Scuola: in arrivo i bandi per quasi 62mila assunzioni

27 Aprile 2020 | Autore:
Scuola: in arrivo i bandi per quasi 62mila assunzioni

Un concorso straordinario e due ordinari per aumentare gli organici in vista della ripartenza. Le prove, le date per le domande ed i requisiti.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha confermato nell’illustrare la fase 2 dell’emergenza coronavirus, che le scuole non partiranno prima di settembre. Ma il ministero dell’Istruzione già si sta muovendo per preparare l’avvio del nuovo anno scolastico sia sul fronte della sicurezza degli alunni e del personale sia su quello dell’organizzazione del lavoro.

A questo proposito, la ministra Lucia Azzolini accorcia i tempi per i bandi dei concorsi che porteranno all’assunzione di quasi 62mila docenti.

Sono, per l’esattezza, 61.863 i posti previsti, di cui almeno 24mila contenuti nel bando straordinario per le scuole medie e superiori riservato ai precari con tre anni di servizio. Le assunzioni potrebbero scattare a settembre, nel caso in cui, come si spera, si riesca a svolgere la prova ad agosto.

A questo bando straordinario possono avere accesso gli insegnanti precari non abilitati che, come detto, abbiano accumulato almeno tre anni di servizio anche non consecutivi negli ultimi 12 anni. Almeno uno di questi tre deve essere stato svolto in una delle classi per cui si candida. Gli aspiranti potrebbero essere, secondo i calcoli del Miur, quasi 80mila. La candidatura può essere sia per il posto di sostegno sia per quello comune, ma bisognerà pagare 40 euro di contributo per ogni richiesta. Occorrerà presentare la domanda in un’unica regione tra il 28 maggio ed il 3 luglio.

Ci sarà una prova scritta, con un massimo di 80 punti. Altri 20 punti possono essere assegnati in base alla valutazione dei titoli. Per superare il concorso, occorrono 56 punti su 80. Chi raggiunge questo punteggio ma non ottiene uno dei 24mila posti a disposizione, potrà accedere ad una procedura straordinaria per avere l’abilitazione all’insegnamento. Un successivo concorso darà il riconoscimento del ruolo. A questa procedura, presentando la domanda entro gli stessi termini di tempo, possono partecipare anche gli insegnanti che hanno tre anni di servizio nelle scuole statali o paritarie, dietro il pagamento di un contributo di 15 euro.

Al bando straordinario se ne aggiungono altri due ordinari. Uno per le scuole medie e superiori, a cui possono accedere i docenti già abilitati ed anche i laureati in possesso dei 24 crediti formativi universitari nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche.

L’altro bando riguarda le scuole primarie e dell’infanzia, aperti ai diplomati magistrali, compresi quelli che hanno ottenuto il titolo prima dell’anno accademico 2001/2002.

Per entrambi i concorsi occorre presentare la domanda in un’unica regione tra il 15 giugno ed il 31 luglio. È dovuto un contributo di 10 euro. Per medie e superiori sono previsti due esami scritti, mentre per primarie e infanzia ce ne sarà una sola. Chi supererà questi esami dovrà poi sostenere una prova orale e una preselezione nelle regioni in cui i candidati superano i quattro volte i posti disponibili.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube