Diritto e Fisco | Articoli

Nuovi sostegni anti-Covid19 a dipendenti e autonomi

3 Maggio 2020
Nuovi sostegni anti-Covid19 a dipendenti e autonomi

Prorogata la sospensione dei licenziamenti; 1000 euro in più agli autonomi. Reddito di emergenza cumulabile con il Reddito di cittadinanza.

Mentre si inaspriscono le tensioni Usa-Cina sul piano internazionale, tanto da far balzare in primo piano i timori di una nuova guerra (per ora fortunatamente solo commerciale), sul piano interno il Governo ha appena ultimato i lavori al cosiddetto “decreto-maggio” per il rilancio del Paese, ancora in bilico tra lockdown e riapertura. Sul piatto ci sono numerose misure per i lavoratori dipendenti, agevolazioni per gli autonomi e sostegni per le imprese.

Iniziamo dallo stop ai licenziamenti che viene prorogato per altri tre mesi: i datori privati non potranno intimare licenziamenti collettivi e individuali per motivi economici. Restano fermi i licenziamenti per motivi disciplinari.

Chi ha licenziato per giustificato motivo oggettivo dal 23 febbraio al 17 marzo (periodo precedente all’entrata in vigore del decreto Cura Italia) potrà revocare l’atto di recesso, e ripristinare il rapporto di lavoro, purché contestualmente faccia richiesta di cassa integrazione in deroga. 

Per gli autonomi viene prolungato il bonus anche per aprile e maggio. Si discute sugli importi tra due opzioni: una prima vorrebbe 800 euro al mese, una seconda invece 600 euro ad aprile e 1.000 a maggio, ma limitati ad alcune categorie di professionisti. Per i professionisti iscritti agli Ordini professionali verrebbe meno la condizione dell’iscrizione in via esclusiva ad una cassa previdenziale.

Viene confermato il Reddito d’emergenza per circa 1 milione di nuclei familiari: si tratta di tre mensilità da 400 euro per un single, crescente in base al numero di componenti, fino a 800 euro mensili. L’importo è cumulabile con il Reddito di cittadinanza ma non con il bonus autonomi. 

Per ottenere il Reddito d’emergenza, bisognerà avere un Isee inferiore a 15mila euro e un valore del patrimonio mobiliare nel 2019 inferiore a 10mila euro per un single (accresciuto di 5mila euro per ogni componente fino a 20mila euro). 

Le domande vanno presentate entro luglio. «Tra le altre cose il Rem a giugno potrebbe servire ai lavoratori del turismo che vedono la stagione compromessa», sottolinea Marco Leonardi, consigliere del ministro Roberto Gualtieri (Economia).

Si ampliano poi i parametri per percepire il Reddito di cittadinanza: la soglia Isee è incrementata da 9.360 euro a 10mila euro, la soglia del valore patrimoniale aumenta da 30mila a 50mila euro, la soglia del patrimonio mobiliare cresce da 6mila a 8mila euro per un single.

Ci saranno ulteriori 15 giorni di congedo straordinario (retribuito al 50%) e altri 600 euro di bonus baby sitter che potranno essere utilizzati anche per pagare asili e centri estivi.  



4 Commenti

  1. Vergognoso !! Il governo in pratica vuole dare più soldi (fino a 800 euro) a chi lavora in nero rispetto a chi lavora in regola (600 euro) e quindi deve rispettare e sostenere tutti i costi e i balzelli della professione, non solo, in più gli si chiede anche di dimostrare il calo di fatturato del bimestre marzo-aprile rispetto all’anno precedente, ma un professionista, ad esempio, incassa e fattura le prestazioni con svariati mesi di distanza (il calo lo avrà semmai dal mese di aprile-maggio in poi), chi governa dovrebbe conoscere questi aspetti o si dimostra un incapace!

    1. Bravo amico mio..hai preso in pieno!noi con la partita iva stiamo facendo la fame..e io che speravo al fondo perduto..che schifo!!

  2. Che vergogna….io ho versato 40 anni di contributi 319 mila euro e mi daranno 600€….chi prende il rèddito di cittadinanza potrà arrivare a prendere 1180 € con la nuova ordinanza e chi lavora in nero 800€…. …ma che cazzo di. Legge è……..

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube