Emicrania, ecco come prevenirla

17 Aprile 2020
Emicrania, ecco come prevenirla

Pubblicati i risultati di uno studio sull’erenumab, che può aiutare nel contrastare il dolore.

Prevenire l’emicrania si può: lo dicono i dati di uno studio pubblicato su Neurology, che riguardano il farmaco erenumab. La pubblicazione è stata annunciata oggi da Novartis, come ci rivela una nota stampa dell’agenzia Adnkronos. I dati di cui si legge nella pubblicazione rafforzano il ruolo di erenumab come trattamento preventivo dell’emicrania e confermano i benefici di sicurezza ed efficacia a lungo termine nella pratica clinica nei pazienti con emicrania episodica e cronica.

I risultati dello studio dovevano essere presentati al meeting annuale 2020 dell’American Academy of Neurology, che avrebbe dovuto svolgersi a Toronto dal 25 aprile al primo maggio. Meeting rinviato causa coronavirus.

“Questi dati recentemente condivisi consolidano l’impegno di Novartis nel reimmaginare la cura dell’emicrania e vanno ad aggiungersi al crescente numero di evidenze real-world che dimostrano l’efficacia a lungo termine di erenumab nella prevenzione dell’emicrania in tutto lo spettro della malattia”, ha affermato Estelle Vester-Blokland, Global head Neuroscience medical affairs di Novartis Pharmaceuticals. “Novartis e Amgen sono orgogliose di aprire la strada, forti della loro vasta esperienza con erenumab, la quale dimostra come i pazienti che soffrono di questa malattia altamente debilitante possano riprendersi la loro vita”.

L’emicrania è una malattia altamente debilitante, che esercita un impatto profondo e limitante sulla vita delle persone, incluso il tempo trascorso con i familiari e gli amici, o al lavoro. Erenumab – co-commercializzato negli Stati Uniti da Amgen e Novartis – è il primo e unico trattamento preventivo approvato dalla Fda che mira specificamente al recettore del peptide correlato al gene della calcitonina (Cgrp, Calcitonin Gene-Related Peptide). Va autosomministrato una volta al mese, tramite l’autoiniettore SureClick, non richiede alcuna dose di carico ed è facile da usare.

“I risultati esplorativi intermedi dello studio real-world Telescope, condotto in Germania su 109 soggetti – si legge in una nota che l’Adnkronos riporta – hanno dimostrato che l’80% dei pazienti che assumevano erenumab ha segnalato una riduzione dell’intensità dell’emicrania, mentre il 92% ha sofferto di un numero inferiore di attacchi, con una riduzione media di 8 giorni mensili di emicrania (Mmd). Inoltre, i risultati intermedi dello studio real-world Periscope – condotto sempre in Germania su 19.740 pazienti emicranici, inclusi 91 pazienti che assumevano erenumab, con una durata media complessiva della malattia di 18 anni – hanno dimostrato che l’85% dei pazienti che assumevano erenumab era in grado di svolgere meglio le proprie attività quotidiane. Non solo: dall’inizio del trattamento, l’83% ha perso meno giorni a causa dell’emicrania”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube