Diritto e Fisco | Articoli

Sono pieno di debiti: come posso fare?

27 Aprile 2020
Sono pieno di debiti: come posso fare?

Legge salvasuicidi di sovraindebitamento: come uscire dai debiti pagandone solo una minima quota (o niente).

Un nostro lettore ci scrive affranto: «Sono pieno di debiti: come posso fare?». Di questi tempi, si tratta di un problema comune, tant’è che lo Stato è corso ai ripari con una legge assai efficace, la n. 3 del 2012. 

Varata subito dopo il crack Lehman che, come noto, ha innescato una delle più forti crisi economiche degli ultimi tempi, la normativa in questione è meglio nota come legge salvasuicidi o anche «procedura di sovraindebitamento».

La sua finalità è presto detta: consentire anche ai privati e a tutte le aziende che, per le modeste dimensioni, non possono accedere alla procedura di fallimento, di uscire dai debiti. Un’uscita che non ha strascichi nella successiva vita del debitore il quale, seguendo attentamente la procedura disegnata dal legislatore, è così in grado di iniziare una “nuova vita”.

Ma come deve fare chi è pieno di debiti ad uscirne? Quali sono le condizioni e le procedure per accedere a questo importante beneficio? Lo spiegheremo qui di seguito. 

Come uscire dai debiti

Non solo le piccole imprese e i professionisti, ma anche i privati cittadini – o i “padri di famiglia”, se vogliamo dirla con un gergo comune – possono accedere alla legge salvasuicidi per cancellare i debiti di cui non riescono a liberarsi. 

Condizione iniziale è, dunque, quella di non essere un’azienda a cui si applichi la procedura fallimentare; in tal caso, infatti, l’unico modo per uscire dall’insolvenza è depositare i libri contabili in tribunale e lasciare al giudice delegato al fallimento di liquidare il patrimonio, soddisfacendo i creditori.

Per le imprese a cui invece, per le ridotte dimensioni, non si applica la disciplina fallimentare e ai consumatori c’è appunto la legge n. 3/2012, di recente modificata dal codice della crisi d’impresa. Si tratta quindi di comuni cittadini, consumatori, professionisti, imprenditori non commerciali, o imprenditori commerciali molto piccoli che non raggiungono i requisiti dimensionali richiesti per il fallimento.

Secondo requisito per poter accedere alla legge 3/2012 è la «meritevolezza»: in buona sostanza, l’indebitamento non deve essere stato determinato da un atteggiamento gravemente colpevole del debitore. Tipico è il caso di chi, avendo contratto un mutuo che ben può coprire con lo stipendio, viene poi licenziato e non riesce più a far fronte alle rate; o dell’imprenditore che, a causa di un mutamento repentino del mercato, non è più in grado di soddisfare i suoi debiti per crisi del settore. 

La giurisprudenza ha ritenuto applicabile questa disciplina anche ai debiti fiscali e, quindi, alle imposte non pagate (come Iva, Irap, Irpef, ecc.).

Terzo requisito è l’assenza di garanzie e di capacità di soddisfare i creditori. In buona sostanza, il patrimonio del debitore o il suo reddito deve risultare notevolmente più basso rispetto alle passività, tanto che, anche lavorando una vita intera, questi non sarebbe in grado di soddisfare i creditori. Pertanto, non può accedere alla procedura di sovraindebitamento chi ha, ad esempio, concesso alla banca un’ipoteca tale da riuscire a coprire il mutuo o chi ha un patrimonio immobiliare tale da poter coprire i debiti contratti vendendo uno o più beni. 

Legge salvasuicidi: come funziona?

Ci sono tre diversi modi per uscire dai debiti: tre differenti procedure delineate dal legislatore. Ciascuna di queste, però, si può applicare solo a una specifica categoria di soggetti. Le analizzeremo meglio qui di seguito.

Il piano del consumatore

Come dice il nome stesso, il «piano del consumatore» si applica ai privati ossia ai consumatori. Si tratta dei cittadini comuni che hanno contratto debiti non nell’ambito dell’attività lavorativa. Si pensi a chi ha acquistato la casa di proprietà stipulando un mutuo, o ha accettato di firmare una fideiussione per un familiare, o ha firmato uno o più finanziamenti per la ristrutturazione dell’immobile, l’acquisto dell’arredo o dell’automobile, elettrodomestici e così via. Vi rientrano anche le spese mediche, quelle per le vacanze e, insomma, tutte quelle che avvengono per motivi personali o per scopi estranei all’attività d’impresa o commerciale eventualmente svolta. 

Il debitore deve rivolgersi a un Organismo di Composizione della Crisi, anche detto Occ. 

Gli Occ sono organismi imparziali, iscritti in un apposito registro presso il ministero della Giustizia, il cui compito è quello di assistere il debitore nella ristrutturazione del debito, affiancandolo nello svolgimento della procedura (dalla predisposizione del piano alla sua esecuzione). A costituire un Occ può essere sia un ente pubblico (ad esempio, i Comuni e le Regioni) sia un soggetto privato (ad esempio, ordini professionali e camere di commercio).

Il privato e l’Occ elaborano un piano di pagamento dei creditori tenendo conto dei redditi e delle attività che il debitore ha da offrire per coprire le sue passività almeno in parte. Viene così individuata una percentuale, anche minima, da offrire ai creditori per il loro soddisfacimento (sono stati ammessi pagamenti al 20%). 

Tutto dipende chiaramente dalle disponibilità del debitore. Così, ad esempio, una persona titolare di un reddito di lavoro dipendente e un piccolo appezzamento di terreno può proporre una cessione del quinto dello stipendio e la vendita dell’immobile. 

Con le modifiche apportate di recente alla legge salvasuicidi si ritiene ammissibile anche una esdebitazione senza corrispondere nulla in presenza di un debitore completamente nullatenente.

Una volta elaborato il piano del consumatore, questo viene depositato in tribunale e valutato dal giudice alla luce della meritevolezza del debitore stesso. 

In questo tipo di procedura non si tiene conto della volontà dei creditori i quali non vengono ascoltati. È il giudice a decidere se approvare o meno l’offerta del debitore (cosiddetta omologa). 

L’accordo di composizione con i creditori

Tale procedura si applica, invece, a coloro che hanno contratto debiti per l’attività lavorativa: quindi, si tratta di professionisti e piccoli imprenditori esclusi dal fallimento. 

Nel caso in cui lo stesso soggetto abbia debiti di diversa natura, in parte personale e in parte lavorativa, si stabilisce la procedura secondo un criterio di prevalenza: se è maggiore la misura dei debiti lavorativi si applica «l’accordo di composizione» altrimenti il «piano del consumatore».

A differenza del piano del consumatore, l’accordo richiede il voto favorevole dei creditori. Pertanto, dopo che il debitore presenta in tribunale il programma redatto insieme all’Occ, il giudice convoca i creditori per il voto. 

Per l’approvazione del programma è necessaria una maggioranza pari al 60% dei crediti ammessi al voto. 

Per i creditori può essere preferibile un pagamento spontaneo, anche se ridotto, piuttosto che una procedura esecutiva costosa e con tempi ed esiti imprevedibili.

La procedura è molto simile al concordato preventivo.

La liquidazione

Questa procedura si applica sia ai consumatori che agli imprenditori e professionisti. La scelta è rimessa al debitore.

Come l’accordo di composizione della crisi è assimilabile al concordato preventivo, così la liquidazione lo è al fallimento. Si propone la liquidazione dei beni del debitore per ripartirne il ricavato fra i creditori.

Il Codice della crisi

A partire dal 1° settembre 2021, la legge 3/2012 viene fatta confluire nel Codice della crisi, con diverse modifiche. La novità più importante, come anticipato in apertura, riguarda proprio l’esdebitazione del nullatenente e permette al debitore (una sola volta, e salvo l’obbligo di pagamento entro i quattro anni successivi in caso di ulteriori entrate) di godere della liberazione dai debiti non onorati anche se non ha nulla da offrire ai creditori. In pratica, ci si può liberare dalle passività senza corrispondere alcuna somma. 

Come si accede alle procedure?

Il tratto comune è questo: in tutti i casi, occorre presentare una domanda al giudice competente, individuato nel tribunale del luogo in cui il debitore ha il centro dei suoi interessi principali (la residenza, in ipotesi di debitore non imprenditore, la sede in ipotesi di debitore imprenditore), attraverso l’Organismo di composizione della crisi (Occ) costituito nel circondario del tribunale stesso. 

La legge n. 3 non specifica se sia necessaria l’assistenza tecnica di un avvocato, e la giurisprudenza è divisa. L’assistenza del difensore è comunque consigliabile, perché la materia è molto tecnica. 

Con l’omologazione del piano del consumatore (che con la riforma si chiamerà “ristrutturazione dei debiti del consumatore”) e dell’accordo di composizione della crisi (che, con la riforma, prenderà il nome di “concordato minore”) si verifica l’esdebitazione ossia una automatica liberazione del debitore da tutti i debiti residui. 

Quanto costa la procedura?

I costi della procedura devono essere affrontati dal debitore e non possono essere recuperati. Bisogna considerare (oltre a quelli contenuti nel contributo unificato da versare nel momento dell’accesso in tribunale) i compensi dell’Occ, previsti dal decreto ministeriale n. 202 del 2014, e quelli del legale al quale il debitore si rivolga, a loro volta previsti dalle tariffe legali.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

9 Commenti

    1. Buonasera.
      Se si rivolge ad un legale, questo potrà anche chiederle, volendo, solo una piccola parte del compenso per la stesura del piano e l’istanza per la nomina dell’o.c.c. ( nel caso in cui non si rivolga direttamente ad un occ ma al tribunale per la nomina dello stesso).
      Gli altri costi saranno sostenuti durante l’esecuzione del piano,e andranno in prededuzione , insieme coi i compensi dell’occ, prima del pagamento ai creditori.
      In parole povere, le prime rate del piano soddisferanno l’occ ed il legale, poi i creditori.

    1. La legge concede il beneficio del patrocinio a spese dello Stato solamente a:
      cittadini italiani;
      stranieri regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale al momento del sorgere del rapporto o del fatto oggetto del processo da instaurare e gli apolidi;
      enti o le associazioni che non perseguono fini di lucro e non esercitano attività economica.
      Ai requisiti soggettivi si aggiungono quelli di tipo reddituale: può essere ammesso al patrocinio gratuito solamente chi possegga un reddito imponibile ai fini dell’imposta personale sul reddito, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore a 11.493,82 euro. I limiti di reddito vengono adeguati ogni due anni in relazione alla variazione dell’indice dei prezzi accertata dall’Istat.Il reddito rilevante ai fini dell’ammissione al patrocinio a spese dello Stato va inteso al netto degli oneri deducibili per legge: in altre parole, dall’importo vanno sottratti gli oneri legati agli immobili, le spese mediche, gli assegni periodici corrisposti al coniuge, ecc.Se il richiedente convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l’interessato. In questa circostanza, però, il limite di reddito sopra indicato è aumentato di 1.032,91 euro per ogni familiare convivente.Secondo la legge, ai fini della determinazione dei limiti di reddito, si tiene conto anche dei redditi che per legge sono esenti dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) o che sono soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta, ovvero ad imposta sostitutiva.Si tiene conto del solo reddito personale quando sono oggetto della causa diritti della personalità, ovvero nei processi in cui gli interessi del richiedente sono in conflitto con quelli degli altri componenti il nucleo familiare con lui conviventi.
      Per maggiori informazioni leggi:
      -Patrocinio a spese dello Stato: il vademecum per l’istanza https://www.laleggepertutti.it/279625_patrocinio-a-spese-dello-stato-il-vademecum-per-listanza
      -Rigetto istanza gratuito patrocinio: come opporsi https://www.laleggepertutti.it/124022_rigetto-istanza-gratuito-patrocinio-come-opporsi
      -Patrocinio a spese dello Stato: ultime sentenze https://www.laleggepertutti.it/385681_patrocinio-a-spese-dello-stato-ultime-sentenze

  1. Buongiorno, sono pieno di debiti e non riesco ha uscirne, anno scorso mi stavo suicidando ma qualcosa mi ha fermato.
    Vi chiedo questo facendo la legge Salva Suicidi il costo di tutta la procedura si puo’ mettere nel conteggio finale.
    Vi chiedo questo perche’ io e mia seconda moglie arriviamo neanche a fine del mese.
    Cerchiamo aiuto Comune , Caritas, niente……..

  2. Buongiorno, io che ho un grosso debito con lo stato e sicuramente non riesco a far fronte al debito, come posso uscirne per ricominciare da capo??

    1. La legge può cancellare quanto dovuto a costo zero se non hai nulla o quasi e lo puoi dimostrare, così i tuoi debiti verranno cancellati senza pagare (a prescindere che tu sia un privato oppure un socio illimitatamente responsabile per debiti estranei a quelli sociali). Ti consigliamo di leggere i seguenti articoli: Come uscire dai debiti senza soldi; Come uscire da una situazione debitoria; Si può scappare dai debiti?; Riabilitazione dopo saldo e stralcio; Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza.

  3. Ho fatto cessione del quinto e delega, per sopperire ai debiti ma non ci sono riuscito e ora ho decurtato gran parte dello stipendio, che posso fare?

Rispondi a avv. Salvatore Leto Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube