Salute e benessere | Articoli

Gravidanza con Coronavirus: arriva un nuovo studio

6 Maggio 2020
Gravidanza con Coronavirus: arriva un nuovo studio

Uno studio su 42 donne contagiate diventate madri in 6 punti nascita lombardi, positivo solo un bebè.

“È raro che una donna in gravidanza risulti contagiata e presenti i sintomi da Covid-19. Ma anche quando la futura mamma è positiva al coronavirus, l’infezione non sembra in grado di attraversare la placenta e quindi di trasmettersi al bambino, né durante la gravidanza né durante il parto. Anche per questo il parto naturale è la scelta migliore per le mamme positive al virus“. Raccomandazioni date dai medici già subito dopo l’inizio della pandemia da Sars-CoV-2, che ora vengono confermate e messe nero su bianco da uno studio italiano pubblicato sul ‘British Journal of Obstetric&Gynaecology’.

La ricerca è stata condotta tra l’1 e il 20 marzo e ha coinvolto 42 donne con Covid-19 che hanno partorito nei 6 punti nascita individuati dalla Regione Lombardia come Hub Maternità Covid (Fondazione Irccs Ca’ Granda ospedale Maggiore Policlinico, Milano; Asst Fatebenefratelli Sacco, Milano; Asst Papa Giovanni XIII, Bergamo; Fondazione Mbbm-ospedale San Gerardo, Monza; Spedali Civili, Brescia; Fondazione Irccs Policlinico San Matteo, Pavia). Dal lavoro emerge come, di queste 42 mamme, 24 (57%) hanno avuto un parto naturale mentre 18 (43%) sono state sottoposte a cesareo, anche se “va precisato che per 8 di queste – sottolineano gli autori – si è ricorsi in via precauzionale all’intervento per problemi ostetrici non associati a Covid-19”.

Dall’identikit della neomamma Covid-19 – riferiscono dal Policlinico di Milano – emerge che il sintomo principale dell’infezione, e cioè una polmonite, era presente in 19 donne (45%) e che per 7 di loro (37%) è stato necessario somministrare ossigeno, mentre solo per 4 (21%) si è ricorsi al ricovero in Terapia intensiva. In linea generale, si è visto che al momento del parto le future mamme presentavano sintomi lievi come tosse e raffreddore. Per quanto riguarda i nuovi nati, “il dato è rassicurante: solo un neonato è risultato positivo dopo il parto naturale e non ha richiesto un supporto intensivo”.

“Il parto naturale è sicuro – commenta Enrico Ferrazzi, direttore dell’Unità di Ostetricia del Policlinico di Milano e primo firmatario dello studio retrospettivo ‘Vaginal Delivery in Sars-CoV-2 Infected Pregnant Women in Northern Italy’ – lo studio conferma che il parto vaginale presenta rischi minimi per la mamme e per il nascituro”.

“Certamente la soglia di attenzione è sempre alta – precisa lo specialista – e insieme alla coppia valutiamo i pro e contro. Ma queste evidenze ci consentono di consigliare questa scelta alle future mamme e di andare incontro al loro desiderio di partorire con un parto naturale“.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube