Politica | News

Rinviate tutte le elezioni regionali e amministrative

20 Aprile 2020
Rinviate tutte le elezioni regionali e amministrative

Sette Regioni e mille Comuni al voto in autunno: le scadenze pre-Coronavirus sono state posticipate dal nuovo decreto varato oggi in Consiglio dei ministri.

Il Consiglio dei ministri riunito oggi ha appena approvato il rinvio delle elezioni amministrative e regionali.

Come apprendiamo dall’agenzia stampa Adnkronos, per le Regioni ci sarà una finestra temporale nel periodo che va da settembre a fine ottobre. Per i Comuni invece il periodo è più ampio:  le amministrative si terranno nel periodo tra il 15 settembre e il 15 dicembre.

Sono ben sette le Regioni coinvolte: si tratta di Veneto, Liguria, Campania, Toscana, Marche, Puglia e Valle D’Aosta. Per le amministrative la platea riguarda oltre mille Comuni.

Secondo le fonti di governo interpellate dall’Adnkronos in attesa di conoscere il testo ufficiale, la data delle elezioni regionali può essere fissata in una delle 4 domeniche prima della scadenza fissata dal nuovo Decreto legge. Per i Comuni invece potrebbe profilarsi anche un unico election day che renderebbe più facile la programmazione e la gestione delle elezioni amministrative.

Nel frattempo la durata degli organi regionali attualmente in carica è stata posticipata al 31 agosto- fino a 66 giorni dopo, ossia tra il nove agosto e il 1 novembre. Nella nota di Palazzo Chigi si legge che “gli organi elettivi regionali a statuto ordinario il cui rinnovo è previsto entro il 2 agosto 2020 dureranno “in carica cinque anni e tre mesi”, dunque le elezioni si svolgeranno “nei sessanta giorni successivi a tale termine o nella domenica compresa nei sei giorni ulteriori”. Conti alla mano, le regionali dovrebbero svolgersi dunque entro il 1 novembre.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube