HOME Articoli

Lo sai che? Donazione: i problemi che si profilano con l’eredità per timore di un’azione dei legittimari

Lo sai che? Pubblicato il 29 dicembre 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 29 dicembre 2013

Una persona pur avendo figli legittimi può donare un immobile a suo fratello?

Sicuramente è possibile donare al proprio fratello un immobile, anche se si abbia dei figli.

Tuttavia, la donazione potrebbe creare dei problemi in futuro. Infatti, la donazione è considerata una sorta di anticipo sulla futura successione e quindi potrebbe andare a ledere i diritti degli eredi legittimari del donante (i quali sono: coniuge e figli). Ciò perché  una parte del patrimonio a loro spettante è stata invece donata ad un fratello.

Tali soggetti legittimari allora potrebbero impugnare la donazione. Questa eventualità potrebbe creare timori in eventuali terzi con potrebbero avere interesse ad acquisire diritti sul bene: per esempio, eventuali successivi acquirenti del fratello o le banche a cui è stata data l’ipoteca sul bene medesimo.

Dunque, se anche l’eventuale disaccordo tra i parenti potesse essere risolto da un bonario accordo familiare, come può ben captare, la donazione potrebbe influire negativamente sulla possibilità di vendita a un terzo di tale immobile da parte del fratello che ha ricevuto il bene: l’estraneo interessato all’acquisto non può sapere se non vi sarà qualche erede del donante, magari non conosciuto o non ancora esistente (nuovo figlio o nuovo coniuge) che un giorno potrà attaccare il suo acquisto; inoltre potrebbe incontrare difficoltà nell’accedere a un mutuo, in quanto le banche spesso rifiutano i mutui garantiti con immobili di provenienza da donazioni.

Il problema sussiste per 20 anni dalla trascrizione della donazione o 10 anni dalla morte del donante.

Per questo motivo alcuni preferiscono ricorrere ad una vendita fittizia, dichiarando il pagamento di un prezzo che però non avviene, mettendo così in atto una simulazione.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. i miei genitori sono divorziati da anni. adesso mio padre ha un figlio di e una nuova moglie. io e mia sorella non conosciamo il fratello e nostro padre non lo vediamo da anni. portiamo tutti lo stesso cognome. vorrei sapere se spetta comunque anche a noi una parte di eredità nonostante la nuova moglie si sia intestata tutti i beni a suo nome. grazie!!!!!!

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI