Business | Articoli

Camera di Commercio: diritti annuali. Come funzionano. Dal 2015 ridotti del 50%

27 Giugno 2014
Camera di Commercio: diritti annuali. Come funzionano. Dal 2015 ridotti del 50%

Guida sui diritti dovuti alle Camere di Commercio che, dal prossimo anno, verranno ridotti a metà.

Dal 2015 il diritto annuale dovuto alle Camere di commercio sarà ridotto alla metà. Il dl sulla competitività [1] infatti stabilisce che, a decorrere dall’esercizio finanziario successivo all’entrata in vigore del secreto, l’importo del diritto annuale a carico delle imprese è ridotto del 50 per cento.

Il diritto annuale [2], è dovuto dalle imprese iscritte o annotate nel registro delle imprese e dai soggetti iscritti nel repertorio delle notizie economiche e amministrative (Rea).

Il diritto è dovuto alla Camera di commercio nella cui circoscrizione territoriale è iscritta o annotata la sede principale dell’impresa, nonché le sue eventuali sedi secondarie e unità locali. Le imprese che hanno unità locali o sedi secondarie situate in province diverse da quella della sede principale devono versare un diritto a ciascuna delle Camere di commercio competenti per territorio. Le imprese con sede legale all’estero devono pagare un diritto per ogni unità locale o sede secondaria alla Camera di commercio di iscrizione.

Il diritto annuale è dovuto:

1. dalle imprese individuali;

2. dalle società di persone e di capitali;

3. dalle società fra professionisti;

4. dai consorzi;

5. dagli imprenditori agricoli e i coltivatori diretti;

6. per le unità locali e le sedi secondarie di imprese con sede principale all’estero;

7. dai soggetti iscritti nel repertorio delle notizie economiche e amministrative (Rea).

Questi soggetti sono obbligati a pagare il diritto annuale se iscritti o annotati nel registro delle imprese o nel repertorio delle notizie economiche e amministrative (Rea) al 1° gennaio o nel corso dell’anno di riferimento.

L’importo del diritto non è frazionabile in rapporto alla durata di iscrizione nell’anno.

Per il diritto annuale il termine di pagamento ordinario è lo stesso previsto per gli altri tributi e contributi relativi al modello Unico per i quali si usa l’F24. Ad esempio, per i contribuenti estranei agli studi di settore che presentano Unico 2014, il termine per pagare il diritto annuale è scaduto il 16 giugno.

Chi non ha eseguito il pagamento potrà, però, pagare dal 17 giugno al 16 luglio 2014 con lo 0,40% in più. Per i contribuenti soggetti agli studi di settore, persone fisiche (superminimi compresi che pagano il forfait del 5%) e altri soggetti con esercizio che coincide con l’anno solare, società di persone e società di capitali, i termini per pagare il diritto annuale per il 2014 scadranno il 7 luglio. Sarà anche possibile pagare dall’8 luglio al 20 agosto con lo 0,40% in più.


Taglio graudale in tre anni
Sì al dimezzamentodelle somme dovute dalle imprese alle Camere di commercio, ma arriverà con gradualità. Un emendamento ha infatti spalmato il taglio in tre tranche: -35% per il 2015, -40% per il 2016 , -50% nel 2017

note

[1] Art. 29 del decreto legge 24 giugno 2014, n. 90.

[2] Previsto dall’art. 18 della legge 29 dicembre 1993, n. 580, come modificato dall’art. 1, comma 19, del decreto legislativo 15 febbraio 2010, n. 23.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube