Coronavirus, la speranza delle cellule staminali

14 Aprile 2020
Coronavirus, la speranza delle cellule staminali

Autorizzato lo studio sul prelievo dal cordone ombelicale di materiale che potrebbe essere utile per bloccare l’infiammazione da Covid-19.

Diecimila malati di Covid-19 potrebbero essere trattati con un solo cordone ombelicale. Non sappiamo se siamo in presenza di un metodo efficace nell’ambito della lotta al Coronavirus, ma potremo saperlo presto. È stato, infatti, autorizzato, lo studio sulle cellule staminali mesenchimali, cioè derivate appunto dai cordoni ombelicali, per vedere se l’infusione può bloccare l’infezione polmonare da Covid-19. Ci informa di questa nuova ricerca un lancio dell’agenzia di stampa Adnkronos, che ne ha parlato con Camillo Ricordi, direttore del Diabetes Research Institute e Cell Transplant Center dell’università di Miami e componente del Consiglio superiore di sanità (Css).

“Abbiamo ottenuto l’autorizzazione dell’Fda per uno studio clinico su 24 pazienti, per valutare la sicurezza e l’efficacia esplorativa di queste cellule. In futuro con un cordone sarà possibile trattare diecimila pazienti. Abbiamo appurato che, con l’infusione per via endovenosa, queste cellule finiscono (95%) nei polmoni e garantiscono una attività antinfiammatoria e di rigenerazione. Non c’è tempo da perdere”.

Secondo Ricordi questa potrebbe essere una rivoluzione, nel contrasto alla pandemia. “I pazienti che muoiono per Covid-19 – dice – hanno un tempo medio di soli dieci giorni dai primi sintomi al decesso. Nei casi più gravi, i livelli di ossigeno nel sangue scendono e l’incapacità di respirare spinge i pazienti verso una fine spesso molto rapida; qualsiasi intervento che possa impedire questo decorso sarebbe altamente desiderabile”.

Il trial verrà inizialmente effettuato a Miami, all’ospedale dell’università di Miami e al Jackson Health System. In questo progetto c’è anche l’Italia: Massimo Dominici, del Centro terapia cellulare dell’Università di Modena e Reggio-Emilia, guida il consorzio italiano che studia le terapie a base di cellule mesenchimali nel Covid-19.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube