L’esperto | Articoli

Visita specialistica: ultime sentenze

30 Maggio 2020
Visita specialistica: ultime sentenze

Leggi le ultime sentenze su: linee guida accreditate dalla comunità scientifica; visita specialistica neurologica; responsabilità per conseguenze lesive derivanti dalla patologia; responsabilità colposa del medico per le conseguenze prevedibili dell’evoluzione della patologia del paziente in cura.

Responsabilità medica

In tema di colpa medica l’osservanza da parte del medico delle linee guida accreditate dalla comunità scientifica comporta l’insussistenza del reato di omicidio o lesioni per colpa lieve. (Nel caso di specie, si trattava di una signora di anni 65 che a causa di una caduta accidentale aveva riportato un trauma cranico, il medico dopo aver eseguito una tac richiedeva una visita specialistica neurologica che escludeva la necessità di un intervento chirurgico e suggeriva un controllo evolutivo in funzione dell’evoluzione clinica, la paziente dopo alcuni giorni veniva dimessa senza esperire nuova tac, ma subito dopo decedeva a seguito di una emorragia).

Tribunale La Spezia sez. uff. indagini prel., 20/02/2017, n.187

Accertamenti sanitari e visita specialistica ortopedica

A prescindere dal quanto stabilito dall’art. 1 (dedicato ai mutilati) del r.d. 28 settembre 1934 n. 1820, l’art. 9 del medesimo decreto chiarisce che il requisito indispensabile ai fini della concessione del distintivo d’onore di ferito in servizio consiste nella presenza di “ferite o lesioni interessanti in modo grave e con esiti permanenti i tessuti molli, le ossa e gli organi cavitari” (nel caso di specie, all’esito degli accertamenti sanitari eseguiti e della visita specialistica ortopedica, sono risultati modesti esiti funzionali a carico dell’arto superiore sx, con la conseguenza che legittimamente è stata negata l’autorizzazione a fregiarsi del distintivo d’onore di ferito in servizio).

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. II, 13/12/2016, n.12407

Conseguenze prevedibili dell’evoluzione della patologia 

In tema di colpa medica – in considerazione della posizione di garanzia che il medico assume nei confronti del paziente con l’instaurazione della relazione terapeutica – il sanitario che, avendo in cura il paziente per stati di ansia o sindrome depressiva, in presenza di apprezzabili indici significativi di un atteggiamento di negazione di patologie di diversa natura, ometta di approfondire le condizioni cliniche generali dell’assistito e di assumere le necessarie iniziative per indurlo alla cura di tale patologia, è responsabile per le prevedibili conseguenze lesive derivate dalla patologia medesima.

(Nella specie la Corte ha confermato la sentenza che aveva escluso la responsabilità di un neurologo in relazione al decesso di una sua paziente affetta da patologia oncologica non ritenendo adeguatamente provati né il presupposto di fatto dell’omesso approfondimento delle condizioni generali della paziente, che era stata comunque avviata ad una visita specialistica, né il nesso causale, essendo incerto il momento iniziale e la successiva evoluzione della malattia).

Cassazione penale sez. IV, 07/01/2016, n.1846

Visita specialistica ambulatoriale

L’art. 8 d.l. n. 347 del 2001, conv. in l. n. 405 del 2001, introduce un particolare sistema c.d. misto di erogazione dei farmaci agli assistiti dal S.s.n. da parte delle regioni e delle province autonome di Trento e Bolzano, in aggiunta a quelli pregressi, e cioè l’erogazione “ordinaria”, attraverso le farmacie pubbliche e private convenzionate, e la fornitura “diretta”, da parte delle Aziende Sanitarie, che possono in tal caso acquistare il farmaco dalle imprese produttrici, mediante contrattazione fra le parti interessate con lo sconto non inferiore al 50% del prezzo di vendita al pubblico.

Per effetto di tale disposizione sono, quindi, consentiti “accordi allargati, per l’erogazione dei farmaci, con beneficio sul prezzo, a pazienti nella fase immediatamente successiva alla dimissione dal ricovero ospedaliero (o alla visita specialistica ambulatoriale) – limitatamente comunque al primo ciclo terapeutico – nonché ai pazienti in assistenza domiciliare (residenziale e semi residenziale) che necessitano di detti farmaci.

T.A.R. Firenze, (Toscana) sez. II, 20/01/2014, n.87

Visita specialistica oculistica

Le valutazioni espresse dalle Commissioni Mediche in sede di esame dei candidati costituiscono l’espressione di un’ampia discrezionalità finalizzata a stabilire in concreto l’idoneità fisica dei soggetti interessati, con la conseguenza che le stesse valutazioni non sono sindacabili dal giudice amministrativo, se non nei casi in cui sussistono elementi idonei ad evidenziare uno sviamento logico o un errore di fatto, nella specie insussistenti (nel caso di specie, veniva dichiarata la legittimità del giudizio di non idoneità fondato sulla visita specialistica oculistica da cui si ricavava un visus naturale OD di 1/10 e in OS di 3/10 non compatibile con l’idoneità al concorso per la permanenza nella qualità di Carabiniere).

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. I, 05/10/2011, n.7700

Facoltà della banca di sottoporre il dipendente a visita specialistica 

La facoltà della Banca d’Italia di sottoporre a visita specialistica il dipendente che richiede il riconoscimento della dipendenza da causa di servizio di una patologia sussiste, per espressa prescrizione del comma 6 dell’art. 39 del regolamento del personale della Banca d’Italia, solo in relazione alle istanze avanzate nei termini dei precedenti commi, non certamente nei riguardi di quelle inammissibili, come quella di specie.

Consiglio di Stato sez. VI, 02/03/2011, n.1286

Autorizzazioni temporanee all’allontanamento dal luogo di soggiorno obbligato

L’autorizzazione al sorvegliato speciale a recarsi fuori dal comune di residenza “quando ricorrono gravi e comprovati motivi di salute“, prevista dall’art. 7 bis l. n. 1423 del 1956, è applicabile anche al caso di un componente della famiglia che si trovi nell’impossibilità concreta di raggiungere autonomamente il luogo presso il quale sottoporsi a visita specialistica.

Tribunale Crotone, 07/06/2010

Dipendenza dell’infermità da causa di servizio

Se l’insegnante a forza di parlare si rovina le corde vocali non deve tergiversare ma presentare entro il termine decadenziale di sei mesi la richiesta di invalidità. È pur vero che l’istanza di riconoscimento della dipendenza dell’infermità da causa di servizio va proposta entro il termine perentorio di sei mesi decorrente non dalla mera conoscenza della infermità ma dal momento dell’esatta percezione della natura e della gravità dell’infermità e del suo nesso causale con un fatto di servizio. Tuttavia non può essere considerato verosimile che questo termine decadenziale coincida con la data di una visita specialistica, quando un anno prima l’interessato si era sottoposto ad un intervento chirurgico connotato da un apprezzabile livello di specializzazione.

Consiglio di Stato sez. VI, 07/05/2010, n.2677

Richiesta di visita specialistica urgente

Le condizioni del paziente, in rapporto sia alla persistente cefalea, sia, soprattutto, alla sua resistenza ad ogni terapia, come riferito nella richiesta di visita specialistica urgente, avrebbero dovuto imporre al medico di pronto soccorso l’obbligo, non soltanto evidente, sotto il profilo di una accettabile deontologia professionale, ma giuridicamente incontestabile, di procedere, in ogni caso, ad una visita per opportuna, quanto intuibilmente necessaria, prima valutazione della situazione clinico-diagnostica del paziente, salvo poi a valutarne i necessari ed opportuni sviluppi.

Cassazione penale sez. VI, 16/02/2006, n.10933

Dimissione dalla visita specialistica ambulatoriale

La riserva ai farmacisti della distribuzione dei farmaci convive senza alcuna lesione con la facoltà, concessa alle aziende sanitarie locali, di consentire l’erogazione di prestazioni farmaceutiche sia all’interno che all’esterno delle strutture ospedaliere, nel contesto della legislazione concorrente attribuita dall’art. 117 cost., come modificato dalla l. cost. n. 3 del 2001, alle Regioni anche in materia di sanità pubblica, nell’ambito della quale rientra l’assistenza farmaceutica e dell’art. 8 (nella fattispecie, lett. c) della l. n. 405 del 2001 che, al fine di garantire la continuità assistenziale, dispone che la struttura, pubblica fornisca direttamente i farmaci limitatamente al primo ciclo terapeutico completo, sulla base di direttive regionali, per il periodo immediatamente successivo alla dimissione dal ricovero ospedaliero o dalla visita specialistica ambulatoriale: ciò nel perseguimento del duplice obiettivo di garantire la continuità assistenziale farmaceutica, ai soggetti interessati, rispettando il principio del contenimento della spesa pubblica.

T.A.R. Firenze, (Toscana) sez. II, 20/12/2004, n.6459

L’erogazione di farmaci con beneficio sul prezzo

L’art. 8, d.l. 18 settembre 2001, n. 347 – che introduce un particolare sistema (c.d. “misto”) di erogazione dei farmaci agli assistiti dal S.s.n. da parte delle regioni e delle province autonome di Trento e Bolzano, consentendo “accordi allargati” per l’erogazione di farmaci, con beneficio sul prezzo, a pazienti nella fase immediatamente successiva alla dimissione dal ricovero ospedaliero (o alla visita specialistica ambulatoriale), limitatamente comunque al primo ciclo terapeutico, nonché ai pazienti in assistenza domiciliare (residenziale e semiresidenziale) – non configura una costituzionalmente illegittima influenza regionale o provinciale nel mercato di distribuzione dei farmaci, considerando che lo sconto obbligatorio degli stessi costituisce una prestazione patrimoniale di natura tributaria e pertanto, se da un lato risulta conforme al disposto dell’art. 23 cost., trovando il suo fondamento nella legge, dall’altro esclude ogni comparazione con il principio della libertà di iniziativa economica privata di cui all’art. 41 cost., riferendosi questa ad altro e diverso ambito.

T.A.R. Trento, (Trentino-Alto Adige), 26/01/2004, n.12

Prima visita specialistica

In materia di indennizzo assicurativo al danneggiato il semplice fatto che tra il primo referto di pronto soccorso e la prima visita specialistica siano intercorsi 15 giorni, è circostanza aspecifica e non grave, priva quindi dei requisiti imposti dall’art. 2729 c.c. per ritenere provata l’anteriorità della malattia al sinistro.

Tribunale Roma sez. XII, 06/11/2002

L’erogazione dei medicinali agli assistiti

L’erogazione dei medicinali agli assistiti per il primo ciclo completo nel periodo immediatamente successivo al ricovero ospedaliero o alla visita specialistica ambulatoriale, previsto dall’art. 8 comma 1 lett. c) l. n. 405 del 2001 per garantire la continuità assistenziale, non si riferisce ai primi giorni successivi alla dismissione ospedaliera o alla visita specialistica ma si riferisce al primo ciclo terapeutico che può decorrere tra la dismissione o la visita di controllo prima del passaggio in cura al medico di base.

T.A.R. Perugia, (Umbria), 12/06/2002, n.418


16 Commenti

  1. Se vado da uno specialista mi aspetto massima professionalità, no approssimazione. soprattutto perché se pago una visita costosa, non può liquidarmi in due parole senza spiegarmi bene le cose e senza essere disponibile e cordiale con il paziente.. C’è chi dovrebbe imparare un po’ di empatia prima di mettersi a spillare soldi alla gente

  2. Quando bisogna prenotare una visita specialistica presso una struttura sanitaria pubblica, come si deve procedere? Quali sono i passaggi da effettuare?

    1. A tutte le persone deve essere garantita la possibilità di accedere alle prestazioni in maniera equa e secondo tempi ragionevoli. Questo almeno in teoria: purtroppo sono note a tutti le lacune presenti in alcune Regioni. In linea di massima, è comunque possibile individuare una procedura standard che deve essere attivata per fare le prenotazioni. In tutti i casi, infatti, è necessario rivolgersi al Cup, ossia al centro unico prenotazioni che gestisce le visite dell’ambito territoriale in cui ha competenza (pensa, ad esempio, a una città metropolitana). Inoltre, è compito di tale ufficio smistare le richieste presso le strutture sanitarie più vicine o che garantiscono la prestazione in tempi più rapidi.
      La richiesta al Cup può essere effettuata:
      direttamente allo sportello;
      attraverso le farmacie abilitate;
      per telefono utilizzando il numero verde;
      on line (nei casi in cui tale servizio è previsto).

  3. Una mia amica deve fare la prenotazione per una visita specialistica in una struttura pubblica. Il medico di base si è reso che è necessario fare degli approfondimenti per conoscere la natura e le cause di una patologia o di un disturbo, così le ha detto che è necessario chiedere un consulto a uno specialista del settore.Ora, come funzionano la lista di attesa e la collocazione in graduatoria? Grazie in anticipo

    1. In tal caso, grazie alla documentazione medica in suo possesso, accede a una lista di attesa e viene collocata in graduatoria. La posizione che viene assegnata varia a seconda dell’urgenza della diagnosi e, quindi, del codice applicato dal medico sulla prescrizione. Esiste, infatti, un preciso piano organizzativo basato sulla seguente identificazione:
      lettera P: fa riferimento alle visite di controllo programmate e non urgenti;
      lettera D: indica che le prestazioni che possono essere differite senza compromettere la salute del paziente;
      lettera B: si applica alle indagini che devono essere fatte in tempi brevi (entro 10 giorni dalla richiesta di prenotazione);
      lettera U: si riferisce alle visite urgenti, ossia a quelle che, per la gravità della condizione psico-fisica del soggetto, devono essere eseguite entro 72 ore dalla richiesta del paziente. La prenotazione, in questo caso, deve essere effettuata entro 48 ore dalla prescrizione medica; viceversa si decade dal beneficio.
      Con specifico riferimento a queste ultime ipotesi, non è sempre possibile utilizzare il codice dell’urgenza. È, infatti, indispensabile che l’esame richiesto rientri tra le aree prioritarie di intervento indicate dal servizio sanitario. Tra queste è possibile ricordare, ad esempio, le patologie cardiocircolatorie o i tumori. In ogni caso, è possibile prenotare visite specialistiche anche in Regioni diverse da quella di appartenenza (pensa, ad esempio, agli ospedali specializzati in determinate malattie). In questa ipotesi, occorre rivolgersi al cup dell’ambito territoriale di interesse.In materia, è importante ricordare una possibilità riconosciuta dalla legge, ma poco nota ai cittadini. Se il servizio pubblico non è in grado di fornire una prestazione nei tempi richiesti dai codici di prenotazione, il paziente può rivolgersi al servizio privato addebitando le spese al sistema sanitario locale. L’utente, in questo caso, sarà tenuto a pagare soltanto il ticket.

  4. Quali sono e cosa fare in caso di tempi di attesa troppo lunghi per una visita in ospedale senza dover ricorrere ad una struttura privata a pagamento, con costi esorbitanti? Di questi tempi, meglio evitare costi aggiuntivi…

    1. Quando si deve fare una visita specialistica, il primo passo da fare è andare dal medico curante. Lui, in base alla patologia, sceglierà tra quattro opzioni: la visita urgente, quella breve, quella differibile e quella programmabile. Ciascuna di queste opzioni verrà segnata dal medico di base sull’impegnativa che il paziente dovrà avere in mano per prenotare la visita al telefono, online o allo sportello. Sarà, quindi, il nostro dottore il primo a stabilire i tempi di attesa della visita specialistica in base al codice che avrà riportato sull’impegnativa. Si va da un minimo di 72 ore per le visite più urgenti a “chissà quando” per quelle meno urgenti: ogni Regione, infatti, stabilisce i tempi entro i quali devo essere fissate le prestazioni, essendo l’Ente che gestisce la sanità pubblica nei territori di competenza.Fino ad un certo punto. Perché quel “chissà quando” ha un termine stabilito dalla legge: 30 giorni. Intanto, già quando il paziente va dal medico curante per avere una visita specialistica, può invitare il dottore a chiedere tempi brevi se il suo stato di salute è incompatibile con tempi di attesa lunghi. Certo, non si può pretendere l’urgenza per un raffreddore. Ma resta un diritto del paziente quando il malessere gli crea delle serie difficoltà o un grave disagio che non lo fa vivere serenamente.Il dottore consegna al paziente l’impegnativa. Ora tocca fare la prenotazione. Con tanti auguri: se la visita viene fissata entro 30 giorni, siamo a cavallo, cioè entro i termini fissati dalla legge. Ma se, come spesso succede, viene fissata tra sei mesi, è il caso di alzare la voce e far valere i propri diritti. Carta e penna per fare una richiesta di visita specialistica in regime di libera professione intramuraria. Significa pretendere (e ottenere) che la stessa prestazione, non garantita dal Servizio sanitario nazionale nei tempi fissati dalla legge, venga erogata da quei medici di un ospedale che, al di fuori del normale orario di lavoro, utilizzano le strutture ambulatoriali e diagnostiche della stessa struttura, a fronte del pagamento di una tariffa equivalente al ticket. Il paziente, cioè, ha diritto ad una visita specialistica privata pagando soltanto il costo del ticket.

  5. Cosa bisogna fare in caso di tempi di attesa troppo lunghi per una visita specialistica presso il Servizio sanitario nazionale?

    1. Il paziente ha diritto ad una visita in regime di libera professione intramuraria (chiamata anche intramoenia). La procedura per richiederla è semplice: il malato spedisce al Direttore Generale dell’Azienda sanitaria di appartenenza la relativa richiesta in carta semplice specificando quale visita gli è stata prescritta, l’impossibilità posta dal Cup di effettuarla entro i 30 giorni prescritti dalla legge e l’eventuale urgenza o, comunque, il fatto che le sue condizioni non gli consentono di attendere così tanto tempo. Dopodiché, nella stessa istanza, il paziente chiede che la prestazione richiesta dal suo medico venga effettuata in regime di libera professione intramuraria con onere a carico del Servizio sanitario nazionale e che venga fornita immediata comunicazione in merito. Non si deve mancare di ricordare nell’istanza che, in caso di mancata prenotazione intramuraria in tempi utili, il paziente si rivolgerà ad una struttura privata per poi passare il conto all’Azienda sanitaria. La quale sarà tenuta a rimborsare il costo della visita.

  6. Buonasera. Volevo sapere se per l’acquisto di occhiali o lenti a contatto, è necessario, oltre alla ricevuta-fattura dell’ottico, conservare la prescrizione medica?

    1. Si. La prescrizione medica, però, non è necessaria, se nel documento rilasciato dall’ottico o dall’optometrista rivenditore è indicata la patologia del contribuente o del familiare a carico per i quali si effettuano gli acquisti.

  7. Per quanto riguarda l’acquisto di medicinali, cosa possiamo detrarre dalle tasse???Quali sono i principali documenti da conservare per poter fruire della detrazione delle spese sanitarie? Vi ringrazio in anticipo

    1. Scontrini della farmacia, ricevute delle visite specialistiche, analisi, terapie, occhiali, protesi, sussidi: sono questi i principali documenti da conservare per poter fruire della detrazione delle spese sanitarie. Le spese sanitarie che si possono detrarre dalla dichiarazione dei redditi, indicandole nel quadro E del 730 o nel quadro RP del modello Unico, sono davvero numerose e comportano un buon risparmio nelle imposte.Difatti, il 19% di questi costi (eccetto una franchigia di 129,11 euro) si toglie direttamente dall’Irpef (l’imposta sul reddito delle persone fisiche): in pratica, se si sostengono 500 euro di spese sanitarie, si devono togliere 70,47 euro dalle tasse (cioè il 19% di 500 euro meno la franchigia).Molte di queste spese si trovano già all’interno del modello 730 precompilato dall’Agenzia delle Entrate, perché comunicati tramite il sistema tessera sanitaria: può essere esonerato dai controlli sulla dichiarazione, però, solo chi accetta il 730 precompilato così com’è, senza modifiche. Nelle altre ipotesi, compreso ovviamente il caso di chi invia il modello Unico, è necessario conservare scontrini e ricevute che giustificano la spesa.

    2. Per quanto riguarda l’acquisto di medicinali, ricordiamo innanzitutto che sono detraibili dalle tasse soltanto i farmaci e non i parafarmaci. Per poter detrarre i farmaci, è necessario conservare il cosiddetto “scontrino parlante”, cioè lo scontrino emesso dalla farmacia che indica:
      – la natura e la quantità dei medicinali acquistati;
      – il codice alfanumerico posto sulla confezione di ogni medicinale;
      – il codice fiscale del contribuente che ha acquistato i medicinali.
      Se in uno scontrino sono indicati sia farmaci che parafarmaci, o comunque farmaci più altri articoli non detraibili, purché il documento indichi i dati elencati, dà diritto comunque alla detrazione, ovviamente dei soli medicinali.

  8. Se il medico curante prescrive una visita urgente, quanto bisogna aspettare per averla? Come posso prenotare una visita urgente?

    1. Per poter prenotare una visita urgente è necessario avere in mano l’impegnativa del medico curante che riporti il codice con la lettera U.Solo a quel punto si potrà chiamare il Cup, cioè il Centro unico di prenotazioni per chiedere la disponibilità di una struttura presso la quale effettuare la visita il prima possibile. Alcune Regioni mettono a disposizione degli assistiti un Cup online, tramite il quale è possibile fare la prenotazione via Internet. L’alternativa al Cup telefonico o via web è quella di presentarsi allo sportello.È importante ricordare che la legge consente di prenotare una visita urgente fuori dalla propria regione di residenza, dato che l’impegnativa è valida per tutto il territorio nazionale.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube