Coronavirus, buone notizie sul vaccino

23 Aprile 2020
Coronavirus, buone notizie sul vaccino

Procede a ritmi forsennati il lavoro dei ricercatori per produrre la sostanza che potrà darci gli anticorpi per resistere al Covid-19.

Si era parlato all’incirca di un anno e mezzo: per ottobre 2021 il vaccino che dovrà renderci immuni dal Coronavirus esisterà di sicuro, o almeno lo speriamo. Ma c’è anche chi pensa di fare prima. Due sono le buone notizie che riguardano il vaccino al Covid, sul quale stanno lavorando i ricercatori di mezzo mondo e provengono da Svizzera e Stati Uniti.

La corsa della Svizzera

L’università di Berna è particolarmente ottimista. Lo veniamo a sapere dal portale Swissinfo.ch., da cui a sua volta ha attinto l’agenzia di stampa Adnkronos per fornirci queste informazioni. Secondo Martin Bachmann, docente di immunologia dell’ateneo di Berna la popolazione svizzera potrebbe essere già vaccinata a partire da ottobre. Ottobre 2020, non 2021.

Bachmann ha spiegato la metodologia che l’università elvetica sta usando: “Nello sviluppare il suo vaccino, il team svizzero segue un approccio diverso rispetto ad altri laboratori: utilizza particelle simili al virus, che non sono contagiose, a differenza del virus stesso, e permettono una buona risposta immunitaria. Un prototipo sarebbe stato sviluppato già in febbraio, poche settimane dopo che il virus era stato identificato in Cina, ed è stato testato con successo su topi da laboratorio, mostrando che il siero è in grado di neutralizzare il virus”.

Una ventata di speranza, dopo la conferenza stampa di ieri dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che ci ha ricordato, nell’ordine: che il virus può tornare, che niente sarà più come prima, che dobbiamo prepararci a una ‘nuova normalità’ (leggi l’articolo: Coronavirus, Oms: l’epidemia può riaccendersi).

La tabella di marcia americana

Anche gli Stati Uniti partecipano alla corsa al vaccino. La tabella di marcia che si è dato Antony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid), è rigida: entro autunno 2020 il farmaco per curare il Coronavirus, dopo gennaio 2021 il vaccino. Malgrado le minimizzazioni di Donald Trump, la macchina della scienza si è messa in moto comunque ed è al lavoro da tre mesi.

Il Corriere della Sera, oggi, ha raccolto le dichiarazioni di due italiani che lavorano al Niad: Cristina Cassetti, vice direttrice della divisione di Microbiologia e Malattie infettive del Niaid e Paolo Lusso, responsabile della sezione del Laboratorio di patogenesi virale del Niaid. Dichiarazioni che fanno ben sperare.

“Tra giugno e luglio – ha detto Cassetti al Corriere – si entra in quella che chiamiamo la “fase due”, con test su molte persone per studiare la sicurezza e la capacità di stimolare una risposta immunitaria del vaccino. Il momento decisivo dovrebbe cadere dopo settembre quando si capirà se la formula è efficace oppure no”. Mentre Lusso, sempre dalle colonne del CorrSera, sottolinea un altro aspetto che rende fiduciosi i ricercatori: “Il Covid-19 non sembra essere estremamente mutevole come altri virus. Per esempio quello dell’influenza, che cambia ogni anno, o quello dell’Hiv, su cui ci stiamo rompendo la testa da decenni”. Questo dovrebbe semplificare il lavoro degli scienziati.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube