Coronavirus: quanto conviene comprare casa adesso

5 Maggio 2020 | Autore:
Coronavirus: quanto conviene comprare casa adesso

Prezzi degli immobili in calo, mutui ancora interessanti: potrebbe essere il momento giusto per investire. Il lockdown ha cambiato anche le esigenze.

A rigor di logica, questo potrebbe essere il momento giusto per comprare casa. Secondo gli addetti ai lavori, nei prossimi tre anni i prezzi caleranno del 16%. Può essere un affare se si decide di investire avvalendosi di un mutuo, visto che le condizioni per accedere al credito sono buone.

Colpa o merito del coronavirus, a seconda di come lo si voglia vedere. Certo, sarebbe stato meglio se il costo di un’immobile fosse stato più accessibile per altri motivi, su questo non c’è dubbio. Ma se è vero che ogni momento di crisi propone delle occasioni per ricominciare, eccone una.

Ne sarebbe felice il mercato, considerando che le previsioni annunciano un calo delle compravendite del 35% da qui al 2021 ed un’importante contrazione (si parla di due terzi) dei grandi investimenti sui progetti immobiliari.

A preoccupare maggiormente chi vive del mattone è, come si può immaginare, la disponibilità economica dei potenziali acquirenti in un contesto in cui regna l’incertezza. Se non ci sarà una scossa, si ipotizza che le quotazioni di uffici e di negozi precipitino entrambe vicino al -20%. E il dato di fatto, già registrato, è che circa un terzo di chi aveva avviato la ricerca di una casa ci ha ripensato. Una parte, perché non sa se sarà in grado di affrontare l’impegno, una parte perché non è sicura che investire in un immobile possa rendere qualcosa a breve o medio termine.

Secondo uno studio elaborato da Nomisma e pubblicato da Repubblica, a Milano è previsto un calo di circa il 4%, mentre la crisi sarà più vistosa al Sud: Roma -13,7%, Napoli -13,4%. In difficoltà anche il mercato torinese, che potrebbe perdere oltre il 12% degli affari, mentre la diminuzione ipotizzata a Firenze sarebbe attorno all’8%.

Che ci sia tanta paura nell’aria lo dicono anche le banche: tra marzo e aprile è stato richiesto un 25% di mutui in meno per l’acquisto di una prima casa, in controtendenza con la media finora registrata nello stesso periodo, solitamente al rialzo del 15%. Chi richiede un finanziamento lo fa soprattutto online: con gli sportelli chiusi o l’attività ridotta alle pratiche più urgenti, in banca non ci va quasi nessuno.

Tutto ciò propone quello attuale come un momento interessante per acquistare una casa. Grazie anche all’intervento della Bce, le condizioni dei mutui restano ancora appetibili. Questo, legato al calo dei prezzi degli immobili, suggerisce di osare. Sempre gli addetti ai lavori ricordano che c’è, come alternativa, la rinegoziazione del mutuo, in grado di garantire un importante risparmio al mese.

Di certo, venditori ed agenti immobiliari si aspettano un cambiamento nelle esigenze di chi vuole acquistare. Tra le cose che ha lasciato la quarantena, c’è indubbiamente la necessità di avere degli spazi più ampi, un giardino o, quanto meno, un balcone. L’esperienza insegna. Bisogna avere i soldi, però. E anche un po’ di coraggio.


1 Commento

  1. Buongiorno,
    già da prima dell’attuale situazione Covid-19, avevo intenzione di trasferirmi in un altra regione e comprare casa.
    Avendo già dato disdetta per il contratto di affitto attuale, dovrei appunto dimostrare di aver comprato casa nella regione di destinazione perchè mi sia concesso il trasferimento secondo le restrizioni vigenti?
    Grazie.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube