Diritto e Fisco | Articoli

Pensione anticipata per chi ha il diabete

1 Maggio 2020 | Autore:
Pensione anticipata per chi ha il diabete

Il lavoratore diabetico può conseguire anticipatamente il trattamento pensionistico a causa della patologia?

È vero che i lavoratori diabetici possono pensionarsi prima degli altri? Quanto affermato è vero, ma necessita di importanti precisazioni.

Molte persone diabetiche ottengono, a seconda del tipo e della gravità della patologia, nonché delle condizioni di salute generali, il riconoscimento di una determinata percentuale d’invalidità, generica (civile) o specifica (pensionabile). In base alla tipologia d’invalidità riscontrata, il lavoratore diabetico, in quanto invalido, può conseguire anticipatamente un trattamento pensionistico, un trattamento di accompagnamento alla pensione, come l’Ape sociale o, ancora, una maggiorazione dei contributi accreditati.

Non esiste, quindi, nel vero senso della parola, una pensione anticipata per diabete, ma chi è diabetico ed invalido può ottenere un trattamento di pensione anticipato.

Nel dettaglio, il lavoratore diabetico invalido può ottenere, in base alle condizioni di salute che gli sono riconosciute da un’apposita commissione medica ed al perfezionamento di ulteriori requisiti:

  • la pensione anticipata per i lavoratori precoci invalidi dal 74%;
  • l’Ape sociale a 63 anni per invalidi dal 74%;
  • l’assegno ordinario d’invalidità;
  • la pensione anticipata per invalidità dall’80%;
  • la maggiorazione contributiva per invalidità del 75%;
  • la pensione per inabilità al proficuo lavoro o alle mansioni;
  • la pensione per inabilità permanente ed assoluta a qualsiasi attività lavorativa.

Invalidità generica e specifica

Abbiamo osservato che, per conseguire dei vantaggi sulla pensione, il lavoratore diabetico deve essere anche riconosciuto invalido da un’apposita commissione medica. Ma quando si viene riconosciuti invalidi? L’invalidità consiste nella riduzione della capacità lavorativa della persona (o della capacità di svolgere compiti e funzioni propri dell’età, per chi non è in età lavorativa), derivante da un’infermità o da una menomazione. Può essere generica, se riferita alla generalità delle attività lavorativa, oppure specifica, cioè riferita a mansioni confacenti all’esperienza, alle attitudini ed alle competenze dell’interessato [1].

L’invalidità non deve essere confusa con l’handicap, che è la condizione di svantaggio sociale derivante da un’infermità o una menomazione; nello specifico, è considerato portatore di handicap chi presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, sia stabile che progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa.

La condizione d’invalidità non deve essere confusa nemmeno con la non autosufficienza, che consiste nell’impossibilità di compiere gli atti quotidiani della vita senza assistenza permanente, o nell’impossibilità permanente di camminare senza l’aiuto di un accompagnatore.

Diabete e invalidità Inps

Qual è la percentuale d’invalidità riconosciuta per il diabete e si tratta d’invalidità generica o specifica? In realtà, le condizioni riconosciute dalla commissione medica dipendono dal tipo di patologia riscontrata, nonché dalla commissione che effettua gli accertamenti, che può essere preposta al riconoscimento dell’invalidità civile o dell’invalidità pensionabile- specifica: si è esaminati da quest’ultima commissione solo a seguito di presentazione della domanda di una prestazione previdenziale, come l’assegno ordinario d’invalidità.

In base alle tabelle Inps, ai lavoratori diabetici sono riconosciute le seguenti percentuali d’invalidità pensionabile:

  • diabete mellito con complicanze gravi: dal 91% al 100%;
  • diabete mellito scompensato con complicanze di grado moderato: dall’81% al 90%;
  • diabete mellito in mediocre compenso con complicanze di grado moderato: dal 71% all’80%;
  • diabete mellito in buon compenso con complicanze di grado moderato: dal 61% al 70%;
  • diabete mellito scompensato con complicanze di grado lieve: dal 51% al 60%;
  • diabete mellito in mediocre compenso con complicanze di grado lieve: dal 41% al 50%;
  • diabete mellito tipo 2 insulino trattato non complicato scompensato: dal 31% al 40%;
  • diabete mellito in buon compenso con complicanze di grado lieve: dal 21% al 30%;
  • diabete mellito tipo 1 in mediocre compenso glicemico e/o con complicanze solo strumentalmente rilevate: dall’11% al 20%;
  • diabete mellito tipo 2 insulino trattato e diabete mellito tipo 1 non complicato: dal 6% al 10%;
  • diabete mellito tipo 2 non complicato: dallo 0 al 5%.

In base a quanto osservato, le percentuali d’invalidità e la possibilità di conseguire vantaggi pensionistici dipendono dal tipo di diabete diagnosticato. Possono comunque influire ulteriori condizioni riscontrate dalla commissione.

Il riconoscimento dell’invalidità pensionabile può comportare il diritto, unitamente al perfezionamento delle condizioni richieste dalla legge, alla pensione di vecchiaia anticipata per invalidità dall’80%, all’assegno ordinario d’invalidità ed alle pensioni d’inabilità (non civile).

Diabete e invalidità civile

Di seguito, le percentuali relative all’invalidità civile che possono essere riconosciute ai diabetici:

  • diabete insipido renale: dallo zero al 46%;
  • diabete mellito tipo 1° o 2° con complicanze micro macroangiopatiche con manifestazioni cliniche di medio grado (classe iii): dal 41 al 50%;
  • diabete mellito insulino dipendente con mediocre controllo metabolico e iperlipidemia o con crisi ipoglicemiche frequenti nonostante terapia (classe iii): dal 51 al 60%;
  • diabete mellito complicato da grave nefropatia e/o retinopatia proliferante, maculopatia, emorragie vitreali e/o arteriopatia ostruttiva (classe iv): dal 91 al 100%.

Il riconoscimento dell’invalidità civile può comportare il diritto, unitamente al perfezionamento delle condizioni richieste dalla legge, a prestazioni di assistenza, come la pensione d’invalidità e d’inabilità civile, nonché all’Ape sociale, alla pensione anticipata precoci e alla maggiorazione contributiva.

Pensione di vecchiaia anticipata per diabete

Il lavoratore diabetico, se dipendente del settore privato ed in possesso di un’invalidità pensionabile dell’80%, può conseguire la pensione di vecchiaia anticipata per invalidità [2].

Nel 2020 la pensione si può raggiungere a 61 anni di età per gli uomini ed a 56 anni per le donne, previa attesa di una finestra di 12 mesi, in quanto si applicano gli incrementi alla speranza di vita. Questa pensione è, infatti, un trattamento di vecchiaia e non consiste in un trattamento diretto d’invalidità.

Per ottenere il trattamento è richiesto un requisito contributivo minimo, pari a 20 anni di contributi. Sono sufficienti 15 anni di contributi per i beneficiari delle cosiddette deroghe Amato, ossia per coloro che possiedono:

  • 15 anni di contribuzione accreditati al 31 dicembre 1992;
  • l’autorizzazione al versamento dei contributi volontari rilasciata entro il 24 dicembre 1992;
  • 25 anni di anzianità contributiva, 15 anni di versamenti di lavoro dipendente (presso l’Assicurazione generale obbligatoria AGO o un fondo sostitutivo o esonerativo) e 10 anni lavorati in modo discontinuo.

La possibilità di ottenere la pensione di vecchiaia anticipata per invalidità è prevista soltanto per i lavoratori dipendenti del settore privato, iscritti cioè all’Assicurazione generale obbligatoria o ai fondi di previdenza sostitutivi della stessa, in possesso di contribuzione al 31 dicembre 1995 [3]. Il beneficio non è fruibile da parte dei lavoratori autonomi o dei dipendenti pubblici.

Il riconoscimento dello stato di invalidità in misura non inferiore all’80% deve essere effettuato dagli uffici sanitari dell’Inps. La commissione medica deve valutare la riduzione in modo permanente della capacità di lavoro in occupazioni confacenti alle attitudini dell’assicurato e non l’invalidità civile (invalidità generica).

Assegno ordinario d’invalidità per diabete

Se al lavoratore diabetico è riscontrata una capacità lavorativa specifica ridotta a meno di un terzo (superiore, cioè, al 66,67%, arrotondato al 67%), in presenza dei requisiti contributivi minimi questi ha diritto all’assegno ordinario d’invalidità da parte dell’Inps. Nel dettaglio, l’interessato deve possedere, presso una delle gestioni Inps (fondo pensione lavoratori dipendenti, artigiani, commercianti, coltivatori, gestione Separata, ex Inpdap, ex Enpals…) almeno 5 anni di contributi, di cui 3 versati nell’ultimo quinquennio.

L’assegno è calcolato in base ai contributi versati, proprio come la pensione, ma senza maggiorazioni (come invece avviene per la pensione per assoluta e permanente inabilità a qualsiasi attività lavorativa) e viene ridotto se il reddito supera di 4 volte il trattamento minimo (sussistono ancora, per questo trattamento, i limiti di cumulo col reddito da lavoro). L’assegno ordinario d’invalidità è compatibile con l’attività lavorativa, al contrario della pensione per assoluta e permanente inabilità a qualsiasi attività lavorativa.

Pensione d’invalidità civile per diabete

Se la persona affetta da diabete non possiede contribuzione o possiede pochissimi contributi, può aver diritto a un altro assegno a carico dell’Inps collegato allo stato d’invalidità civile, l’assegno di assistenza per invalidi civili parziali. Nel dettaglio, questo trattamento, noto come pensione di invalidità civile, spetta se il proprio reddito risulta inferiore a 4.926,35euro e l’invalidità civile- generica riconosciuta è almeno pari al 74%.

L’assegno di assistenza ammonta, per il 2020, a 286,81 euro al mese. Si tratta di un reddito esente da Irpef, per il quale, contrariamente all’assegno d’invalidità ordinario, è richiesto lo stato di disoccupazione. Al compimento di 67 anni, la pensione d’invalidità civile viene convertita in assegno sociale sostitutivo.

Ape sociale e pensione anticipata precoci per diabete

Oltre alla pensione d’invalidità civile, se il lavoratore affetto da diabete è riconosciuto invalido in misura almeno pari al 74% può ottenere due importanti benefici pensionistici:

  • la pensione anticipata precoci, che consente di pensionarsi con 41 anni di contributi, se si possiedono almeno 12 mesi di contribuzione da effettivo lavoro versati prima del compimento di 19 anni di età;
  • l’Ape sociale, un anticipo pensionistico a carico dello Stato, che permette di uscire dal lavoro con un minimo di 63 anni di età e 30 anni di contributi (28 per le donne con almeno 2 figli, 29 per le donne con un figlio).

Pensione d’inabilità per diabete

Se il lavoratore affetto da diabete è invalido al 100%, o inabile, può fruire di numerosi benefici, che dipendono, però, dal tipo di invalidità o inabilità riconosciuta:

  • pensione d’inabilità civile, o pensione per invalidi civili totali: la prestazione è concessa alla persona con diabete, se riconosciuta un’invalidità civile del 100%, con un reddito personale annuo sino a 16.982,49 euro (il valore si riferisce all’anno 2020); la prestazione è compatibile, sino al limite di reddito, con l’assegno ordinario d’invalidità; per ottenere il trattamento, che ha lo stesso ammontare della pensione d’invalidità civile (286,81 euro per il 2020), non è richiesto lo stato di disoccupazione;
  • pensione d’inabilità al lavoro: per questo trattamento non è sufficiente il riconoscimento dell’invalidità civile in misura pari al 100%, ma è richiesto il riconoscimento dell’inabilità permanente ed assoluta a qualsiasi attività lavorativa; bisogna inoltre che l’interessato possieda almeno 5 anni di contributi, di cui 3 accreditati nell’ultimo quinquennio; il trattamento è calcolato allo stesso modo della pensione, ma è aggiunta una maggiorazione contributiva (per approfondire: Pensione d’inabilità al lavoro);
  • pensione d’inabilità al proficuo lavoro e alle mansioni per i dipendenti pubblici: la pensione d’inabilità, senza maggiorazione, è riconosciuta anche ai dipendenti pubblici affetti da diabete che sono riconosciuti inabili alle mansioni, o al proficuo lavoro (per proficuo lavoro si intende la capacità di prestare servizio in maniera continuativa ed efficace); a seconda della categoria di appartenenza e del tipo d’inabilità, sono richiesti un minimo di 15 o 20 anni di contributi;

Contributi figurativi per la pensione

Con un’invalidità superiore al 74%, il lavoratore diabetico può avere inoltre diritto al beneficio pensionistico dei contributi figurativi, o più precisamente della maggiorazione contributiva: nel dettaglio, per i lavoratori con invalidità superiore al 74%, per ogni anno lavorato alle dipendenze di un datore di lavoro pubblico o privato sono accreditati 2 mesi di contributi figurativi in più, sino ad un massimo di 5 anni. L’agevolazione può essere riconosciuta dal 2002 in poi.

La maggiorazione è utile anche per raggiungere il requisito contributivo, o la maggiore anzianità in assenza del requisito anagrafico, per la pensione anticipata o di anzianità.

Il beneficio nella misura di due mesi per ogni anno di lavoro fino ad un massimo di cinque anni è riconosciuto entro l’anzianità contributiva massima di 40 anni per il calcolo della pensione con il sistema di calcolo retributivo.

I due mesi di contributi in più non sono rilevanti nel calcolo della quota di pensione contributiva (per le pensioni a calcolo misto), né per il calcolo della pensione da liquidare integralmente con il sistema contributivo: questo, perché nel calcolo contributivo l’importo della pensione è determinato moltiplicando il montante individuale dei contributi (cioè il totale dei contributi accreditati, rivalutati) per il coefficiente di trasformazione relativo all’età al momento del pensionamento.


note

[1] Art.1 L. 222/1984.

[2] Art.1, co.8, Dlgs. 503/1992.

[3] Circ. Inps 65/1995.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube