Coronavirus: decisi gli aiuti per colf e badanti

30 Aprile 2020 | Autore:
Coronavirus: decisi gli aiuti per colf e badanti

In arrivo un bonus per i collaboratori domestici rimasti a casa. Confermato il contributo per la baby sitter. Le altre misure del decreto Aprile.

Arrivano gli aiuti per i collaboratori domestici che sono stati costretti ad interrompere l’attività per l’emergenza coronavirus. Si tratta di un contributo di 400 euro destinato a oltre 500mila tra colf e badanti non conviventi con il datore di lavoro. La misura è inserita nel decreto Aprile che verrà approvato a breve. Confermato anche il bonus baby sitter da 600 euro per chi non potrà usufruire del congedo straordinario prolungato di altri 15 giorni e retribuito al 50%. Si tratta di un sostegno alle famiglie per compensare la proroga della chiusura delle scuole. Il bonus potrebbe servire anche per pagare l’eventuale apertura di centri estivi, sui quali si sta decidendo in queste ore.

Questi sono solo alcuni dei provvedimenti contenuti nel decreto al vaglio del Governo. Altri riguardano, ad esempio, la proroga del divieto di licenziamento per altri due mesi, quindi fino a metà luglio. Da questa misura, però, sono esclusi proprio i collaboratori domestici.

C’è, poi, l’erogazione del reddito di emergenza, che dovrebbe interessare un milione di famiglie in difficoltà: 500 euro ad ogni nucleo per due mesi.

Per quanto riguarda il bonus autonomi, come abbiamo già anticipato ieri, verrà portato da 600 a 800 euro per i mesi di aprile e maggio. Ma con una novità: se ad aprile il pagamento del bonus avverrà in automatico per chi ha già avuto il contributo a marzo, per il mese di maggio verrà introdotta una soglia di reddito oltre la quale non si avrà diritto alla prestazione. La soglia è ancora da definire o in base al reddito o in base alla sospensione dell’attività durante il periodo di emergenza.

Le imprese potranno chiedere la cassa integrazione d’emergenza, ordinaria o in deroga, fino a dicembre, mentre verranno stanziati circa due miliardi per gli interventi di sostegno al reddito erogati dai fondi di solidarietà, soprattutto nei settori dell’artigianato e del lavoro in somministrazione. La Naspi sarà allungata di altri due mesi per chi è vicino alla scadenza del sussidio. Chi percepisce un sussidio come la Dis-Coll, la disoccupazione o il reddito di cittadinanza, potrà lavorare qualche giorno nei campi per far fronte all’emergenza sui raccolti senza conseguenze sui limiti di reddito.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube