Salute e benessere | Articoli

Come fare per bere di più

11 Luglio 2020 | Autore: Roberta Jerace
Come fare per bere di più

Perché è importante bere? Qual è la tassa sull’acqua in bottiglia?

Tutti sappiamo che una corretta idratazione contribuisce a uno stato di salute ottimale, ma forse non sai fino in fondo a quante cose sia utile l’acqua che ingeriamo ogni giorno. Dopo aver letto il primo paragrafo e scorso velocemente i principali vantaggi dell’acqua che beviamo, proveremo a rispondere a una domanda che ci si pone di frequente, cioè come fare per bere di più.

Esistono stratagemmi adatti a ogni tua esigenza ed escamotage in grado di rispondere a ogni tua reticenza, come i supporti tecnologici forniti dalle applicazioni che ti ricordano di bere o le bottiglie smart. Per non annoiarti, invece, potrai migliorare il tuo introito di liquidi attraverso altri tipi di bevande o le acque aromatizzate da realizzare in casa.

Ci sono molti modi per idratarti anche con altri liquidi come quelli da assumere attraverso i cibi (in particolare frutta e verdura) o altre bevande salutari come tisane, infusi o centrifugati e spremute. La cosa importante è bere, ma se punti a un risparmio economico meglio essere informato sulla plastic tax che a tutti gli effetti si è trasformata in una tassa sull’acqua in bottiglia, poiché gli imballaggi colpiti da questa tassa non sono solo quelli per le spedizioni ma anche gli imballaggi primari dei contenitori monouso come appunto quelli per l’acqua in bottiglia.

Perché è importante bere

La prima regola per la salute del corpo è quella di mantenerlo idratato, poiché l’acqua:

  • aiuta a sviluppare i muscoli, infatti ben il 75% della massa muscolare è costituita da acqua;
  • contribuisce a lubrificare le articolazioni;
  • favorisce l’eliminazione delle tossine attraverso le urine e il sudore;
  • riduce l’affaticamento;
  • aiuta le facoltà cognitive, in particolare attenzione e concentrazione;
  • rinforza le difese immunitarie;
  • stimola il metabolismo a bruciare più calorie;
  • rende pelle e capelli più luminosi;
  • aiuta a regolarizzare l’intestino;
  • abbassa la pressione in coloro che soffrono di ipertensione;
  • rende persino più felici grazie a un maggiore rilascio di endorfine, gli ormoni del benessere.

L’acqua, inoltre, grazie alla sua componente minerale, risulta centrale nel mantenimento dell’equilibrio elettrolitico, indispensabile nella regolazione delle funzioni nervose.

Una delle abitudini più sane che puoi acquisire è quella di bere uno o due bicchieri d’acqua la mattina appena alzato/a, poiché è in grado di contribuire notevolmente alla disintossicazione del tuo organismo e favorire la corretta evacuazione mattutina.

Per quanto concerne il calcolo del quantitativo di acqua da assumere, questo si stima approssimativamente tra un litro e mezzo e due litri di acqua al giorno, equivalenti a 8 o 10 bicchieri. Ma si tratta solo di un parametro generico, poiché le esigenze cambiano in base a molteplici fattori come il sesso, l’età, patologie particolari, la stagione nella quale ti trovi o il quantitativo di attività sportiva che pratichi. Anziani e bambini per esempio hanno una dispersione maggiore di acqua e sono maggiormente esposti alla disidratazione. Meglio quindi stabilire le tue specifiche necessità insieme al tuo medico curante.

Come fare per bere di più

Esistono diverse strategie che puoi sfruttare per incrementare il consumo di liquidi durante la tua giornata, ecco un elenco delle più utili.

Prova ad aromatizzare l’acqua in modo naturale. Se non ti esalta bere la semplice acqua puoi sempre ricorrere alle acque aromatizzate da realizzare in casa con semplici ingredienti. Prova l’acqua con scorze di limone e qualche fettina di zenzero fresco per ottenere un’acqua energizzante; o ad aggiungere foglioline di menta e fragole a pezzetti se desideri realizzare un’acqua rinfrescante e profumata. Puoi usare arance, cetrioli e in generale frutta, verdura ed erbe aromatiche per ingannare il tuo gusto e darti la sensazione di consumare una bevanda differente invece che della semplice acqua.

Bevi poco ma spesso. Bere 2 o 3 bicchieri d’acqua di seguito può risultare sgradevole e anche sforzare i reni che si ritrovano a dover fare fronte a un super lavoro improvviso. Meglio, piuttosto, bere un paio di sorsi ogni mezz’ora così da regolare i meccanismi metabolici e mantenere il corpo idratato senza sforzo.

Per facilitare l’assunzione di liquidi ricorda di tenere sempre l’acqua a portata di vista, perché avendola sempre vicino sarà più facile ricordarti di bere, e soprattutto evitare la cattiva abitudine di non assecondare lo stimolo della sete nel momento stesso in cui sopraggiunge.

Scegli una bottiglia glamour. In commercio, esistono tante borracce che possono aiutarti a bere di più, alcune riportano frasi motivazionali, altre scandiscono le tacche in base agli orari, ma puoi anche decidere di personalizzarle con i colori che più ti piacciono o un’immagine che adori, sembrerà una sciocchezza ma ti aiuterà ad associare il bere con un richiamo visivo piacevole. Potrai anche sfruttare le bottiglie smart che tengono traccia dei tuoi consumi e inviano notifiche al tuo smartphone o allo smartwatch per aiutarti a calcolare quanta acqua devi ancora bere.

È possibile anche ottenere una buona idratazione senza acqua o meglio riducendone il consumo a favore di altre sostanze che consentono di ottenere risultati altrettanto ottimali. Ad esempio, puoi consumare camomilla, tè (preferibilmente quello verde per le notevoli qualità antiossidanti), tisane e infusi, a patto che non siano edulcorate con dolcificanti di alcun tipo; oppure, puoi letteralmente “mangiare l’acqua” attraverso il consumo di abbondanti quantità di frutta e verdura. Tra gli alimenti più idratanti puoi ricorrere a cocomeri, fragole, meloni ma anche uva, ciliegie, arance, pomodori, cetrioli e molti altri cibi che sono ricchi di nutrienti oltre che di acqua.

Anche se ti trovi fuori casa puoi accompagnare il tuo pasto con un centrifugato o una spremuta, poiché oggi quasi tutti i bar sono in grado di realizzare gli abbinamenti più svariati da sostituire ai meno sani succhi di frutta confezionati.

Un trucco ingegnoso da utilizzare in cucina è quello di insaporire i cibi con le spezie. Questo stratagemma rende non solo i cibi più saporiti, ma genera da parte dell’organismo una maggiore e del tutto naturale sete; attenzione però a non esagerare e finire con l’ustionarti il palato.

Se proprio non riesci a ricordarti di bere, puoi ricorrere alla tecnologia affidandoti alle app che ricordano di bere e stabiliscono gli orari in cui rammentartelo in base alle tue abitudini e in modo da suddividere equamente l’introito di liquidi durante tutto l’arco della giornata seguendo le tue esigenze.

Se prendi delle pillole o degli integratori durante la tua giornata non limitarti a quel sorso necessario a mandar giù la medicina, ma prova a riempire il bicchiere fino all’orlo e avrai assunto un decimo dell’apporto giornaliero di acqua indicato per ciascuna pillola presa.

A tavola non riempire mai il bicchiere a metà e prima di alzarti non lasciare mai acqua nel bicchiere. Ricorda, inoltre, che bere durante i pasti aiuta a saziarti più velocemente e quindi anche a perdere peso.

Se bere di più è l’obiettivo che ti sei posta/o per migliorare la tua salute allora prova con un post-it per bere con frasi motivazionali. Scegli colori diversi e distribuisci i foglietti adesivi sia in ufficio che nei vari ambienti della casa e aggiungi frasi come: “Bere ti donerà una pelle più luminosa” o “con questo bicchiere d’acqua, al mattino ti sentirai meno stanco”. Vedrai che in breve tempo avrai raggiunto i tuoi obiettivi e avrai scoperto che ogni frase sui post-it era proprio vera.

Portare l’acqua con sé è un ottimo metodo per bere regolarmente. Esistono bottigliette di tutte le dimensioni adatte anche a chi non ama portarsi dietro grandi borse. Ogni volta che toccherai la tua bottiglietta anche per caso ti sarà più facile ricordarti di bere, e se ti ritroverai in fila alla posta o nel traffico con l’auto non dovrai aspettare prima di rispondere all’eventuale stimolo della sete. Per lo stesso motivo è importante che tu porti con te l’acqua durante l’attività fisica. Mentre ti alleni il corpo perde molta acqua e non è detto che berne un grande quantitativo alla fine ti aiuti a recuperare i liquidi persi durante l’allenamento; meglio bere poco alla volta sia prima, che durante, che dopo l’attività sportiva per mantenere l’equilibrio idrico.

Quando bevi alcolici, magari durante una piacevole serata in compagnia dei tuoi amici, non dimenticare di alternare acqua alle bevande alcoliche. L’alcool, infatti, ha un forte potere disidratante perciò ricorda di bere un bicchiere di acqua per ognuno di sostanza alcolica consumata.

Se durante la giornata hai l’abitudine di consumare un certo quantitativo di caffè un buon modo per aggiungere idratazione è quello di prendere l’abitudine di bere acqua prima o dopo il caffè. In entrambi i casi avrai dei benefici, infatti, se berrai l’acqua prima del caffè preparerai lo stomaco all’introduzione della bevanda che ha un certo potere irritante, dopo, invece, ti salvaguarderà dal frequente cattivo alito che spesso segue all’assunzione di caffè.

Tassa sull’acqua in bottiglia

Non importa quale tu beva, se l’acqua del rubinetto o quella in bottiglia, la cosa più importante è bere. Ma se punti a un risparmio anche sulle tue economie allora sarà importante sapere che quella che era nata come una tassa sulla plastica si è trasformata in una tassa sull’acqua in bottiglia.

Fino a quando l’acqua non sarà contenuta obbligatoriamente in vetro, le bottiglie di plastica monouso e la confezione che avvolge la tipica cassa di acqua da sei bottiglie saranno soggette alla plastic tax. L’interpretazione larga che il legislatore dà al concetto di imballaggio colpisce anche i contenitori monouso tra cui rientrano le bottiglie d’acqua. La tassa prevista è di un euro al chilo, le bottiglie da un litro e mezzo o due litri pesano circa 40 grammi (compreso il tappo, anch’esso tassato), per cui le bottiglie avranno un costo in più di circa 4 centesimi. In conclusione, la plastic tax inciderà per almeno il 10% e l’aumento sarà ancora maggiore per le bottigliette da mezzo litro, che in proporzione costano di più.

Devo pagare un bicchiere d’acqua del rubinetto al bar? GUARDA IL VIDEO



Di Roberta Jerace


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube