Coronavirus, l’allarme sui bambini lanciato da un pediatra

27 Aprile 2020
Coronavirus, l’allarme sui bambini lanciato da un pediatra

Alberto Villani, componente del comitato tecnico-scientifico, spiega quali sono i rischi della paura di andare in ospedale: ci sono stati casi di piccoli salvati in extremis dall’appendicite, perché non venivano portati a farsi curare, causa paura di contrarre il Covid.

C’è un problema. “Uno solo?”, potrebbe dire qualcuno. In effetti, ce n’è un altro, del tutto indipendente da quello che, da un paio di mesi, è diventato il problema numero uno, per non dire l’unico, cioè il Coronavirus. Pare, infatti, che il mondo abbia dimenticato che esistono molte altre malattie. Alcune perfino innocue o con conseguenze molto lievi e temporanee sulla salute, ma potenzialmente letali se non trattate in tempo. Come l’appendicite. Ne ha parlato con l’agenzia di stampa Adnkronos Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria (Sip) e componente del comitato tecnico-scientifico.

“Francamente, a questo punto, più dei bimbi con Covid-19 mi preoccupano i casi non Covid – dice Villani -. Bambini con malattie croniche o con improvvisi problemi di salute. Abbiamo già avuto piccoli pazienti arrivati all’ultimo minuto in ospedale con appendicite, che hanno seriamente rischiato la vita. E questo perché la paura del virus tiene lontano dall’ospedale. Ma questo è pericolosissimo e dobbiamo dirlo ai genitori: gli ospedali si sono attrezzati e non si può, per paura del virus, arrivare a far rischiare la vita nel 2020 a un bambino per un’appendicite. Siamo passati da un abuso del pronto soccorso a una vera e propria fuga per paura di Covid-19 e questo è sbagliato: quando un bambino ha un problema di salute deve essere visitato e deve essere curato. Sta succedendo quello che è accaduto con l’infarto in Lombardia: la paura di andare in ospedale e contrarre il virus fa arrivare in ritardo. E così si rischia la vita”.

“Più di un bimbo – aggiunge Villani, che è responsabile della Pediatria generale e Malattie infettive dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma – è arrivato in ospedale al limite. Dobbiamo essere chiari: se un bambino ha un problema di salute, deve essere visitato e curato. L’ospedale, che prima della pandemia era la risposta per tutto, resta oggi un prezioso baluardo. Dobbiamo spingere a un uso intelligente del pronto soccorso“, conclude Villani.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube