risparmi: il cliente deposita il denaro; le Poste lo custodiscono, offrendo una serie di servizi, come l’accredito dello stipendio o della pensione, pagamenti, incassi, bonifici, domiciliazione delle bollette, carta di debito, carta di credito, assegni. Il cliente può versare e prelevare denaro dal conto corrente in qualsiasi momento.

Perché è importante conoscere l’intestatario del conto?

Prima di vedere se è possibile trovare l’intestatario di un conto corrente postale, occorre che ti dica perché questa operazione potrebbe essere molto importante.

Normalmente, chi deve ricevere un pagamento fornisce le proprie coordinate bancarie o postali: se non facesse così, i soldi andrebbero a qualcun altro.

Il punto è che alcune persone non hanno interesse a ricevere direttamente il pagamento; ciò può accadere per una molteplicità di ragioni: ad esempio, per non far figurare un’entrata al Fisco, oppure perché l’operazione non è perfettamente legale.

In casi del genere, chi effettua il pagamento (ad esempio, il bonifico) rischia di trasferire denaro a una persona diversa da quella che credeva in realtà di pagare, con conseguente possibilità di dover ripetere il versamento oppure di finire coinvolto in losche operazioni.

Ecco perché essere certi dell’intestatario del conto corrente è molto importante. Il problema, però, è che non è così semplice risalire al titolare di un conto. Vediamo perché.

Come sapere intestatario conto corrente?

C’è un modo per conoscere l’intestatario di un conto corrente partendo solamente dalle cifre che lo identificano? Purtroppo quest’operazione non è assolutamente semplice, per le ragioni di cui sto per parlarti.

Se devi effettuare un pagamento e conosci solamente il codice Iban o il numero di conto del beneficiario, per sapere la sua identità non potrai recarti presso la banca o le poste e chiedere a chi è intestato tale conto: i dipendenti degli istituti di credito, infatti, sono tenuti a preservare la privacy dei loro clienti.

Dunque, a meno che tu non sia così fortunato da trovare un operatore compiacente, non ti servirà a nulla presentarti in banca o alle poste e chiedere di sapere a chi appartiene un conto corrente di cui conosci solamente le coordinate.

Potresti avere maggiore sorte nel caso in cui il misterioso intestatario del conto sia cliente della tua stessa banca: in un’ipotesi del genere, è possibile che qualche dipendente ti faccia il favore di indicarti il titolare del conto in questione.

Come verificare l’esistenza di un conto corrente postale?

Se è difficile trovare l’intestatario di un conto corrente postale, più semplice è verificare la regolarità del conto corrente stesso.

Per sapere se le coordinate in tuo possesso corrispondono a un conto corrente postale davvero esistente, puoi recarti presso qualunque ufficio postale e chiedere, dopo aver fornito le coordinate (ad esempio, quelle del codice iban), se il conto in questione è attivo oppure no.

Questa informazione potrà essere rilasciata dagli operatori delle poste in quanto non viola la privacy del titolare del conto, il cui nome non ti verrà riferito.

Un altro modo per poter verificare l’esistenza di un conto corrente postale è quello di ricorrere a una delle tante applicazioni che trovi in internet, le quali consentono di appurare se il codice iban oppure il numero del conto corrisponda o meno a un rapporto postale attivo.

Per verificare la regolarità del codice Iban puoi visitare questo sito; per verificare l’esistenza di un conto corrente basandoti sul numero dello stesso, puoi cliccare qui.

In effetti, verificare la validità di un codice iban equivale a sapere se il conto corrente cui si riferisce è attivo o meno: e infatti, le ultime dodici cifre del codice Iban rappresentano proprio il numero del conto corrente.

Verifica intestatario conto nel caso di pignoramento

Le cose cambiano nel caso in cui la verifica dell’intestatario di un conto corrente postale si renda necessario per procedere con l’esecuzione forzata nei suoi confronti.

Anche in questa circostanza, però, occorre seguire una corretta procedura: non pensare, infatti, che il tuo avvocato possa recarsi presso le poste e chiedere così, su due piedi, se il numero di conto corrente di cui è in possesso appartiene al debitore.

Andiamo con ordine. Mettiamo il caso che tu debba recuperare dei soldi presso il tuo debitore; sei a conoscenza di un conto BancoPosta ma non sai se egli ne è effettivamente il titolare. Prima di intraprendere l’espropriazione forzata, vorresti essere certo dell’intestatarietà del conto corrente postale di cui sei a conoscenza.

Ebbene, per farti dire dalle Poste se il numero di conto corrente appartiene al tuo debitore hai due strade:

  • notificare l’atto di pignoramento presso terzi alle Poste e restare in attesa che le stesse ti rispondano comunicando i conti di cui è titolare il debitore;
  • prima ancora di procedere con il pignoramento, chiedere al presidente del tribunale del luogo in cui il debitore ha la residenza di essere autorizzato ad effettuare la ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare [1].

La ricerca telematica ti consentirà di sapere preventivamente non solo se il debitore è l’intestatario del conto corrente postale di cui hai avuto conoscenza, ma anche di tutti gli altri rapporti (bancari e postali) che il debitore ha con uno qualsiasi degli istituti di credito.


note

[1] Art. 492-bis cod. pen.

Autore immagine: Canva.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube