Diritto e Fisco | Articoli

Infrazioni: il verbale deve indicare la condotta del multato

6 Gennaio 2012
Infrazioni: il verbale deve indicare la condotta del multato

Non è valido il verbale, e quindi anche la multa, se non descrive il fatto oggetto dell’infrazione.

Il verbale di contestazione di un’infrazione amministrativa (per esempio una multa da violazione del codice stradale) deve necessariamente contenere l’indicazione del fatto che sta alla base della sanzione amministrativa, con tutte le circostanze che lo delineano (anche in ordine alle dichiarazioni contestuali eventualmente rese dal preteso trasgressore) [1].

Pertanto, non basta che la sanzione contenga solo le generalità del contravventore, i riferimenti di luogo e di tempo dell’accertamento, nonché l’indicazione della norma che si ritiene violata. Senza l’esposizione sia pure sommaria del fatto che ha determinato la contravvenzione il verbale non è valido e il giudice deve annullare la successiva ordinanza-ingiunzione sullo stesso fondata.

 


note

[1] Cass. 21.12.2011 n. 28046.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube