Fattura elettronica: rinviato il tracciato obbligatorio

21 Aprile 2020 | Autore:
Fattura elettronica: rinviato il tracciato obbligatorio

Slitta al 1° gennaio 2021 il vincolo di utilizzare il nuovo sistema di fatturazione digitale, previsto inizialmente per ottobre di quest’anno.

L’emergenza coronavirus costringe l’Agenzia delle Entrate ad un nuovo rinvio, dopo quelli già previsti per scadenze e pagamenti vari. Questa volta è il turno del nuovo tracciato Xml della fattura elettronica. Il termine per l’uso obbligatorio di questo sistema è stato spostato al 1° gennaio 2021. Lo ha confermato l’Agenzia delle Entrate in un provvedimento appena pubblicato [1].

Slitta, dunque, di tre mesi il ricorso obbligatorio alle nuove tecniche di fatturazione elettronica. In un primo momento, era stata stabilita la data del 4 maggio 2020 per l’utilizzo facoltativo del tracciato Xml, mentre quello forzoso doveva scattare il 1° ottobre 2020. Di fronte, però, all’emergenza sanitaria in corso e dietro sollecitazione da parte degli operatori e delle associazioni di categoria, l’Agenzia delle Entrate ha deciso di concedere un’ulteriore proroga fino all’inizio del prossimo anno. Lo stesso vale per la fatturaPa, cioè le fatture emesse verso le pubbliche amministrazioni, secondo le specifiche tecniche della versione 1.8.1 pubblicata su Internet.

Questo significa che le fatture elettroniche e le note di variazione emesse tra il 1° ottobre 2020 ed il 1° gennaio 2021 verranno accettate dal Sistema di interscambio anche se sono state elaborate con l’attuale sistema e non con quello che successivamente diventerà obbligatorio. Dal 1° gennaio 2021, però, il sistema rifiuterò le fatture non emesse con il nuovo tracciato Xml.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube