Coronavirus: in arrivo un’ondata di depressione

23 Aprile 2020 | Autore:
Coronavirus: in arrivo un’ondata di depressione

Il malessere psicologico ai tempi del Covid-19.

Siamo in piena pandemia. La paura di ritrovarsi in una situazione inattesa e potenzialmente dannosa per la nostra salute e per quella dei nostri cari, il rischio di contagio, la necessità di una condizione di isolamento sociale comportano un incremento del malessere psicologico e predispongono la popolazione al rischio di cadute depressive.

La difficoltà di adattamento a questa situazione di incertezza protratta nel tempo, si ripercuote sul comportamento, sull’emotività, sull’umore generando insonnia, ansia, panico e depressione.

Le donne sono colpite il doppio degli uomini

Come riporta il ministero della Salute, la depressione colpisce principalmente le donne. La correlazione della depressione con il sesso femminile è stata osservata praticamente in tutti gli studi di prevalenza sui disturbi mentali. Il rapporto tra prevalenza dei disturbi depressivi negli uomini e nelle donne è di 1 a 2.

Ma quando si manifesta la depressione? Spesso, compare nelle donne in età adolescenziale, subito dopo il menarca (primo flusso mestruale).

Depressione post partum

La depressione post-partum colpisce, con diversi livelli di gravità, dal 7 al 12% delle neomamme ed esordisce generalmente tra la 6ª e la 12ª settimana dopo la nascita del figlio, con episodi che durano solitamente da 2 a 6 mesi. Quali sono le principali sensazioni che si manifestano in questi casi? La donna si triste senza motivo, irritabile, facile al pianto, non all’altezza verso gli impegni che la attendono.

Depressione e disturbi legati all’ansia: lo studio cinese

Uno studio cinese condotto tra 1000 operatori sanitari (medici e infermieri, il 76,7% degli intervistati erano donne) impegnati a Wuhan, e in prima linea per il contrasto all’epidemia, tra il 29 gennaio e il 3 febbraio, ha evidenziato una maggiore incidenza della depressione e dei disturbi legati all’ansia e all’insonnia negli operatori donne. Disturbi non solo legati al distanziamento sociale dai propri cari ma anche alla stigmatizzazione sociale a causa del proprio lavoro.

Coronavirus: come prevenire ansia e depressione?

Enrico Zanalda, presidente della Sip (Società italiana di psichiatria), in un’intervista rilasciata a Il Messaggero, spiega che non è semplice evitare ansia e depressione, ma “Si possono supportare le persone che durante la fase critica del Covid possono essere più soggette a situazione di alto rischio o stress o che stanno subendo dei lutti in questo periodo. Si possono supportare anche quelle che si trovano in una condizione di difficoltà economica perché hanno perso il lavoro. Covid-19 diventa un problema economico e sociale, oltre che di salute. Lo abbiamo visto anche nel 2007 con la crisi economica e con l’aumento dei suicidi. Spero non si arrivi a questo, ma le conseguenze di questo lockdown sono rilevanti per la salute”.

Approfondimenti

Per ulteriori informazioni leggi i miei articoli:



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube