Diritto e Fisco | Articoli

Rinnovo del contratto a termine e cassa integrazione

30 Aprile 2020
Rinnovo del contratto a termine e cassa integrazione

Il nostro ordinamento predilige l’assunzione dei lavoratori attraverso contratti che diano stabilità al personale.

Il lavoro rappresenta uno dei valori fondamentali della nostra Costituzione. Attraverso il lavoro, infatti, il lavoratore forma la propria personalità e ottiene le risorse necessarie a condurre una vita libera e dignitosa per sè e per la propria famiglia. Da questa considerazione derivano una serie di limiti che l’ordinamento prevede per l’assunzione di lavoratori con contratti precari. Tra questi limiti, ad esempio, si prevede l’impossibilità del rinnovo del contratto a termine e cassa integrazione.

Lo Stato, infatti, mette a disposizione delle imprese degli strumenti di ammortizzazione sociale in caso di crisi aziendale ma esige che, in primo luogo, siano tutelati i lavoratori a tempo indeterminato ai quali sia stato chiesto un sacrificio in termini di orario di lavoro e di retribuzione.

Cos’è il contratto a termine?

Il nostro ordinamento, in linea con quanto prevedono le direttive europee, considera il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato la forma normale di assunzione dei lavoratori [1]. Infatti, lo Stato, ritenendo il lavoro l’attività che più di ogni altra contribuisce a dare sicurezza al lavoratore e alla società nel suo insieme, favorisce l’assunzione dei dipendenti da parte dei datori di lavoro con contratti che siano in grado di garantire al lavoratore e alla sua famiglia stabilità e sicurezza nel tempo.

Per questo motivo, la possibilità di prevedere un termine al rapporto di lavoro, vale a dire una data finale raggiunta la quale il contratto di lavoro cesserà di produrre i propri effetti, è strettamente regolata dalla legge e si prevedono diversi limiti.

L’entità ed il grado di vincolatività di questi limiti ha subito diverse modifiche nel corso del tempo. Si sono alternate, infatti, normative più restrittive e normative più permessive.

Da ultimo, il decreto dignità, ha reintrodotto una serie di limiti alla possibilità di apposizione del termine al contratto di lavoro che erano stati superati dal Jobs Act.

Contratto a termine: la durata massima

Il principale limite alla possibilità di apporre un termine al contratto di lavoro è rappresentato dalla durata massima del rapporto a tempo determinato.

All’esito delle ultime modifiche introdotte [2], ad oggi le parti possono liberamente prevedere un termine fino ad un massimo di 12 mesi senza dover indicare la causale che rende necessaria l’apposizione del termine.

Il termine massimo consentito è fino a un periodo massimo di 24 mesi di durata del rapporto, ma in questo caso, essendo superata la soglia dei 12 mesi, è necessario indicare la causale che rende necessaria l’apposizione del termine.

Una volta utilizzati i 24 mesi di durata massima del rapporto, è possibile stipulare un altro contratto a termine di durata massima pari a 12 mesi solo innanzi all’Ispettorato territoriale del lavoro. I contratti collettivi nazionali di lavoro possono prevedere una diversa durata massima del termine.

Il periodo di durata massima di 24 mesi del rapporto di lavoro si applica anche se le parti sottoscrivono una pluralità di rapporti di lavoro a tempo determinato, a patto che i contratti via via sottoscritti abbiano ad oggetto lo svolgimento delle medesime mansioni, con l’inquadramento del lavoratore nel medesimo livello di inquadramento e la medesima categoria legale.

Se il rapporto di lavoro dura, o con un singolo rapporto o con una pluralità di rapporti, più di 24 mesi il lavoratore può chiedere la costituzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato dalla data in cui è stato superato il limite massimo di durata dei 24 mesi.

Per questo occorre prestare molta attenzione ai cosiddetti “contatori”, ossia, occorre introdurre in azienda dei meccanismi che consentano di monitorare la durata massima dei singoli rapporti a termine.

Contratto a termine: il numero massimo 

Oltre alla durata massima, un altro limite introdotto dal legislatore al rapporto di lavoro a tempo determinato è rappresentato dal numero massimo. La legge prevede che, in azienda, i lavoratori assunti con contratto a tempo determinato non possano superare la percentuale del 20% dei lavoratori complessivamente assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Nel caso di compresenza di lavoratori assunti con contratto a tempo determinato e lavoratori inviati in missione da agenzie del lavoro con contratto di somministrazione di lavoro a tempo determinato, il numero complessivo non può superare la percentuale del 30% dei lavoratori complessivamente assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato.

I contratti collettivi nazionali di lavoro possono prevedere delle percentuali massime diverse, sia con riferimento al numero massimo di lavoratori a termine che con riferimento al limite complessivo tra lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato e lavoratori operanti in azienda con contratto di somministrazione di lavoro a tempo determinato.

Contratto a termine: i divieti

In alcuni casi, l’ordinamento prevede un divieto assoluto di sottoscrizione di un contratto a termine.

In particolare, la stipulazione del contratto a tempo determinato è vietata:

  • per la sostituzione di lavoratori che hanno esercitato il diritto di sciopero;
  • presso unità produttive nelle quali, nel semestre precedente, siano stati effettuati licenziamenti collettivi;
  • presso unità produttive nelle quali è in corso una sospensione o riduzione dell’attività di lavoro del personale con accesso alla cassa integrazione guadagni;
  • da parte di datori di lavoro che non abbiano effettuato la valutazione dei rischi richiesta dalla normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Se, nonostante la sussistenza di una delle ipotesi vietate dalla legge, le parti sottoscrivono un contratto di lavoro a termine, il lavoratore può chiedere la costituzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato sin dalla data di inizio della prestazione lavorativa.

Rinnovo del contratto a termine cassa integrazione

Come abbiamo visto, la legge prevede un divieto assoluto di stipula di un contratto a tempo determinato presso le unità produttive nelle quali sia in corso un programma di riduzione o sospensione dell’attività di lavoro dei dipendenti, con accesso alla cassa integrazione guadagni.

Cosa accade, tuttavia, se, durante la fruizione della cassa integrazione, scade il termine del contratto di lavoro? Può il datore di lavoro prorogare o rinnovare il contratto a termine durante la fruizione della cassa integrazione? La risposta è negativa. In linea generale, infatti, il divieto di sottoscrizione di un contratto a termine riguarda anche il rinnovo e la proroga dei contratti a termine sussistenti al momento dell’accesso alla cassa integrazione. Infatti, durante la cassa integrazione, il trattamento salariale del lavoratore viene integrato con il pagamento di un trattamento di integrazione salariale a carico dello Stato.

La proroga o il rinnovo del contratto a termine, dunque, potrebbe essere disposta dalle parti solo al fine di consentire al lavoratore di fruire dell’indennità economica erogata dall’Inps. Ne consegue che, in linea generale, se un contratto a termine scade durante il periodo di fruizione della cassa integrazione, il rapporto di lavoro cessa senza possibilità di prorogarlo o di rinnovarlo.

Di recente, tuttavia, al fine di gestire le conseguenze dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 nella gestione dei rapporti di lavoro, sono state introdotte delle tipologie di cassa integrazione specifiche per gestire tale emergenza.

Durante l’iter di conversione in legge del decreto “Cura Italia” è stato previsto che [3], in deroga alle regole ordinarie, i datori di lavoro possono rinnovare e prorogare i contratti a termine anche durante la fruizione della cassa integrazione. Ciò in quanto, molto spesso, a causa dell’emergenza Covid-19, l’azienda ha dovuto accedere all’ammortizzatore sociale in quanto la propria attività è stata sospesa con provvedimento del governo, nell’ambito delle misure adottate per contenere la diffusione del contagio.

Impedire il rinnovo o la proroga dei contratti significherebbe, per molte aziende, disperdere il patrimonio umano costruito anno per anno e rappresentato da rapporti di lavoro consolidati nel tempo con personale di fiducia.

Contratto a termine cassa integrazione

Da quanto detto emerge che quando un’azienda decide di accedere alla cassa integrazione, anche i lavoratori assunti con contratto a tempo determinato possono essere inclusi nel trattamento di integrazione salariale.

L’unico requisito richiesto dalla legge, infatti, è il possesso di un’anzianità di effettivo servizio presso l’unità produttiva per la quale l’azienda richiede l’intervento di integrazione salariale di almeno 90 giorni di lavoro effettivo.

Non rileva, invece, il fatto che il contratto di lavoro prevede un termine finale. La presenza di contratti di lavoro a tempo determinato deve essere presa in considerazione anche per verificare il numero di dipendenti occupati dall’azienda. Si tratta di un’informazione importante per le aziende che vogliono accedere alla cassa integrazione in quanto le diverse tipologie di cassa integrazione si applicano anche in base al numero dei dipendenti occupati.

Ad esempio, l’azienda ha accesso al Fondo di integrazione salariale Inps solo se ha più di cinque dipendenti. Oppure, il tour operator ha accesso alla Cassa integrazione guadagni straordinaria solo se ha più di 50 dipendenti.

Come si computano i lavoratori a termine?

La regola generale prevista dal Codice dei Contratti è che, ogni volta in cui una legge fissa un determinato requisito dimensionale dell’impresa, i lavoratori a tempo determinato devono essere computati con riferimento agli ultimi 24 mesi dalla data in cui la soglia dimesionale deve essere verificata.

Non contano, dunque, solo i rapporti di lavoro a termine presenti alla data della domanda ma la media dei rapporti di lavoro a termine degli ultimi due anni proporzionata alla durata dei rapporti stessi.


note

[1] Art. 1 D. Lgs. 81/2015.

[2] Art. 19 ss. D. Lgs. 81/2015.

[3] Art. 19 bis D.L. 18/2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube