Business | Articoli

Recuperare il credito IVA in caso di omessa dichiarazione

30 Settembre 2014
Recuperare il credito IVA in caso di omessa dichiarazione

Lo scorso anno, erroneamente, non ho presentata la dichiarazione Iva a credito; è possibile presentare tale dichiarazione ora per allora e recuperare il credito Iva esposto nella dichiarazione dell’anno successivo?

Poiché la dichiarazione Iva per l’anno precedente è da considerare omessa, nel momento in cui sono decorsi 90 giorni dalla scadenza del termine per la presentazione in forma autonoma o in forma unificata non è ammessa la presentazione della stessa ora per allora.

Il contribuente, tuttavia, può ottenere il riconoscimento del credito Iva evidenziato nella dichiarazione, presentando al competente ufficio dell’agenzia delle Entrate, entro 30 giorni dal ricevimento dell’avviso di irregolarità, idonea documentazione, quale ad esempio i registri Iva, i prospetti delle liquidazioni periodiche, la dichiarazione cartacea dell’annualità omessa, le fatture di vendita e di acquisto [1].

Se l’ufficio riterrà sussistente il credito, procederà a scomputarlo dalle somme dovute in base all’avviso bonario originario, a titolo di interessi e della sanzione del 30 per cento sulla parte di credito effettivamente utilizzato. Il contribuente, successivamente, riceverà una comunicazione definitiva di irregolarità e qualora verserà entro 30 giorni da tale comunicazione le somme così determinate, beneficerà della riduzione ad un terzo della sanzione suindicata.

Ovviamente, sanzioni e interessi non sono dovuti nel caso in cui il credito Iva non sia stato utilizzato, ferma restando la sanzione per l’omessa presentazione della dichiarazione.


note

[1] Vedasi, in tal senso, circolare 21/E del 25 giugno 2013 dell’agenzia delle Entrate.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube