Diritto e Fisco | Articoli

Testamento della coppia sposata senza figli: lasciare tutto al coniuge?

12 dicembre 2013


Testamento della coppia sposata senza figli: lasciare tutto al coniuge?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 dicembre 2013



Due coniugi, senza figli e in regime di separazione di beni hanno intenzione di lasciare, alla morte di ciascuno dei due, tutti i beni mobili e immobili del coniuge defunto in eredità al coniuge ancora in vita, avendo la certezza che fratelli, sorelle, nipoti ecc. del coniuge defunto non possano in alcun modo rivendicare l’eredità di alcun bene. È valido questo tipo di testamento?

Non avendo discendenti o ascendenti in linea retta, l’unico legittimario di ciascuno dei due coniugi è l’altro coniuge. Fratelli, sorelle e loro discendenti non possono vantare alcun diritto sull’eredità.

Ciascuno dei due coniugi è quindi libero di disporre con testamento del proprio patrimonio come più gli aggrada. Pertanto è valido il testamento che nomini unico erede universale il coniuge. Ciò potrà avvenire con un atto privato che si chiama “testamento olografo”.

Come si fa un testamento olografo?

Il testamento olografo ha 3 requisiti essenziali per la sua validità:

1) deve essere scritto interamente di pugno dal testatore senza l’ausilio di mezzi meccanici;

2) data;

3) firma.

Al di fuori di queste formalità non è obbligatoria altra formula sacramentale e il testatore può esprimere le sue volontà con le parole che preferisce (anche se, per evitare errori o ambiguità, è sempre meglio, una volta scritto, farlo visionare al proprio notaio di fiducia).

Attenzione al fatto che il codice vieta il testamento congiuntivo: la coppia, cioè, deve fare due testamenti autonomi e mai un unico atto.

Il testamento olografo può essere conservato da una persona (o meglio più persone) di fiducia o affidato in deposito fiduciario al notaio che procederà alla sua pubblicazione alla morte del disponente.

Il testamento olografo può essere comunque modificato o revocato in qualsiasi momento.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

4 Commenti

  1. In altro commento trovato in Internet e a firma dell’Ufficio Studi del consiglio Notarile del 18 giugno 2014 leggo che la quota riservata per legge all’altro coniuge non è il 100% ma due terzi, per cui per legge un terzo andrebbe a fratelli e sorelle. Mi conferma?
    L’articolo in questione può trovarlo in:
    http:// lanuovasardegna. gelocal.it/sassari/cronaca/2014/06/18/news/i-coniugi-senza-figli-sono-liberi-di-escludere-i-fratelli-dal-testamento-1.9448385

    1. se muore il coniuge che con olografo aveva nominato erede universale la moglie che tuttavia muore mesi prima di lui, i beni a chi andranno, non avendo figli?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI