Diritto e Fisco | Articoli

Le principali problematiche del mutuo cointestato

20 Aprile 2020
Le principali problematiche del mutuo cointestato

Pro e contro del mutuo intestato a più persone: solidarietà passiva, debiti, rischio pignoramento e separazione. 

Quando una coppia di coniugi acquista una casa in comunione dei beni la banca esige, sul contratto di mutuo, la firma di entrambi. È solo una delle ipotesi di mutuo cointestato. Ben si potrebbe verificare la stessa soluzione, ad esempio, nel caso in cui un giovane con un reddito basso faccia domanda di un finanziamento e, a garanzia dell’adempimento, la filiale chieda anche l’obbligazione di un familiare, ad esempio il padre. 

Il mutuo cointestato assolve così alla stessa funzione della fideiussione: aggiungere un ulteriore soggetto a garante della restituzione del denaro.

Naturalmente, tale soluzione, se da un lato agevola la concessione del prestito, aumentando le garanzie per il creditore, finisce per duplicare il rischio dal lato passivo. Possiamo allora dire che, tra le principali problematiche del mutuo cointestato vi è la cosiddetta «responsabilità solidale» nei confronti della banca. 

Approfondiremo meglio la questione nei successivi paragrafi.

Mutuo cointestato: è obbligatorio?

Spesso, sono le banche a chiedere la doppia firma sul contratto di mutuo. Ciò succede, come anticipato in apertura, nel caso di una coppia di coniugi in comunione dei beni che stipula il mutuo per l’acquisto di un immobile. 

Il mutuo cointestato però può ricorrere anche nel caso di una coppia di conviventi che decida di comprare casa e di intestarla ad entrambi. E così può avvenire anche tra soci e società per un finanziamento concesso a quest’ultima. 

Lo scopo del mutuo cointestato è quello di aumentare le garanzie per la banca che, in tal modo, può superare eventuali filtri alla concessione del prestito derivanti dalle condizioni economiche del richiedente. L’aggiunta di un altro cointestatario, infatti, consente al creditore di agire indifferentemente contro l’uno o l’altro in caso di inadempimento (di tanto parleremo meglio a breve). In questo modo, se un soggetto non risponde dei redditi sufficienti per ottenere il mutuo, attraverso la cointestazione a un’altra persona più solvibile riuscirà a realizzare il proprio obiettivo.

Il mutuo cointestato non è un’ulteriore figura di mutuo. Può trattarsi di un qualsiasi tipo di mutuo, con la differenza, però, che la parte mutuataria è costituita da più soggetti (che possono essere persone fisiche o giuridiche). 

Maggiori approfondimenti nella guida Mutuo cointestato: cos’è e come funziona.

Mutuo cointestato: differenze con la fideiussione

Come anticipato, la funzione tipica della cointestazione del mutuo è raddoppiare le garanzie per la banca creditrice che, in caso di inadempimento, anziché rivalersi contro una sola persona, potrà farlo contro due o più (ossia contro tutti i coitestatari). 

Si tratta quindi della stessa finalità che, di solito, viene ottenuta attraverso la fideiussione. Ma con alcune differenze. 

La fideiussione potrebbe, infatti, contenere delle limitazioni per la banca. Innanzitutto, potrebbe essere previsto il cosiddetto «beneficio di preventiva escussione» in base al quale, se la rata non dovesse essere versata, l’istituto di credito avrebbe l’obbligo di agire prima nei confronti del debitore principale e poi contro il garante. Invece, nel mutuo cointestato, il creditore può agire indifferentemente contro tutti i cointestatari anche nello stesso momento.

In secondo luogo, nella fideiussione, il garante risponde solo del debito contratto dal debitore principale al momento della stipula dell’originario finanziamento; per cui, se in un successivo momento la banca dovesse ampliare il credito senza consenso del garante, quest’ultimo non risponderebbe di tali ulteriori debiti.

Mutuo cointestato: pro e contro

Il vantaggio principale del mutuo cointestato si può percepire soprattutto nella fase della concessione del mutuo stesso che, come detto, è più agevole rispetto all’ipotesi in cui il firmatario sia una sola persona. 

Ma non solo. Se, nel caso di sopravvenuta insolvenza di uno dei due cointestatari (si pensi a un improvviso e imprevedibile licenziamento), questi non dovesse più poter pagare le rate, ci sarebbe sempre la garanzia dell’altro che, in tal modo, corrispondendo il dovuto alla banca, eviterà il pignoramento immobiliare. Insomma, il rischio di un’asta giudiziaria si allontana.

La cointestazione del mutuo, peraltro, non aumenta le garanzie reali: se, infatti, il finimento è coperto da ipoteca, questa resterà sempre unica e del medesimo valore anche se i titolari del mutuo sono due o più persone. 

Le detrazioni fiscali collegate agli interessi passivi del mutuo spettano a tutti i cointestatari del mutuo se questi sono anche comproprietari della casa.

Ad esempio, due coniugi cointestari di un mutuo e comproprietari dell’abitazione possono detrarre il 19% degli interessi passivi pagati ciascuno per la quota di pertinenza.

Per quanto riguarda, invece, gli svantaggi del mutuo cointestato questi sono soprattutto da identificarsi nella cosiddetta «solidarietà passiva» o «responsabilità solidale»: tutti i mutuatari sono obbligati al pagamento dell’intero debito. Con la conseguenza che, in caso di inadempimento, il creditore potrà agire contro ciascun di questi per l’intero importo. 

Se uno dei cointestatari dovesse subire il pignoramento, potrebbe poi rivalersi contro l’altro cointestatario ottenendo da questi la restituzione della sua quota del mutuo cointestato.

Dunque, nei confronti della banca tutti i cointestatari sono responsabili, ma nei rapporti tra questi valgono le quote concordate (al 50% se non diversamente indicato).

Un altro problema della cointestazione è che non consente al cointestario di uscire dal mutuo se non con il consenso della banca. In alternativa, le parti possono decidere di vendere il bene – per quanto vi sia un finanziamento in corso – e, con il ricavato, estinguere prima il debito con la banca dividendo l’eventuale residuo.

La contestazione del mutuo presenta svariate problematiche in caso di separazione dei coppia di coniugi. Quando entrambi siano cointestatari del mutuo, anche dopo la separazione il debito resta in capo ad entrambi, a prescindere dal fatto che gli accordi tra di loro stretti, in costanza di matrimonio, prevedessero che il pagamento della rata fosse curato solo da uno.

Corrado e Giovanna sono due giovani sposini che acquistano una casa cointestando il mutuo. Dopo qualche anno, i due si separano. Il giudice assegna la casa a Giovanna perché da lei vanno a stare i figli. Corrado smette di pagare il creditore. La banca, a questo punto, potrà rivalersi contro Giovanna iniziando un pignoramento nei suoi confronti. 

Anche in questo caso, non è possibile risolvere il problema con la banca se non con il consenso di quest’ultima o, eventualmente, vendendo il bene e saldando il residuo debito. 

Un’ulteriore soluzione sarebbe quella, sempre con l’accordo del creditore, di sostituire uno dei cointestatari con un altro o aumentare le garanzie reali (ad esempio, aggiungere una seconda ipoteca).  

Leggi Mutuo cointestato: come liberarsi del debito dopo la separazione.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube