Cronaca | News

Coronavirus: Trump vuole chiudere gli Usa con decreto

21 Aprile 2020 | Autore:
Coronavirus: Trump vuole chiudere gli Usa con decreto

Covid-19: Trump sospende l’immigrazione. Rischio stop per visti già concessi. 

Donald Trump potrebbe firmare già oggi l’ordine esecutivo per sospendere l’immigrazione anche legale come ha annunciato nel tweet in cui fa riferimento alla minaccia del “nemico invisibile”, il coronavirus, e la necessità di “proteggere dei nostri grandi cittadini americani”. Lo scrive il Washington Post, citando due fonti della Casa Bianca che spiegano come sia pronta la bozza che prevede lo stop di praticamente tutti gli ingressi affermando che, in questo modo, si evita la diffusione del coronavirus da parte di stranieri.

Oltre 787mila sono i casi confermati negli Stati Uniti. Con questo numero, gli Usa sono il Paese con il maggior numero di infezioni al mondo, secondo la mappa della John Hopkins University.

Trump con questa mossa punta alla rielezione di novembre insistendo sul tema dei successi avuti nel bloccare l’immigrazione. Insomma, così riuscirebbe ad ottenere quello che finora gli era stato negato, cioè la possibilità di sigillare gli Stati Uniti per decreto.

Dall’inizio della pandemia, gli Usa hanno imposto restrizioni di viaggio con la Cina, l’Europa ed altri luoghi di maggior contagio, chiudendo ai viaggi non essenziali i suoi confini sia meridionali con il Messico che settentrionali con il Canada.

Un eventuale ordine di stop, come riporta una nota stampa dell’Adnkronos, potrebbe avere effetti sui le centinaia di migliaia di persone che in questi mesi hanno ottenuto il visto (soprattutto per il ricongiungimento familiare) e non sono ancora entrati negli Usa.

Il dipartimento di Stato – che dal 18 marzo scorso, sempre citato il coronavirus come ragione, ha sospeso
quasi tutti i processi per i visti, compresi quelli per i rifugiati – lo scorso anno ha concesso 460mila visti, mentre gli uffici stanno visionando l’approvazione di 580mila richieste di green card, il permesso di soggiorno permanente.

Un ordine del genere non avrebbe precedenti nella storia americana, sottolineano gli storici che ricordano come durante il picco della pandemia di influenza del 1918, allora detta ‘la spagnola’, entrarono negli Usa oltre 110mila immigrati. Anche durante la Seconda Guerra mondiale arrivarono 170mila migranti con la green card e 227mila lavoratori agricoli temporanei dal Messico.

Il direttore degli immigration studies al Cato Institute, think tank libertarian, Alex Nowrasteh, afferma che Trump ha l’autorità di firmare un ordine del genere in tempo di crisi e si stupisce che non abbia cercato prima di sfruttare la pandemia per ottenere uno dei suoi principali obiettivi politici. “Il presidente si oppone all’immigrazione legale dall’inizio della sua amministrazione – ha dichiarato – questa è un’opportunità per chiuderla completamente in un modo più legittimo possibile”.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube