Diritto e Fisco | Articoli

No incompatibilità tra avvocato e presidente del Cda se c’è l’amministratore delegato

17 Ottobre 2013
No incompatibilità tra avvocato e presidente del Cda se c’è l’amministratore delegato

Si può iscrivere alla Cassa forense il presidente del consiglio di amministrazione della società o il titolare di concessione economica se l’attività è gestita da terzi.

Non è incompatibile l’esercizio della professione di avvocato – e pertanto ha diritto ad iscriversi alla Cassa forense – il presidente del consiglio di amministrazione di una società, se tutto il potere di gestire è stato affidato all’amministratore delegato.

Allo stesso modo, si può iscrivere all’albo forense il semplice titolare di una concessione economica – ad esempio quella per la distribuzione dei carburanti – se la struttura è poi gestita da un altro soggetto.

Rientra nell’incompatibilità professionale, invece, il legale che resta formalmente amministratore unico della società, per quanto cessata.

A chiarire questi principi è stata una sentenza della Cassazione di ieri [1].

La Suprema Corte ha rigettato la tesi della Cassa Forense secondo cui chiunque risulti legato a qualsiasi titolo a una società commerciale non può automaticamente svolgere la professione forense. Si deve, infatti, escludere che l’incompatibilità scatti solo se l’interessato è mero portatore di una qualità come l’essere titolare di una concessione economica quale quella della pompa di benzina, se poi il distributore viene gestito da altri.

Stesso discorso deve farsi per il presidente del C.d.a. se privato di ogni competenza di gestione dell’attività commerciale.

Diverso discorso, invece, va fatto per l’amministratore unico della società cessata. Quest’ultimo, infatti, risulta ancora titolare di poteri di rappresentanza rispetto alla società ed è altresì sottoposto ai relativi adempimenti e controlli previsti dalla legge.


note

[1] Cass. sent. n. 23536/13 del 16.10.13.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. bene pero’ vi siete dimenticati di scrivere che puo’ fare l’amministratore UNICO ma NON RAPPRESENTARE LA SOCIETA’

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube