Diritto e Fisco | Articoli

Come trovare una persona defunta

27 Luglio 2020 | Autore:
Come trovare una persona defunta

Scoprire se una persona è ancora in vita non è difficile: basta interpellare il Comune di ultima residenza o di nascita oppure consultare appositi siti web.

Da anni, non senti più un amico. Ora, ti è giunta voce che è morto ma non sai se si tratta di una notizia attendibile. Per verificare quello che ti è stato comunicato, quindi, sarebbe utile sapere come trovare una persona defunta. Accanto ai classici strumenti quali la richiesta al Comune di ultima residenza o a quello di nascita, oggi la tecnologia offre la possibilità di acquisire informazioni sulla esistenza in vita di un soggetto, anche telematicamente. Si possono infatti, utilizzare degli specifici servizi web gratuiti, accessibili da computer nonché da smartphone e da tablet.

Inoltre, esistono servizi a pagamento che consentono di effettuare ricerche più approfondite sempre finalizzate ad appurare, tra le altre cose, se la persona alla quale si è interessati sia ancora in vita o meno.

Cos’è l’elenco dei defunti

L’elenco defunti è un archivio cartaceo ed elettronico tenuto presso i Comuni, nel quale sono conservate le informazioni relative a tutti i defunti ovvero le date di nascita e di morte oltre ad ulteriori notizie anagrafiche. Tale elenco è liberamente consultabile secondo specifiche regole.

Alcuni Comuni, poi, consentono agli interessati di acquisire informazioni relative ai defunti accedendo ad un’apposita sezione presente sui loro siti internet. Più precisamente è possibile visionare le statistiche relative alle persone nate vive in un determinato Comune, ai morti residenti ed ai decessi avvenuti senza, però, riportare i nomi e i dati anagrafici dei defunti.

Come rivolgersi al Comune di ultima residenza o a quello di nascita

Per appurare l’avvenuto decesso di una persona è possibile richiedere il rilascio di un certificato di esistenza in vita o di morte nel Comune di ultima residenza.

Tizio, dopo anni trascorsi a Milano, è andato ad abitare a Bari. In tal caso, la richiesta va fatta all’ufficio dello stato civile del Comune pugliese dove presumibilmente ha spostato la residenza dopo il trasferimento. Se nelle more, Tizio è morto, il decesso è stato registrato nei registri dello stato civile di Bari. Parimenti se si conosce la data di nascita di Tizio è possibile rivolgersi al Comune dove è nato, richiedendo il rilascio di un certificato di morte. Infatti, se questi è effettivamente deceduto, l’ufficiale di stato civile che ha redatto l’atto di morte ha provveduto a comunicare la notizia al Comune di nascita.

Quali sono le piattaforme per trovare una persona defunta

Il modo più veloce per trovare se una persona è ancora in vita è comunque quello di consultare il web. A tal fine, esistono diversi siti cui collegarsi di cui ti parlerò nei prossimi paragrafi.

Il portale degli antenati

Il portale degli antenati è una piattaforma gestita dalla Direzione Generale per gli Archivi e dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT), accessibile gratuitamente senza registrazione, attraverso la quale è possibile esaminare i documenti presenti negli Archivi di Stato per effettuare una ricerca anagrafica e genealogica.

Per cercare il nome della persona della quale si vogliono verificare i dati anagrafici, occorre accedere alla sezione “trova nomi” e cliccare sul pulsante “accetto”. Per ogni nominativo che compare è possibile visualizzare i documenti caricati sul portale.

Più sono le informazioni che si inseriscono (nome, cognome, tipologia di atto, località, ecc.), più si restringono i risultati da verificare. Alla fine compare l’immagine dell’atto di riferimento cercato ad esempio quello di nascita, di matrimonio o di morte;

Familysearch

Un sito web basato sui contributi forniti da persone di tutto il mondo. Nei dati inseriti sono compresi anche quelli desumibili da documenti resi disponibili dal MiBACT. Per utilizzare familysearch che, peraltro, è gratuito e senza obbligo di registrazione, va compilato un modulo nel quale vanno inseriti i dati di cui si è a conoscenza (il cognome della persona cercata è obbligatorio).

Compare, quindi, un elenco di nominativi di persone aventi quel cognome in tutto il mondo. Cliccando sui ciascuno di essi è possibile conoscere le parentele, le date di nascita e di morte ed eventuali parenti registrati nella piattaforma. Se si voglio immettere informazioni su un proprio parente e creare un albero genealogico, bisogna prima iscriversi. Il servizio è disponibile anche come app per Android e iOS;

Ancestry

Un sito simile ai precedenti, il quale consente di creare il proprio albero genealogico o di rintracciare i propri antenati grazie ad un archivio di documenti storici provenienti da tutto il mondo. Dopo avere inserito i dati di cui si è a conoscenza (nome, cognome, luogo di residenza, anno di nascita, ecc., della persona alla quale si è interessati) si avvia la ricerca. Si ottiene così un elenco di nominativi di persone divise per raccolta di necrologi. Il servizio di creazione dell’albero genealogico è senza costi ma la consultazione è a pagamento. È disponibile anche l’app sia per Android sia per iOS/iPadOs;

Find a grave

Un portale gratuito attraverso il quale si possono trovare le tombe dei propri antenati nonché creare pagine commemorative, aggiungendo foto, fiori virtuali e messaggi. Attraverso l’utilizzo di questa piattaforma sono consultabili i documenti cimiteriali di tutto il mondo. Non c’è bisogno di registrazione ed il servizio è disponibile anche come app per Android e iOS. N

ei dati da inserire per la ricerca, oltre al nome e al cognome della persona, occorre digitare l’ubicazione del cimitero dove è sepolta. Appare, quindi, una lista di risultati, per ciascuno dei quali compare l’eventuale foto della tomba, l’anno di nascita e di morte ed il luogo di sepoltura.

Continuando nella ricerca si può accedere alla pagina commemorativa nella quale è presente la scheda dettagliata della persona oltre ad altre informazioni sulla sua famiglia;

Necrologi dei giornali

I necrologi dei giornali sono consultabili online. Quasi tutti i siti internet dei principali quotidiani italiani hanno un archivio nel quale cercare gli annunci funebri. E’ possibile effettuare la ricerca inserendo il nome e il cognome della persona della quale si vogliono avere notizie circa l’avvenuta morte, nell’apposita sezione dedicata ai necrologi;

Altreitalie

Il sito internet del Centro altreitalie sulle migrazioni italiane raccoglie i dati degli emigrati di origine italiana negli Usa tra il 1880 e il 1891, in Argentina tra il 1882 e il 1920 e in Brasile tra il 1858 e il 1899. Sebbene l’accesso sia gratuito, per la consultazione occorre creare un proprio account. Dopo la registrazione si possono inserire i dati di una persona e trovare le informazioni relative alla sua morte;

Liberty – Ellis Island foundation

Un archivio nel quale sono conservati i dati relativi a tutte le persone arrivate a New York tra il 1892 e il 1957. Il servizio è gratuito ma per la consultazione è necessario registrarsi. Compilando i campi richiesti quali il cognome e il nome di una persona è possibile verificarne l’avvenuto decesso;

Google new archives

Si tratta di una funzione di Google che consente di trovare gli eventuali articoli di giornali che parlano di una persona morta. E’ possibile restringere la ricerca inserendo i dati riferiti ad un periodo particolare o a un determinato giornale;

Social security death index

Social security death index è uno dei maggiori siti utilizzati per ricerche genealogiche. Contiene un elenco nel quale sono registrate tutte le persone americane morte dagli anni ’60 in poi. La lista oltre al nome, comprende la data di nascita, l’anno di morte, il numero della carta sociale e lo Stato di residenza. Per effettuare la ricerca occorre inserire il nome, la data di nascita, lo Stato o la data di morte di una persona e il sistema controlla i registri tombali degli Stati Uniti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube