Terapie cellulari: l’allarme dell’Ema

30 Aprile 2020 | Autore:
Terapie cellulari: l’allarme dell’Ema

Un’opportunità per il trattamento di varie malattie, alcune incurabili. In un documento, il Comitato per le terapie avanzate lancia l’allerta sulle terapie a base di cellule vendute come miracolose, in realtà, non validate né autorizzate.

Il Comitato per le terapie avanzate (CAT) dell’Agenzia Europea dei medicinali (Ema) ha lanciato l’allarme sulle terapie cellulari non autorizzate. Nel documento dell’Ema si legge che “in risposta a persone, aziende e ospedali che promuovono terapie cellulari non validate scientificamente quali cure per un’ampia gamma di patologie, come cancro, malattie cardiovascolari, autismo, paralisi cerebrale, distrofia muscolare e perdita della vista”.

Il direttore scientifico dell’Osservatorio Terapie Avanzate, Francesca Ceradini, spiega che si tratta di un fenomeno “in crescita e sempre più a portata di mano”. In Europa, sono poche le terapie cellulari approvate. Molte sono in sperimentazione e per il resto si tratta di trattamenti non validati.

Terapie cellulari: a cosa servono?

Le terapie cellulari, come spiega il ministero della Salute, sono trattamenti che usano le cellule del paziente o di un donatore. Attualmente, rappresentano una speranza su cui si sta indagando anche per il trattamento del Covid-19. L’uso di sangue e di cellule per il trapianto è una pratica medica consolidata.

C’è da precisare che se le cellule non sono utilizzate per la stessa funzione essenziale nel paziente ricevente come nel donatore o se queste sono manipolate in modo sostanziale, non si può parlare di trapianti e non è possibile supporne la sicurezza i benefici. Pertanto, tali terapie sono regolamentate nell’UE come prodotti medicinali.

L’evoluzione tecnologica nel campo delle terapie cellulari offre nuove opportunità per il trattamento delle varie malattie, tra cui quelle attualmente incurabili.

Trattamenti spacciati come miracolosi sul web

La preoccupazione di Ema, spiega all’Ansa Alessandro Aiuti (vicedirettore dell’Istituto San Raffaele Telethon per la terapia genica (Tiget) di Milano e membro del Cat) “nasce da notizie che abbiamo ricevuto relativamente ad annunci pubblicitari di siti web di cliniche presenti in diversi Paesi dell’Unione Europea, che offrono trattamenti spacciati come risolutivi e miracolosi, a base di cellule mesenchimali, definite impropriamente staminali, ad esempio per il trattamento dell’Alzheimer, ma senza che vi siano basi scientifiche né prove di efficacia. Questo ci riporta indietro, agli errori fatti con Stamina“.

Terapie cellulari non validate scientificamente: gli effetti collaterali

“Al momento – prosegue Ceradini – le terapie cellulari approvate sono pochissime in Europa. Molte sono in sperimentazione e il resto è una giungla di trattamenti non validati. Solo negli Usa ci sono oltre 700 cliniche private che li vendono a caro prezzo; ma altre sono in Europa, soprattutto dell’Est, in Svizzera e forse anche in Italia”.

Nella nota Ema si legge che i pazienti che ricorrono a terapie cellulari non validate scientificamente o non regolamentate “hanno riportato effetti collaterali gravi, a volte fatali, tra cui infezioni, reazioni immunitarie indesiderate, formazione di tumori, perdita della vista ed emorragie cerebrali”. Per “tutelare i cittadini”, conclude Ema, “sono essenziali studi clinici ben progettati per valutare la sicurezza e i benefici di queste terapie”. E chi voglia farvi ricorso “deve rivolgersi ai professionisti sanitari per ottenere informazioni affidabili”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube