Salute e benessere | Articoli

Coronavirus, Fase 2: gli psicologi scendono in campo

5 Maggio 2020 | Autore:
Coronavirus, Fase 2: gli psicologi scendono in campo

Occorrono programmi diffusi di prevenzione e forme agili per l’erogazione di interventi psicologici. 

La pandemia ha stravolto le nostre esistenze. Il timore del contagio da Coronavirus, l’alto numero di decessi, il bombardamento di fake news diffuse sui social, le misure restrittive stabilite dal Governo, le nuove abitudini, il distanziamento sociale, l’uso di dispositivi di protezione individuale hanno condizionato la nostra quotidianità ed hanno avuto su molti un forte impatto psicologico.

Per venire in soccorso dei cittadini e tutelare la salute di coloro che sono stati chiamati a trovare una ‘nuova normalità’ post-lockdown, ventiquattro società scientifiche di settore hanno annunciato un patto di collaborazione al fine di consentire alla categoria di psicologi di garantire assistenza a chi ne ha bisogno.

Fra le priorità indicate, come riporta una nota stampa dell’agenzia Adnkronos, c’è anche “la necessità di programmi diffusi di prevenzione e di forme agili di erogazione di interventi psicologici alle fasce fragili, mediante convenzioni e bonus sufficienti per l’accesso a prestazioni psicologiche e psicoterapiche presso i liberi professionisti”.

Le 24 società alleate sono iscritte nell’elenco delle associazioni scientifiche presso il ministero della Salute e fanno parte della Consulta nazionale promossa dall’Ordine degli psicologi. Sottolineano per prima cosa “il carattere prioritario e urgente della massima integrazione/implementazione delle competenze psicologiche nelle diverse aree della sanità, (medicina di base adulti e pediatrica, pronto soccorso, reparti ospedalieri, servizi territoriali), nella scuola, nei servizi sociali e del welfare, nel mondo del lavoro”. Evidenziando appunto l’opportunità di pensare a strumenti volti a favorire l’accesso dei più fragili alle prestazioni dei ‘dottori della mente’.

L’Ordine nazionale degli psicologi e le 24 società collaboreranno inoltre alla creazione di una banca dati ‘Scienze psicologiche per la pandemia‘, promossa dal Cnop (Consiglio nazionale Ordine psicologi) – spiega una nota – e “implementata dai materiali prodotti dalle società e da ogni utile riferimento scientifico e operativo, con la funzione di consentire un punto di raccolta di dati e protocolli che saranno poi diffusi attraverso canali di comunicazione condivisi”.

Le scienze psicologiche, che si occupano dei processi psichici, delle emozioni e comportamenti, della soggettività e delle relazioni, del rapporto individuo-contesto, della costruzione degli equilibri adattivi nei diversi ambiti della vita – si sottolineanella nota – sono chiamate a dare “un importante contributo che costituisca un progetto condiviso a tutela del benessere psicologico e della salute delle persone”.

Per questo le 24 società scientifiche, “con il sostegno dell’Ordine degli Psicologi e in collaborazione con la psicologia accademica e di tutta la comunità professionale”, assicurano “l’impegno verso una puntuale azione di monitoraggio dei bisogni della popolazione con metodologie adeguate delle attività, sia in relazione alla rilevazione delle problematiche sia all’efficacia ed esiti degli interventi svolti; un’individuazione di linee guida, protocolli di intervento e buone prassi, con l’obiettivo di promuovere metodologie di intervento appropriate”.

Uno “sforzo di approfondimento conoscitivo delle scienze psicologiche“che “deve tuttavia trovare riscontro in adeguati provvedimenti delle autorità – concludono i protagonisti del patto – che consentano al Paese di potersi giovare degli interventi di prevenzione, protezione epromozione delle risorse, consulenza, sostegno, e cura, a livello individuale, organizzativo e collettivo, in riferimento all’ambito educativo sanitario, sociale e del lavoro”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Purtroppo, da quando c’è questo coronavirus io non riesco più a dormire… ho paura di uscire di casa, di andare a fare la spesa, di avere contatti con la gente. Per fortuna, c’è mio marito che esce per lavoro e una volta a settimana si ferma a fare la spesa… questa pandemia ha davvero delle ripercussioni psicologiche. Io prima ero ipocondriaca…ora, tutte le mie ansie e l’insonnia si sono amplificati. Ho pensato di contattare quel numero gratuito di cui avevate parlato tempo fa in un articolo, magari per ricevere un po’ di supporto. è una condizione bruttissima

  2. E’ proprio come ha scritto l’autrice. tutta questa situazione ci ha fatto venire paturnie assurde. io prima uscivo bella spensierata. Ora, sono insospettita anche dai miei vicini… che ne so se loro osservano tute le norme indicate dal ministero della salute. che ne so se loro rispettano il distanziamento sociale. come posso immaginare ora quali congiunti andranno a trovare e se davvero rispetteranno tutte le prescrizioni indicate… ecco, per me questa è una grande incognita e mi fa essere diffidente verso il prossimo. sono certa, che ora guarderemo gli altri con sospetto ed è bruttissimo… io sono sempre stata una persona molto socievole, calorosa… ora, sinceramente, non mi passa proprio per il cervello di avvicinarmi neppure ai miei “congiunti”….

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube