L’esperto | Articoli

Matrimonio concordatario: ultime sentenze

26 Maggio 2020
Matrimonio concordatario: ultime sentenze

Scopri le ultime sentenze su: celebrazione del matrimonio concordatario; nullità di un matrimonio concordatario legittimamente dichiarata dal tribunale ecclesiastico; ordine pubblico e delibazione delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale; controllo di legittimità della pronuncia ecclesiastica di nullità.

La nullità del matrimonio concordatario

La nullità di un matrimonio concordatario legittimamente dichiarata dal Tribunale ecclesiastico non può essere delibata dalla Corte d’Appello italiana se la convivenza coniugale si è protratta più di tre anni, a meno che i coniugi non presentino richiesta congiunta o vi sia, comunque, il consenso della parte convenuta.

Cassazione civile sez. VI, 26/11/2019, n.30900

La convivenza triennale come coniugi 

La convivenza ‘come coniugi’, quale elemento essenziale del ‘matrimonio -rapporto’, ove protrattasi per almeno tre anni dalla celebrazione del matrimonio concordatario, integra una situazione giuridica di ordine pubblico italiano, la cui inderogabile tutela trova fondamento nei principi supremi di sovranità e di laicità dello Stato, preclusiva alla dichiarazione di efficacia della sentenza di nullità pronunciata dal tribunale ecclesiastico per qualsiasi vizio genetico del ‘matrimonio -atto’.

Cassazione civile sez. VI, 15/05/2018, n.11808

Il riconoscimento della sentenza ecclesiastica

Questa Corte condivide il consolidato orientamento della Corte di legittimità secondo cui la declaratoria di esecutività della sentenza del tribunale ecclesiastico, che ha pronunciato la nullità del matrimonio concordatario, per esclusione, da parte di uno soltanto dei coniugi, di uno dei “bona matrimonii”, cioè la divergenza unilaterale fra volontà e dichiarazione, postula che tale divergenza sia stata manifestata all’altro coniuge, ovvero che questi l’abbia in concreto conosciuta.

Nel caso scrutinato risulta dalla sentenza ecclesiastica che la moglie, come da lei espressamente riconosciuto, era a conoscenza, al momento delle nozze, del fatto che il marito escludesse nel modo più assoluto figli dal matrimonio oltre il preconcepito, essendo i nubendi entrambi portatori di talassemia. Tale fatto ha altresì trovato conferma nelle deposizioni testimoniali richiamate nella sentenza de qua. Deve, pertanto, accogliersi la domanda e dichiararsi l’efficacia in Italia della predetta sentenza ecclesiastica.

Corte appello Cagliari sez. I, 21/03/2018, n.12

Pronuncia di nullità del matrimonio concordatario

In materia di separazione e divorzio, l’assegno divorzile non viene meno quando l’accertamento relativo all’impossibilità di proseguire il matrimonio sia passato in giudicato prima della delibazione della sentenza rotale di annullamento del matrimonio.

Ad affermarlo è la Cassazione per la quale non esiste un rapporto di “primazia” della pronuncia di nullità, secondo il diritto canonico, del matrimonio concordatario sulla pronuncia di cessazione degli effetti civili delle stesse nozze. Resta pertanto il diritto all’assegno di divorzio accertato prima della sentenza di annullamento delle nozze della sacra rota. Nella fattispecie, la Corte ha respinto il ricorso dell’ex marito che negava dì dover corrispondere mille euro mensili, come deciso dal giudice ordinario, visto che il tribunale ecclesiastico aveva annullato le nozze.

Cassazione civile sez. I, 23/01/2019, n.1882

Cessazione degli effetti del matrimonio concordatario

A seguito della separazione personale tra coniugi, anche la prole ha diritto ad un mantenimento tale da garantire un tenore di vita corrispondente alle risorse economiche della famiglia ed analogo, per quanto possibile, a quello goduto in precedenza, continuando a trovare applicazione l’art. 147 c.c. che, imponendo il dovere di mantenere, istruire ed educare i figli, obbliga i genitori a far fronte ad una molteplicità di esigenze, non riconducibili al solo obbligo alimentare, ma estese all’aspetto abitativo, scolastico, sportivo, sanitario e sociale, all’assistenza morale e materiale, alla opportuna predisposizione, fin quando l’età dei figli stessi lo richieda, di una stabile organizzazione domestica, idonea a rispondere a tutte le necessità di cura e di educazione. Tale principio è pacificamente estensibile alla cessazione degli effetti del matrimonio concordatario.

Tribunale Rieti, 05/08/2019, n.622

La mancata comparizione in udienza del coniuge

Ai fini della dichiarazione della cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario, la mancata comparizione in udienza del coniuge non costituisce una circostanza ostativa alla pronuncia nel merito, qualora non sia stato dedotto alcun impedimento a comparire né chiesto rinvio.

Tribunale Novara, 15/11/2018

Nullità del matrimonio e assegno di mantenimento

La pronuncia che rende esecutiva nello Stato la sentenza ecclesiastica di nullità del matrimonio concordatario tra le parti, successiva al passaggio in giudicato della sentenza di separazione, fa venir meno le statuizioni economiche relative al rapporto tra i coniugi in essa previste poiché – a differenza di quanto avviene nel caso di precedente passaggio in giudicato della sentenza di cessazione degli effetti civili del matrimonio, le cui statuizioni in ordine all’assegno divorzile restano efficaci in forza del principio di solidarietà post coniugale – la sentenza di separazione che stabilisce il diritto al mantenimento a favore del coniuge separato trova il suo fondamento nella permanenza del vicolo coniugale e nel dovere di assistenza materiale tra coniugi sicchè, venuto meno il vincolo matrimoniale, non possono sopravvivere le statuizioni accessorie dal quale esse dipendono.

Cassazione civile sez. I, 11/05/2018, n.11553

Delibazione della declaratoria di nullità del matrimonio concordatario

La sentenza che dichiara la nullità del matrimonio concordatario e la sentenza che stabilisce la cessazione degli effetti civili del matrimonio stesso differiscono per petitum e causa petendi, poiché la prima incide sul matrimonio-atto e la seconda sul matrimonio-rapporto: il matrimonium in fieri ed il matrimonium in facto esse, pur costituendo due aspetti del medesimo istituto, sono nettamente distinti per struttura e finalità, e, conseguentemente, per regime giuridico.

La circostanza che tra le parti sia stata pronunciata sentenza di cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario e che siffatta pronuncia sia passata in giudicato non impedisce, pertanto, che successivamente venga delibata la sentenza canonica dichiarativa della nullità del matrimonio-atto: ciò, purché nell’ambito del giudizio concernente la cessazione degli effetti civili non sia stata espressamente statuita la validità del negozio matrimoniale dal quale è scaturito il vincolo coniugale   .

Cassazione civile sez. I, 12/09/2018, n.22218

Requisiti per la declaratoria di esecutività della sentenza ecclesiastica

La declaratoria di esecutività della sentenza ecclesiastica dichiarativa della nullità del matrimonio concordatario per esclusione, da parte di uno solo dei coniugi, di uno dei “bona matrimonii”, postula che la divergenza unilaterale tra volontà e dichiarazione sia stata manifestata all’altro coniuge, ovvero che sia stata da questo in effetti conosciuta, o che non gli sia stata nota esclusivamente a causa della sua negligenza; in mancanza, la delibazione trova ostacolo nella contrarietà all’ordine pubblico italiano, nel cui ambito va ricompreso il principio fondamentale di tutela della buona fede e dell’ affidamento incolpevole; il giudice italiano è tenuto ad accertare la conoscenza o l’oggettiva conoscibilità dell’esclusione anzidetta da parte dell’altro coniuge con piena autonomia, trattandosi di profilo estraneo, in quanto irrilevante, al processo canonico, senza limitarsi al controllo di legittimità della pronuncia ecclesiastica di nullità; la relativa indagine deve essere condotta con esclusivo riferimento alla pronuncia da delibare ed agli atti del processo medesimo eventualmente acquisiti, opportunamente riesaminati e valutati, non essendovi luogo, in base di delibazione, ad alcuna integrazione di attività istruttoria.

Cassazione civile sez. VI, 25/06/2019, n.17036

Nullità del matrimonio concordatario per incapacità di assumere gli obblighi coniugali

In ipotesi di delibazione di sentenza dichiarativa della nullità di un matrimonio concordatario per difetto di consenso e per incapacità di assumere gli obblighi coniugali, la situazione di vizio psichico (ob defectum discretionis iudicii) da parte di uno dei coniugi, considerata dal giudice ecclesiastico come inettitudine del soggetto ad intendere i diritti e i doveri del matrimonio, al momento della manifestazione del consenso, non si discosta dall’ipotesi di invalidità prevista dall’art. 120 c.c.; è possibile dichiarare quindi efficace la sentenza ecclesiatica emessa, non sussistendo incompatibilità con i principi fondamentali dell’ordinamento italiano.

Corte appello Ancona sez. II, 29/10/2019, n.1540


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube