Il Coronavirus sta perdendo potenza

24 Aprile 2020
Il Coronavirus sta perdendo potenza

All’ospedale di Genova arrivano meno pazienti e con sintomi meno gravi rispetto a marzo. L’osservazione fa ritenere che il Covid-19 stia esaurendo la sua forza.

Il Coronavirus perde potenza e la sua forza sta declinando. Stavolta, non lo afferma un anziano premio Nobel straniero, come il francese Luc Montagnier che si riferiva solo all’ipotesi del virus manipolato, ma un clinico italiano impegnato tutti i giorni in prima linea nell’osservazione dei pazienti: è il primario Matteo Bassetti, direttore di Malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova.

In un’intervista a ‘La Verità’ in edicola oggi e riportata anche dall’Adnkronos Salute, l’esperto afferma – dati alla mano – che “il Coronavirus ha perso potenza” e questo fenomeno è constatato su un’osservazione diretta e accertata in ospedale: “vediamo una diminuzione complessiva del numero dei casi, e questo è un dato continuo, accertato e costante”.

Bassetti spiega che “i ricoveri che stiamo vedendo in ospedale negli ultimi giorni sono di pazienti con una complessità molto più bassa. Quindici giorni fa arrivavano pazienti che avevano fame d’aria, soffocavano. Bisognava uscire dal pronto soccorso con una mascherina d’ossigeno o bisognava subito intervenire con il casco o addirittura l’intubazione. Oggi questi casi non arrivano più o quantomeno ne arrivano molti meno rispetto alla prima fase”.

Come si spiega questa tendenza, che viene registrata anche dal recente ed eccezionale aumento del numero dei pazienti guariti? Il primario risponde così: “Da una parte si può ipotizzare che il virus, in qualche modo, abbia perso la sua forza iniziale, si stia fiaccando. Oppure evidentemente ci sono meno casi e, siccome i casi gravi sono una piccola parte, anche in ospedale ne arrivano meno”.

Certo, le conclusioni sono ancora provvisorie: “Bisogna vedere se i dati saranno confermati dal trend dei prossimi giorni – sottolinea Bassetti – però la sensazione è che il virus abbia perso forza e quello spirito di aggressione che aveva nella metà del mese di marzo”.

Il direttore del reparto malattie infettive dell’ospedale genovese non è il primo a constatare questo fenomeno che lascia ben sperare: anche il suo collega immunologo Francesco La Foche, primario al Policlinico Umberto I di Roma, aveva affermato pochi giorni fa che il Coronavirus si sta spegnendo da solo. Intanto, non c’è da abbassare la guardia, ma alla luce di questi dati e tendenze si può nutrire un ragionevole ottimismo su come si evolverà una pandemia che ha messo in ginocchio il mondo intero.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube