Diritto e Fisco | Articoli

Frasi razziste su Facebook: è reato?

18 Aprile 2020
Frasi razziste su Facebook: è reato?

Nel bel mezzo di una discussione razziale politica su Facebook, in riferimento alle persone di colore è stato scritto: «È vero che l’uomo deriva dalla scimmia, ma questi non son ancora scesi dall’albero». Nessun commento o Mi piace. È reato?

La frase non costituisce reato. Secondo la legge, infatti, il razzismo non è reato se non quando se ne faccia una pubblica propaganda ovvero si istighi alla violenza per ragioni razziali.

Secondo l’art. 604-bis cod. pen., è punito con la reclusione fino ad un anno e sei mesi o con la multa fino a 6.000 euro chi propaganda idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico, ovvero istiga a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi. È punito inoltre con la reclusione da sei mesi a quattro anni chi, in qualsiasi modo, istiga a commettere o commette violenza o atti di provocazione alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi.

Per propaganda si intende una condotta di manifestazione pubblica di personali convinzioni resa col fine di condizionare l’opinione pubblica e modificare le idee e i comportamenti dei destinatari.

Questa divulgazione costituisce reato perché è suscettibile di ingenerare sentimenti di avversione e di odio sociale. Peraltro, basta un’unica condotta “propagandistica” per far scattare il reato.

Nel commento postato non si ravvisa nessuno di questi intenti: si è trattato di espressione del pensiero personale, senza pretesa di poter condizionare la condotta altrui.

Il razzismo può inoltre rilevare quando si accompagna ad altri delitti, quali ad esempio quelli di lesione, percosse o danneggiamento. L’art. 604-ter cod. pen. afferma che per i reati commessi per finalità di discriminazione o di odio etnico, nazionale, razziale o religioso, ovvero al fine di agevolare l’attività di organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi che hanno tra i loro scopi le medesime finalità, la pena è aumentata fino alla metà.

Ovviamente, anche questa ipotesi delittuosa non ricorre nel caso esposto.

Dunque, tirando le fila di quanto detto sinora, si può affermare che il commento oggetto del quesito non costituisce illecito penale.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avvocato Mariano Acquaviva



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube