Rinnovo assicurazione auto in periodo Coronavirus

26 Aprile 2020
Rinnovo assicurazione auto in periodo Coronavirus

Più di due terzi degli italiani non utilizzano la proroga o la sospensione della Rc auto e acquistano una nuova polizza durante il lockdown.

L’assicurazione Rc auto non si ferma automaticamente nel periodo di emergenza coronavirus. Sappiamo che da marzo, grazie al decreto Cura Italia, si può sospendere l’assicurazione auto a condizione che non circoli su strade pubbliche e venga custodita in un luogo privato, e che c’è una proroga automatica di validità per 30 giorni oltre la scadenza rispetto alla normale “tolleranza” di 15 giorni, ma oggi a sorpresa emerge che la maggior parte degli italiani non si stanno avvalendo di queste nuove possibilità su proroga e sospensione.

La notizia emerge da un’indagine di Nielsen Media Italia per Prima Assicurazioni, condotta su un campione di titolari di polizze in scadenza tra febbraio e giugno 2020, da cui emerge che il 71,4% non intende rinviare o non ha rinviato il rinnovo della polizza sulla prima auto oltre la scadenza. La percentuale sale al 73% se si considerano i proprietari di seconde auto.

Così, secondo i dati dell’indagine Nielsen illustrati oggi dall’agenzia stampa Adnkronos, oltre sette italiani su dieci hanno rinnovato o rinnoveranno regolarmente l’assicurazione auto, nonostante il lockdown per l’emergenza Covid-19. Dei restanti automobilisti, una
metà la rinnoverà oltre la scadenza, durante il periodo di mora, e l’altra metà aspetterà di avere idee più chiare o l’inizio della ”Fase 2” della crisi.

Al contrario, il 7,7% degli intervistati ha dichiarato che non rinnoverà la polizza della prima auto senza una ulteriore riflessione e il 5,5% non intende acquistare una nuova polizza Rc auto prima della fine dell’emergenza. Per la seconda auto, invece, sia gli automobilisti che vogliono avere idee più chiare sia quelli che aspettano la fine del lockdown sono il 6,4%.

Perciò l’emergenza coronavirus non sembra aver spostato più di tanto le abitudini degli italiani in termini di Rc auto e, guardando il fenomeno dal lato delle compagnie, il settore dimostra di aver tenuto meglio di altri nella difficile fase dell’economia.

In questo contesto, aumenta la quota di automobilisti che ricorrono a un’assicurazione online. Nel periodo di lockdown il 4,5% degli intervistati ha sottoscritto o sottoscriverà per la prima volta una polizza con una compagnia diretta per la prima auto, il 9,2% ha fatto o farà lo stesso per il secondo mezzo.

Poco più di un automobilista su dieci si preoccupa di risparmiare sul rinnovo della polizza. Il 9,1% degli intervistati ha ridotto o ridurrà le coperture per spendere meno sulla prima auto con la stessa compagnia assicurativa, mentre il 2% cercherà di risparmiare cambiando assicurazione.

Sul fronte delle due ruote, i motociclisti italiani sono leggermente più cauti degli automobilisti per il rinnovo della polizza, probabilmente perché per molti le due ruote sono un mezzo utilizzato nel tempo libero e dunque hanno sofferto più delle auto delle restrizioni agli spostamenti durante il lockdown.

Infatti il 66,2% degli intervistati – quasi i due terzi – ha acquistato o acquisterà normalmente la polizza prima della scadenza nonostante il periodo di lockdown. Non ha rinnovato o non rinnoverà la polizza fino a quando non avrà informazioni più chiare l’8,6% dei motociclisti intervistati, mentre  il 9,4% aspetterà la fine dell’emergenza per rinnovarla.

Ti ricordiamo che il decreto “Cura Italia” ora convertito in legge prevede la possibilità di estendere la copertura fino a 30 giorni oltre la scadenza per le polizze da rinnovare entro il 31 luglio. Inoltre, i proprietari di auto e moto possono richiedere la sospensione della polizza, nel caso abbiano uno spazio privato, come ad esempio un garage o un cortile, in cui tenere il veicolo.

Leggi anche questi articoli per approfondire:



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube