Diritto e Fisco | Articoli

Come richiedere un passaporto urgente

4 Agosto 2020 | Autore:
Come richiedere un passaporto urgente

Viaggiare senza problemi: la documentazione da portare con sé. Differenti procedure per gli spostamenti nazionali, europei ed esteri.

Il viaggio rappresenta un’esperienza che tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo provato. Il desiderio di visitare mete sconosciute, di conoscere nuovi territori, di assaggiare nuovi sapori, di allargare le proprie conoscenze, rappresenta per alcuni l’essenza della vita. Forse anche tu rientri nella categoria delle persone che ama spostarsi da un posto all’altro. Magari speri di attraversare gli Stati Uniti coast to coast a bordo di una motocicletta o di tuffarti nella cultura classica della Grecia antica o, semplicemente, di rilassarti in riva al mare sotto il caldo sole delle Maldive.

A prescindere dalle mete dei tuoi sogni, una cosa è certa: non puoi viaggiare sprovvisto degli appositi “lascia passare”. Facciamo sostanzialmente riferimento ai documenti che ti identificano e ti ricollegano a un determinato Stato di appartenenza. La loro tipologia varia a seconda della Nazione in cui intendi recarti.

In particolare, quando ti sposti al di fuori del territorio dell’Unione Europea non è sufficiente la semplice carta di identità. Ecco perché, in alcuni casi, occorre interrogarsi su come chiedere un passaporto urgente. Tale necessità si verifica ogni volta che devi espatriare con immediatezza, magari per il sopravvenire di una situazione imprevista. Addentriamoci, dunque, nella materia.

Il passaporto: che cos’è?

Il passaporto è il documento di identità necessario per l’espatrio in Paesi diversi dagli Stati aderenti all’Unione Europea. All’interno dell’eurozona, infatti, i cittadini godono del diritto di circolare liberamente. Per viaggiare in una di queste Nazioni è, quindi, sufficiente la carta di identità.

Peraltro, sul punto, è appena il caso di ricordare che a partire dal 1992 tutti i cittadini degli Stati membri dell’Unione sono diventati automaticamente anche cittadini europei. È stato quindi introdotto un concetto di cittadinanza che si affianca, ma non si sovrappone, allo status nazionale. Facciamo un esempio per capire il concetto: chi nasce in Italia ha una doppia qualità; egli è al contempo cittadino italiano ed europeo.

Al di fuori di tali contesti, è necessario un apposito documento rilasciato, nel nostro Paese, dalle questure e, all’estero, dalle autorità diplomatiche e consolari. Pensa che, a partire dal 2021, il passaporto sarà necessario anche per visitare la Gran Bretagna: è questo uno degli effetti della famosa Brexit.

La normativa europea del 2010 ha introdotto l’obbligo del passaporto elettronico. Si tratta di un documento cartaceo di 48 pagine che contiene sulla copertina un microchip relativo alle informazioni anagrafiche, alle impronte digitali e alla foto del suo titolare. Inoltre, nella seconda pagina, è inserita la firma digitalizzata del richiedente, eccezion fatta per le categorie esenti, ossia:

  • minori di anni dodici;
  • analfabeti;
  • coloro che versano in una condizione di impossibilità fisica alla firma: tale situazione deve essere documentata da un certificato medico.

Il rilascio del passaporto

Per ottenere il passaporto è necessario presentare un’apposita richiesta alla questura competente per territorio (ossia quella in cui si ha la residenza, il domicilio o la dimora). A tal fine, è possibile seguire due strade:

  • rivolgersi personalmente all’ufficio della polizia di Stato;
  • presentare la richiesta on line tramite l’apposita piattaforma.

In entrambi i casi, occorre compilare un modulo predefinito e allegare la documentazione richiesta.

Per quanto riguarda il primo aspetto, la domanda è redatta nella forma dell’autocertificazione. Di conseguenza, il dichiarante si assume la responsabilità delle informazioni in essa contenuta. Le voci da compilare sono le seguenti:

  1. generalità del richiedente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, indirizzo di residenza, stato civile);
  2. presenza di eventuali figli minori e generalità dell’altro genitore (quest’ultimo deve firmare una dichiarazione di assenso all’espatrio);
  3. oggetto della richiesta (passaporto, rinnovo, duplicato);
  4. anagrafica del soggetto eventualmente delegato al ritiro del documento;
  5. consenso al trattamento dei dati personali;
  6. sottoscrizione (per i minori la firma deve essere apposta dai genitori che esercitano la potestà genitoriale).

Per quanto concerne, invece, gli allegati alla domanda essi sono:

  1. copia di un documento di identità in corso di validità;
  2. due fotografie in formato fototessera;
  3. attestazione del pagamento di € 42,50 quale contributo per il rilascio del passaporto elettronico: il versamento può essere effettuato solo tramite bollettino postale;
  4. contributo amministrativo della somma di € 73,50;
  5. eventuale precedente passaporto (o relativa denuncia in caso di furto o smarrimento).

Il documento per i soggetti maggiorenni non ha durata illimitata, ma ha una validità di dieci anni decorrenti dal momento del rilascio.

Il passaporto urgente

Di solito, i viaggi all’estero si programmano con debito anticipo. In tal modo, si ha, infatti, la possibilità di organizzarsi per tempo sia dal punto amministrativo (con riferimento alla documentazione da richiedere e alla eventuale profilassi medica da eseguire) sia dal punto di vista economico (prenotare un viaggio molto prima consente di risparmiare sulle tariffe dei mezzi di trasporto).

Tuttavia, può verificarsi l’ipotesi in cui sia necessario partire con una certa urgenza. Pensa, ad esempio, al caso di un figlio residente in Italia che deve spostarsi rapidamente negli Stati Uniti per l’aggravarsi delle condizioni di salute di uno dei suoi genitori. In tale ipotesi, se il ragazzo non ha il passaporto o ha un documento scaduto molto probabilmente non ha il tempo di seguire la procedura ordinaria. Infatti, anche se i tempi di rilascio del titolo di viaggio sono piuttosto celeri (di regola, si va da due a quindici giorni), delle volte sono eccessivi rispetto alle esigenze del viaggiatore.

In casi di questo genere, è possibile presentare la richiesta di passaporto temporaneo (o urgente). Si tratta di un documento di viaggio di emergenza che presenta le seguenti caratteristiche:

  • è sprovvisto di microchip;
  • è composto di 16 pagine;
  • ha una validità temporale ridotta (pari a, seconda delle esigenze, al massimo a un anno).

Per ottenere il rilascio di tale libretto è necessario versare in una delle condizioni previste dalla legge, ossia:

  • impossibilità temporanea e debitamente documentata alla rilevazione delle impronte digitali;
  • circostanze urgenti ed eccezionali in cui non è possibile seguire la procedura ordinaria.

Al pari di quanto avviene per il passaporto ordinario, è necessario presentare un’apposita richiesta nella forma dell’autocertificazione. Anche in tale ipotesi sono esonerati dalla firma i soggetti esentati come regola generale.

Alla domanda è necessario allegare l’apposita documentazione, ossia:

  1. valido documento di riconoscimento;
  2. due foto identiche e in formato fototessera;
  3. ricevuta di pagamento di € 5,20: il versamento deve essere effettuato esclusivamente tramite bollettino presso gli uffici di Posteitaliane.

In particolare, se devi andare negli Stati Uniti devi sapere che il passaporto temporaneo può essere utilizzato soltanto se accompagnato da visto di ingresso.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube