Cronaca | News

Coronavirus: che fine farà il turismo in Italia

24 Aprile 2020 | Autore:
Coronavirus: che fine farà il turismo in Italia

Secondo Mariastella Gelmini serve un decreto ad hoc per il settore del turismo.

Le vacanze estive non saranno più le stesse. Il settore del turismo in Italia è visibilmente in crisi. Il 50% degli alberghi e ristoranti sono in affitto e con un fatturato vicino allo zero non riescono a sostenere i pagamenti. Poi, bisogna affrontare il tema degli stagionali. E’ quanto ha sottolineato in Aula a Montecitorio, Mariastella Gelmini.

Il capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati ha illustrato un ordine del giorno al decreto ‘Cura Italia’ e, come riporta Adnkronos, ha evidenziato che ”Questa mattina sul ‘Corriere della Sera’ c’è il grido di dolore di tutti gli operatori del mondo del turismo, un grido di dolore che è rivolto al presidente Conte, al ministro Franceschini, ma che forse andrebbe indirizzato anche al ministro Gualtieri. Perché un comparto che genera il 13% del Pil, il 15% dell’occupazione e che contribuisce al saldo attivo della bilancia commerciale del Paese con 17 miliardi di euro, non può e non deve morire”.

Il taglio del fatturato per il comparto del turismo “equivale al 75%, è evidente che serve da parte del governo un’attenzione concreta. Il nostro non è un appello a valutare, è una richiesta di fare bene e di fare presto in un ambito nel quale da soli gli operatori – gli albergatori, i ristoratori, i tour operator, le agenzie di viaggio – non possono riuscire a far fronte a questo tsunami”.

“Chiediamo che a fronte di tanti decreti, di tante ordinanze, di tanti Dpcm, ci sia invece un decreto ad hoc per il settore del turismo. Ad oggi i lavoratori di questo comparto hanno ricevuto la cassa integrazione laddove sono stati gli imprenditori a pagarla, perché dallo Stato non è arrivato un euro. Chiediamo che per questo settore venga valutato seriamente lo stato di crisi, e che si affronti il tema degli affitti. Il 50% degli alberghi e ristoranti sono in affitto e a fronte di un fatturato vicino allo zero non sono in grado di pagare, ma non è neanche giusto che a rimetterci siano i proprietari di quegli immobili: deve essere lo Stato a stanziare risorse a fondo perduto. Va affrontato il tema degli stagionali, e occorre riprendere in considerazione quel fondo di 2,5 miliardi proposto da Forza Italia. Servono fatti concreti, risorse vere e non chiacchiere”, ha concluso.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube