Diritto e Fisco | Articoli

Proposta di conciliazione del giudice: un altro esempio

17 Ottobre 2013
Proposta di conciliazione del giudice: un altro esempio

Se la sentenza accoglie la domanda negli stessi termini della proposta di conciliazione, la parte che ha rifiutato immotivatamente la proposta di conciliazione viene condannata al pagamento delle spese processuali.

 

Come ormai noto, dal 21 agosto 2013, in presenza di determinate condizioni, il giudice può formulare alle parti, alla prima udienza di comparizione o sino a quando è esaurita l’istruzione, una proposta transattiva o conciliativa [1]. La nuova disciplina si applica a tutti i processi pendenti a tale data.

In una delle prime decisioni pubblicate in materia [2], il giudice, ha ritenuto di formulare una proposta transattiva dopo aver accertato che:

– le questioni di diritto apparivano di pronta soluzione (in particolare, l’anatocismo bancario e la commissione di massimo scoperto);

– il valore della controversia non era elevato;

– allo stato dell’istruttoria, le spese legali avevano già superato il valore della controversia.

Il giudice ha inoltre ricordato alle parti che l’eventuale loro rifiuto della proposta transattiva avanzata dal magistrato stesso deve essere adeguatamente motivato.

Mancando tale adeguata motivazione (per esempio, in caso di rifiuto solo per “questioni di antipatia” o di cosiddetto “principio”), qualora la sentenza accolga la domanda in misura non superiore alla proposta transattiva avanzata dal giudice, la parte che ha rifiutato l’offerta può essere condannata al pagamento delle spese processuali maturate dopo la formulazione della proposta [3].


note

[1] Art. 185 bis c.p.c. introdotto dall’art. 77 DL 69/2013 conv. in L. 98/2013.

[2] Trib. Nocera Inferiore ord. del 27.08.2013.

[3] Ai sensi dell’art. 91 c. 1 c.p.c.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube