Cronaca | News

Coronavirus: vacanze estive a rischio per molti italiani

3 Maggio 2020
Coronavirus: vacanze estive a rischio per molti italiani

Più della metà non partirà; una famiglia su 3 farà viaggi brevi e soggiorni vicino casa. Solo uno su 5 è disposto a partire alla fine dell’emergenza Covid.

Uno dei paradossi della pandemia è che il Coronavirus arrivato dalla lontana Cina si è propagato rapidamente in tutto il mondo e ha bloccato la mobilità delle persone in tutti i Paesi. Un virus che non conosce confini ha costretto le persone di ogni nazione a rimanere a casa. Ora con la Fase 2 le restrizioni si allentano e presto si potrà tornare a circolare, sia pure con le necessarie precauzioni che la convivenza con il virus impone.

Intanto agli italiani è passata la voglia di viaggiare: secondo un’indagine svolta da Confturismo e Confcommercio diffusa oggi dall’Adnkronos, più della metà degli italiani, il 57%, dichiara che, anche dopo la fine dell’emergenza, non si muoverà per fare una vacanza. È una percentuale leggermente più alta di quella registrata a marzo, quando era il 53% degli intervistati a dichiarare di non essere propensi a fare un viaggio, né ora né entro l’anno, a prescindere dalla fine della pandemia.

Adesso poco meno di un italiano su tre, precisamente il 32% dichiara che quest’anno farà le vacanze, ma saranno molto brevi, di 2 o 3 giorni e senza allontanarsi troppo dalla propria residenza. Lo sanno bene gli esercenti del settore turistico e alberghiero, che hanno visto annullare quasi tutte le prenotazioni per il periodo estivo. Per contrastare questa tendenza, il Governo pensa di introdurre un bonus vacanze per incentivare i soggiorni estivi in strutture ricettive italiane.

La rinuncia alle vacanze può essere vista anche come una conseguenza della paura più generale per l’emergenza Coronavirus tuttora in atto e che coinvolge tutte le abitudini di vita, tra cui la propensione a spostarsi, per andare in vacanza e non solo. Dalle interviste emerge infatti che gli italiani preoccupati per l’emergenza Covid ad aprile sono l’80%, dunque quattro su cinque. E il mese prima, a marzo, erano ancora di più: l’86%.

Il sondaggio rileva poi che solo il 20% è disposto a partire per un viaggio vacanza appena l’emergenza sanitaria sarà conclusa. Quindi la preoccupazione resta molto alta e non è correlata al calo dei contagi o all’allentamento delle misure di contenimento. Emergono anche motivi di carattere economico nella rinuncia alle vacanze: il 15% è incerto proprio perché teme di non avere sufficienti disponibilità finanziarie, mentre l’8% non sa se potrà farlo per le ferie che mancano e per gli impegni lavorativi che invece si protraggono.

A cascata, crolla inoltre il desiderio di fare shopping o comprare regali in vacanza. Probabilmente – rilevano i sondaggisti di Swg che hanno condotto la rilevazione – questo è “legato al timore di frequentare contesti urbani ma è certamente connesso anche alla crisi economica percepita”. Infatti quest’anno solo il 7% degli intervistati mette lo shopping tra gli obiettivi; lo scorso anno, sempre ad aprile, era il 22%. Due su tre di coloro che lo scorso anno erano disponibili ad acquistare durante le vacanze ora non lo sono più.

Tutto questo mette a fortissimo rischio l’economia del turismo, che ha effetti sugli altri settori collaterali: commercio, trasporti, cultura e molti altri, che nella stagionalità danno alle comunità locali nelle zone turistiche quel sostegno economico che ora verrà a mancare. In questa situazione, commenta il presidente di Confturismo-Confcommercio, Luca Patanè, occorre ”intervenire subito e con strumenti efficaci a supporto delle attività del settore e dei consumi, con una ‘manovra sincronizzata su più fronti’. Leggi anche Coronavirus: le vacanze nella Fase 2.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube