Cronaca | News

Covid-19, il Cura Italia è legge: tutte le novità

25 Aprile 2020 | Autore:
Covid-19, il Cura Italia è legge: tutte le novità

Le modifiche introdotte dal Parlamento: dalla proroga degli sfratti alla sospensione del mutuo prima casa anche per autonomi e liberi professionisti.

Con il voto di fiducia della Camera, il decreto Cura Italia che contiene le prime misure per contrastare l’emergenza coronavirus è diventato legge. Come spesso succede, la versione uscita in prima battuta dal Consiglio dei ministri è stata in parte modificata dal Parlamento. Vediamo come e quali sono le principali novità.

Vengono prorogati gli sfratti dal 30 giugno al 1° settembre 2020 e destinati 69,5 milioni di euro al Fondo contributi affitti e al Fondo morosità incolpevole. Questi soldi finiranno tra una decina di giorni nelle casse delle Regioni affinché siano distribuiti nei 30 giorni successivi al Comuni.

Modificate le regole di accesso al Fondo Gasparrini per la sospensione dei mutui prima casa: ora potranno beneficiarne anche i lavoratori autonomi ed i liberi professionisti, a condizione che certifichino un calo di un terzo del fatturato nel trimestre successivo al 21 febbraio 2020 e precedente la domanda, oppure nel minor lasso di tempo intercorrente tra il 21 febbraio 2020 e la data della domanda qualora non sia trascorso un trimestre, a causa della chiusura o della diminuzione dell’attività per via dell’emergenza Covid-19. Non sarà richiesta la presentazione dell’Isee. I mutui per i quali è ammessa l’agevolazione non devono superare l’importo di 400mila euro.

Resta sospesa per 6 mesi dall’entrata in vigore della legge appena approvata dal Parlamento (è prevista per il 30 aprile, quindi in teoria fino a fine ottobre 2020) qualsiasi procedura esecutiva per il pignoramento dell’abitazione principale del contribuente.

Aboliti i 2 anni in più per gli accertamenti fiscali che in prima battuta erano stati riconosciuti all’Agenzia delle Entrate. Questo comporta che dal 1° giugno fino alla fine dell’anno il Fisco effettuerà circa 8 milioni e mezzo di notifiche tra accertamenti, liquidazioni, atti bonari e altro.

Vengono sospesi, in materia di processo tributario, i termini per la notifica del ricorso in primo grado davanti alle Commissioni tributarie ed il termine di 90 giorni dalla notifica entro il quale bisogna chiudere la procedura di mediazione.

Altre novità del Cura Italia sono l’istituzione di nuove zone rosse, l’assunzione di 20mila tra medici e infermieri ed il rinvio e la sospensione dei termini delle udienze di tutti i processi, vale a dire quelli civili, penali, tributari, contabili o militari.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube