HOME Articoli

Miscellanea Avvocati: nuovi parametri a confronto coi vecchi importi

Miscellanea Pubblicato il 14 ottobre 2013

Articolo di




> Miscellanea Pubblicato il 14 ottobre 2013

Ecco le differenze rispetto alle vecchie tariffe professionali: il calcolo dei compensi in base al Dm 140/2012 a confronto con la bozza di nuovo regolamento.

Il ministero della Giustizia ha ora messo a punto un nuovo schema di regolamento, dedicato solo ai parametri per i compensi degli avvocati (leggi l’articolo “Nuovi parametri forensi: variano tra +80% e -50%; importi legati a difficoltà e valore della causa”).

I parametri non saranno più uno strumento indirizzato soltanto ai giudici chiamati a liquidare i compensi quando non c’è accordo tra clienti e legali. Piuttosto – si legge nel nuovo schema di regolamento –  potranno essere utilizzati per determinare i compensi degli avvocati in tutti i casi “di mancata determinazione consensuale degli stessi”, comprese quindi tutte le ipotesi di liquidazione dell’importo da parte del giudice (anche d’ufficio) o di prestazione resa nell’interesse di terzi (ad esempio, una tutela legale) o comunque prevista dalla legge.

Per capire come cambiano i compensi liquidabili agli avvocati, negli schemi qui sotto sono stati messi a confronto, in tre situazioni concrete, i vecchi e i nuovi valori.

Per le diverse fasi di giudizio sono stati indicati i valori medi e le possibili variazioni in aumento e in diminuzione previste dai provvedimenti. Sono stati quindi individuati i possibili compensi minimi, medi e massimi.

Ai nuovi parametri va aggiunto il rimborso spese forfettario dal 10% al 20% del compenso.

TRIBUNALE PENALE

Un avvocato difende davanti al giudice monocratico un giovane ammesso al gratuito patrocinio, rinviato a giudizio per furto. Alla fine di un’istruttoria veloce ma delicata (un’udienza in cui sono stati sentiti due testimoni) l’imputato viene assolto. È probabile che all’avvocato sarà liquidato un compenso di valore medio, ma diminuito perché si tratta di gratuito patrocinio (-50% con i vecchi parametri, -30% con i nuovi)

Vecchi parametri

Fase di studio: 300 euro, variabili da -50% a +300%

Fase introduttiva: 600 euro, variabili da -50% a +50%

Fase istruttoria: 900 euro, variabili da -70% a +100%

Fase decisoria: 900 euro, variabili -70% a +50%

Nuovi parametri

Fase di studio: 450 euro, variabili da -50% a +80%

Fase introduttiva: 540 euro, variabili da -50% a +80%

Fase istruttoria: 1.080 euro, variabili da -50% a +80%

Fase decisoria: 1.350 euro, variabili da -50% a +80%

COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE

Un legale difende un cliente, per una lite del valore di 30mila euro, di fronte alla Ctr. L’avvocato ha fatto un viaggio di 150 km per discutere la causa e ha dormito in hotel la sera prima. Lo schema di regolamento introduce parametri ad hoc per i giudizi tributari. Per le trasferte, sono riconosciuti il rimborso delle spese e un’indennità: spetta il rimborso per l’hotel, più il 10% per spese accessorie e, se il viaggio è con la propria auto, un’indennità di un quinto del costo del carburante al litro e il rimborso di pedaggi e parcheggi

Vecchi parametri

Fase di studio: 1.200 euro, variabili da -50% a +60%

Fase introduttiva: 600 euro, variabili da -50% a +60%

Fase decisoria : 1.500 euro, variabili da -50% a +60%

I valori vanno aumentati del 20% perché la lite è in appello

Nuovi parametri

Fase di studio: 1.955 euro, variabili da -50% a +80%

Fase introduttiva: 1.010 euro, variabili da -50% a +80%

Fase decisoria: 1.350 euro, variabili da -50% a +80%

Spettano anche 100 euro per l’hotel e 107,40 euro per il viaggio

GIUDICE DI PACE

Un neopatentato viene multato per 233 euro con decurtazione di 20 punti dalla patente per non avere allacciato le cinture di sicurezza e per l’uso del cellulare alla guida. Il giudizio di opposizione di fronte al giudice di pace è veloce

e – senza bisogno di prove testimoniali – dà esito favorevole al neopatentato perché la decurtazione non poteva superare i 15 punti

 

Vecchi parametri

Fase di studio: 300 euro, variabili da -60% a +50%

Fase introduttiva: 150 euro, variabili da -60% a +50%

Fase decisoria: 400 euro, variabili da -70% a +30%

Nuovi parametri

Fase di studio: 65 euro, variabili da -50% a +80%

Fase introduttiva: 65 euro, variabili da -50% a +80%

Fase decisoria: 135 euro, variabili da -50% a +80%


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI