Coronavirus, perché i neonati sono al sicuro

21 Aprile 2020
Coronavirus, perché i neonati sono al sicuro

Il caso del bambino nato positivo ad Aosta non deve allarmare: un esperto spiega il motivo.

All’ospedale di Aosta sarebbe nato un bambino positivo al Coronavirus. La notizia, al momento, non ha il crisma dell’ufficialità: non è stata confermata per motivi di privacy, ma non sarebbe il primo caso. All’ospedale Beaureguard di Aosta esiste un protocollo per cui le donne incinte alla trentottesima-trentanovesima settimana di gestazione vengono sottoposte a tampone per la diagnosi di Covid1-19.

La madre del bimbo aveva contratto la malattia: ha partorito la settimana scorsa, con 38 di febbre. Sottoposto a tampone subito dopo la nascita, l’esito è arrivato nel giro di ventiquattr’ore: esito positivo. L’ospedale ha dovuto riorganizzare la degenza nei reparti di Ostetricia e Pediatria per ridurre al minimo il rischio di contagi.

Ci sono però dei motivi per non lasciarsi scoraggiare, nel caso in cui il virus si trasmetta a bambini così piccoli. Ne ha parlato all’agenzia di stampa Adnkronos il neonatologo Fabio Mosca, presidente della Società italiana di Neonatologia (Sin), e responsabile della Neonatologia della clinica Mangiagalli di Milano.

“Il contagio in utero da una mamma positiva a Covid-19 è molto improbabile, quello post-partum è possibile, anche se nella maggior parte dei casi non avviene, rispettando alcuni accorgimenti. Non conosco il caso di Aosta, ma oramai alla Mangiagalli abbiamo una casistica di 22-23 neonati figli di mamme positive, tutti negativi finché erano in ospedale, e in seguito rimasti tali tranne uno. Dunque l’evenienza che possa esserci una trasmissione tra madre e figlio esiste ma è residuale, a patto di adottare criteri mirati a ridurre questo rischio al massimo”.

L’esperto ritiene che, quando si può, “l’opzione da privilegiare è quella della gestione congiunta di madre e bambino, per facilitare l’interazione e favorire l’allattamento al seno. Una cosa possibile quando una donna Sars-Cov-2 positiva sia asintomatica o paucisintomatica, o ancora in via di guarigione. Se invece la madre è positiva e ha un’infezione respiratoria pienamente sintomatica (febbre, tosse, secrezioni respiratorie) o in fase acuta, con compromissione dello stato generale, madre e bambino dovranno essere separati. Nella stragrande maggioranza dei casi alla Mangiagalli questo approccio, abbinato naturalmente al lavaggio delle mani e all’uso della mascherina, ha evitato la trasmissione del virus. In generale però è bene interrogarsi sempre prima di separare una mamma dal suo bambino: in caso di infezione il neonato sviluppa infatti una malattia banale o resta asintomatico, dunque è bene tener conto di tutti questi elementi e soprattutto dello stato di salute della mamma”.

Tutto questo, secondo Mosca, deve concorrere a tranquillizzare riguardo i rischi che i piccoli corrono, laddove contraggano il virus.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube