Cronaca | News

Covid: finalmente la clamorosa notizia sugli anticorpi

30 Aprile 2020 | Autore:
Covid: finalmente la clamorosa notizia sugli anticorpi

La conferma si attendeva dall’inizio della pandemia: chi guarisce dall’infezione sviluppa le immunoglobuline in grado di proteggerlo da nuovi contagi.

Chi guarisce dal coronavirus sviluppa anticorpi. La conferma arriva (via Twitter) dal professore Roberto Burioni. «Seppure in quantità variabili – scrive Burioni sul social – i pazienti guariti da Covid-19 producono anticorpi contro il virus. Questo è bene perché rende affidabile la diagnosi sierologica e, se gli anticorpi fossero proteggenti, promette bene per l’immunità».

Il professore allega nel suo post un link allo studio cinese pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature Medicine, che conferma: «A 19 giorni dai sintomi, il 100% dei 285 pazienti esaminati avevano sviluppato le IgG contro Sars-CoV-2. Con livelli diversi, ai quali peraltro non corrispondevano particolari caratteristiche cliniche dei pazienti».

Va spiegato che la produzione delle immunoglobuline IgG in un sistema immunitario normale basta a prevenire una nuova infezione. Questi anticorpi si producono nel momento in cui si conclude la produzione di Igm, cioè degli anticorpi che si mettono in guardia nello stesso momento in cui l’organismo viene a contatto con un’infezione o con un antigene estraneo. Gli anticorpi Igm, però, garantiscono una protezione più breve, mentre quella delle IgG è più duratura nel tempo.

Si tratta di una notizia che può avere del clamoroso. Secondo gli esperti cinesi che hanno elaborato lo studio pubblicato su Nature Medicine, è la conferma che «il nostro sistema immunitario monta una risposta anticorpale contro il virus, risposta che con tutta probabilità, basandosi sui precedenti di Sars-1 e Mers oltre che sui modelli animali di infezione da coronavirus, protegge dalla reinfezione o almeno dal ritorno della malattia. Non possiamo sapere quanto dura questa risposta ma i precedenti con virus simili suggeriscono che dovrebbe durare almeno 12-24 mesi».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube