Coronavirus: ecco il farmaco più promettente

17 Aprile 2020 | Autore:
Coronavirus: ecco il farmaco più promettente

Remdesivir: arrivano i primi risultati positivi. Anticipati i dati dell’utilizzo a Chicago, si attendono conclusioni trial clinici.

Remdesivir, l’antivirale sviluppato da Gilead contro l’Ebola, è stato identificato dall’Organizzazione mondiale della sanità fra le prime molecole più promettenti contro il Coronavirus. Buoni risultati sono stati ottenuti nei pazienti trattati in un ospedale di Chicago.

Dopo la pubblicazione sul New England Journa of Medicine (Nejm) di uno studio di uso compassionevole su 61 pazienti, si attendono i risultati dei trial clinici in corso su numeri più ampi di pazienti: se saranno positivi, dovrebbe arrivare il via libera accelerato della Fda e delle altre agenzie regolatorie sui farmaci negli altri Paesi.

Se sulla base di questi risultati, come precisa una nota stampa dell’agenzia Adnkronos, remdesivir si rivelerà sicuro ed efficace, potrebbe essere il primo trattamento specifico approvato contro Covid-19. Ad aprile, come annunciato dalla stessa azienda, dovrebbero arrivare i dati dello studio sull’uso di remdesivir nella forma severa di malattia, che include 2.400 partecipanti in 152 strutture in tutto il mondo.

Remdesivir: i risultati 

Un ospedale di Chicago partecipa a un trial clinico sull’utilizzo della molecola contro la malattia da coronavirus. Pazienti in gravi condizioni hanno mostrato un rapido miglioramento di sintomi respiratori e febbre e sono stati tutti dimessi in meno di una settimana, secondo i risultati anticipati dal sito di news statunitense ‘Stat’.

A Chicago sono stati arruolati 125 pazienti in due trial clinici di fase 3 condotti da Gilead. Di questi, 113 con malattia grave. Tutti sono stati trattati con infusioni giornaliere dell’antivirale. Ebbene, la stragrande maggioranza è guarita ed è stata dimessa dagli ospedali, solo 2 pazienti sono morti, hanno riferito i medici con un certo entusiasmo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube