Coronavirus: arrivano i limiti al bonus da 800 euro

29 Aprile 2020 | Autore:
Coronavirus: arrivano i limiti al bonus da 800 euro

Verrà ridotta la platea degli autonomi che hanno diritto al sussidio: ci sarà una soglia di reddito oltre la quale non si vedrà un soldo.

Non tutti gli autonomi avranno diritto al bonus da 800 euro erogato dallo Stato attraverso il decreto Aprile per riparare, seppur minimamente e in qualche modo, ai danni provocati dall’emergenza coronavirus. Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha annunciato che ci saranno dei limiti per accedere a questa agevolazione. In pratica, il bonus che, rispetto a quello pagato per il mese di marzo, aumenterà da 600 a 800 euro sarà riservato agli autonomi che nel 2019 hanno dichiarato un reddito inferiore ai 35mila euro lordi.

Il Ministero si è reso conto del fatto che i 600 euro erogati più generosamente a marzo sono finiti anche nelle tasche di chi ha fatturato molto di più, cioè di chi aveva dei redditi molto elevati. Autonomi che, secondo Gualtieri, non avevano bisogno di un aiuto. Insomma, ora si preferisce tagliare la platea degli aventi diritto e tenere i soldi in cassa per chi ha veramente bisogno.

Per il mese di aprile, a quanto si dice, non ci dovrebbero essere dei problemi: l’Inps pagherà il bonus agli autonomi in automatico. Il problema si presenta per il mese di maggio: è qui che potrebbero scattare ulteriori limitazioni, ancora da definire. Non a caso, il Governo mette a disposizione per i bonus di aprile 4 miliardi di euro, mentre a maggio non si dovrebbe andare oltre i 3 miliardi. Segno che da qualche parte ci sarà un taglio.

Le domande presentate finora sono state quasi 4 milioni e mezzo. Quelle accolte, un milione in meno, cioè 3,5 milioni. Dei bonus già pagati, la stragrande maggioranza è finita agli autonomi (il 68%), mentre un 16% è andato ai dipendenti a tempo determinato dell’agricoltura, quasi l’11% a partite Iva e co.co.co., un 4% agli stagionali del turismo e nemmeno l’1% ai lavoratori dello spettacolo, molto meno numerosi rispetto a quelli impegnati nelle altre categorie. L’età media dei beneficiari è di 46 anni, pochi i giovani under 25 e gli anziani over 65. Le Regioni dove c’è stata finora la maggior parte dei pagamenti sono Lombardia, Puglia e Sicilia.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube