L’esperto | Articoli

Verbale di sopralluogo: ultime sentenze

23 Novembre 2021
Verbale di sopralluogo: ultime sentenze

Abusi edilizi: violazione di piani regolatori e regolamenti edilizi comunali; ricorso giurisdizionale proposto avverso il verbale di sopralluogo del Comando della polizia municipale.

Violazione di piani regolatori e di regolamenti edilizi comunali

L’effetto acquisitivo, conseguente alla mancata ottemperanza all’ordine demolitorio degli abusi edilizi, riguarda il manufatto abusivo attinto dalla disposizione dirigenziale inottemperata e non anche le ulteriori opere accertate con verbale di sopralluogo, che, allo stato, non hanno costituito oggetto di ingiunzione demolitoria.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. IV, 03/06/2021, n.3703

Ordine di demolizione: motivazione

L’ordine di demolizione può essere motivato anche “per relationem”, facendo esplicito riferimento al verbale di sopralluogo e accertamento dell’abuso, senza che sia necessaria l’indicazione delle opere realizzate in difformità dal titolo in maniera minuziosa e particolarmente dettagliata.

T.A.R. Catania, (Sicilia) sez. III, 01/02/2021, n.311

Verbale di sopralluogo della Polizia Municipale: sostituisce atto pubblico?

Il verbale di sopralluogo che viene redatto della Polizia Municipale per contrastare il fenomeno dell’abuso edilizio, provenendo da pubblici funzionari, costituisce un atto pubblico che, ai sensi dell’art. 2700 c.c., acquista portata fidefaciente delle circostanze di fatto in esso accertate.

Consiglio di Stato sez. II, 20/01/2021, n.633

Inottemperanza all’ordine demolitorio

L’accertamento dell’inottemperanza all’ingiunzione di demolizione è normativamente configurato alla stregua di un atto ad efficacia meramente dichiarativa, che si limita a formalizzare l’effetto (l’acquisizione gratuita al patrimonio comunale) già verificatosi alla scadenza del termine assegnato con l’ingiunzione stessa; l’acquisizione gratuita al patrimonio comunale delle opere edilizie abusivamente realizzate è, infatti, una misura di carattere sanzionatorio che consegue automaticamente all’inottemperanza all’ordine di demolizione. Si tratta, dunque, di un atto che non soggiace all’obbligo di comunicazione dell’avvio del procedimento. La natura vincolata del provvedimento esclude, altresì, qualunque rilievo alla mancata notificazione, peraltro, non prevista dalla normativa vigente, del verbale di sopralluogo e della relazione di servizio.

T.A.R. Milano, (Lombardia) sez. II, 20/11/2020, n.2221

Costruzione abusiva: conseguenze

In ipotesi di mancato rinvenimento in atti del verbale di sopralluogo eseguito dai tecnici comunali – con conseguenze sulla chiarezza della tipologia e della consistenza dell’abuso edilizio contestato – risulterebbe necessaria l’adozione di un formale atto di accertamento dell’inottemperanza alla ingiunzione a demolire, adottato dalla competente autorità amministrativa, ai sensi dell’art. 31, comma 4, d.P.R. n. 380 del 2001, che, facendo propri gli esiti del mero verbale, sancisca l’effetto acquisitivo e costituito, previa notifica all’interessato, titolo per l’immissione in possesso del bene e per la trascrizione nei RR.II..

Nella specie, sono illegittimi i provvedimenti impugnati, nella misura in cui hanno disposto l’immissione della P.A. nel possesso dell’immobile abusivo e la successiva acquisizione gratuita al patrimonio indisponibile del comune senza prima adottare e notificare l’atto di accertamento dell’inottemperanza, non potendosi ad esso equiparare il verbale di contestazione della violazione amministrativa avente all’evidenza tutt’altra finalità.

T.A.R. Reggio Calabria, (Calabria) sez. I, 02/11/2020, n.646

Accertamento degli illeciti edilizi

Il verbale di sopralluogo, che è stato redatto ai fini dell’accertamento degli illeciti edilizi, costituisce atto pubblico che fa fede, fino a querela di falso, delle circostanze in esso vengono accertate da parte dei pubblici ufficiali.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. VIII, 18/06/2020, n.2479

La motivazione per relationem negli abusi edilizi

Quando i manufatti da demolire siano descritti ed indentificati e coincidano con le parti di edificio evidenziate nell’elaborato grafico del verbale di sopralluogo, la motivazione per relationem con riferimento al verbale di sopralluogo, di conseguenza, non è affetta da nullità per indeterminatezza dell’oggetto e del contenuto; è sufficiente quindi ai fini della motivazione che dall’ordinanza risultino in maniera esplicita i presupposti di fatto, l’indicazione e la qualificazione degli abusi.

T.A.R. Ancona, (Marche) sez. I, 12/02/2020, n.116

Verbale di sopralluogo del Comando della Polizia Municipale

È inammissibile il ricorso proposto avverso il verbale di sopralluogo del Comando della Polizia Municipale, trattandosi di atto endoprocedimentale non dotato di autonoma portata lesiva.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. VIII, 13/11/2019, n.5351

La decadenza del permesso di costruire 

La decadenza dal permesso di costruire per mancato completamento dei lavori entro il termine prescritto ha carattere esclusivamente oggettivo giacché si fonda sul mero decorso del tempo previsto, senza richiedere alcuna specifica motivazione né l’adozione di un provvedimento espresso da parte dell’Amministrazione, essendo sufficiente che essa sia accertata e motivatamente dichiarata anche solo in via incidentale e che il soggetto controinteressato all’accertamento della decadenza sia stato messo in condizione di poter interloquire con la PA.

(Nella specie i fatti che, nella loro oggettività, integravano il presupposto legale della decadenza erano stati indicati nel provvedimento impugnato di annullamento in autotutela del titolo edilizio decaduto, assunto previa comunicazione dell’avvio del procedimento, ed erano evincibili dal presupposto verbale di sopralluogo).

T.A.R. Latina, (Lazio) sez. I, 16/01/2019, n.23

Il verbale di sopralluogo redatto da pubblici ufficiali 

Al verbale di sopralluogo eseguito da soggetti qualificabili quali pubblici ufficiali, va attribuito valore di fede privilegiata, ai sensi dell’art. 2700 c.c., ovvero sino a querela di falso.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. II, 23/10/2018, n.10268

Provvedimento di demolizione di abuso edilizio 

Deve ritenersi legittimo, ed anche sufficientemente motivato, il provvedimento che ordina la demolizione di un’opera realizzata senza il necessario titolo edilizio, richiamando soltanto il verbale di sopralluogo dei tecnici comunali, considerato che il provvedimento sanzionatorio in materia edilizia ha natura del tutto vincolata.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. III, 29/05/2018, n.3531

Verbale di sopralluogo rilevante la presenza di abusi edilizi 

Il verbale del sopralluogo – che rileva la presenza di abusi edilizi – costituisce atto pubblico e fa fede fino a querela di falso.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. IV, 03/11/2017, n.5147

Ordine di demolizione di un abuso edilizio

In materia di edilizia e urbanistica, è sufficientemente motivato il provvedimento che, a fronte di un abuso edilizio, ne ordina la demolizione con richiamo al verbale di sopralluogo dei tecnici comunali, posto che il provvedimento sanzionatorio in materia edilizia ha natura necessitata una volta che siano chiari gli elementi di fatto.

Ne consegue che, per l’adozione dell’ordine di demolizione, è sufficiente l’enunciazione dei presupposti di fatto e di diritto rilevanti ai fini dell’individuazione dell’illecito e dell’applicazione della corrispondente misura sanzionatoria, prevista dalla legge.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. III, 06/04/2017, n.1891

L’ostensione del verbale di sopralluogo

L’ostensione del verbale di sopralluogo della Polizia di Roma Capitale legittimamente è differita alla conclusione del procedimento in quanto atto di natura ispettiva, connesso direttamente ed immediatamente all’esercizio di funzioni di polizia giudiziaria specificamente attribuite all’organo che lo detiene, inerenti accertamenti rilevanti ex art. 399 c.p.c., pertanto plausibilmente sottratto alla visione ai sensi dell’art. 329 c.p.p. fino alla conclusione del procedimento medesimo.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. II, 01/02/2017, n.1644

Interventi condotti in difformità alla denuncia di inizio attività

Non è affetta da difetto di motivazione l’ingiunzione a demolire che, attraverso il richiamo del verbale di sopralluogo, individui dettagliatamente le opere abusive e che richiami i presupposti giuridici della stessa mediante l’espresso richiamo alle disposizioni della l. prov. Trento n. 1 del 2008 e specificatamente agli artt. 128 comma 1, lett. a), e 134 comma 1, che definiscono nell’ordinamento urbanistico provinciale le costruzioni abusive e il regime sanzionatorio per gli interventi condotti in difformità alla denuncia di inizio attività.

T.A.R. Trento, (Trentino-Alto Adige) sez. I, 03/04/2017, n.117

Provvedimento sanzionatorio in materia edilizia

In materia di edilizia, è sufficientemente motivato il provvedimento che, a fronte di un abuso edilizio, ne ordina la demolizione con richiamo al verbale di sopralluogo dei tecnici comunali dato che il provvedimento sanzionatorio in materia edilizia ha natura del tutto vincolata giacché è conseguente ad un accertamento tecnico della consistenza delle opere abusive realizzate; inoltre il verbale redatto e sottoscritto dagli agenti e dai tecnici del Comune a seguito di sopralluogo, attestante l’esistenza di manufatti abusivi, costituisce atto pubblico, fidefaciente fino a querela di falso, ai sensi dell’art. 2700 c.c., delle circostanze di fatto in esse accertate sia relativamente allo stato di fatto e sia rispetto allo status quo ante.

Consiglio di Stato sez. IV, 14/12/2016, n.5262

Richiamo al verbale di sopralluogo dei tecnici comunali

È sufficientemente motivato il provvedimento che, a fronte di un abuso edilizio, ne ordina la demolizione richiamando il verbale di sopralluogo dei tecnici comunali, dato che i provvedimenti sanzionatori in materia edilizia hanno natura del tutto vincolata e conseguono all’accertamento tecnico della consistenza delle opere abusive realizzate, mentre il verbale redatto e sottoscritto dagli agenti e dai tecnici comunali a seguito di sopralluogo, attestante l’esistenza di manufatti abusivi, costituisce un atto pubblico che fa piena prova fino a querela di falso, ai sensi dell’art. 2700 c.c., delle circostanze di fatto in esse accertate, sia relativamente allo stato di fatto, sia rispetto allo status quo ante .

T.A.R. Trento, (Trentino-Alto Adige) sez. I, 14/11/2016, n.383

L’ordine di demolizione e il verbale di sopralluogo

In materia edilizia e urbanistica, è sufficientemente motivato il provvedimento che, a fronte di un abuso edilizio, ne ordina la demolizione con richiamo al verbale di sopralluogo dei tecnici comunali, dato che il provvedimento sanzionatorio in materia edilizia ha natura del tutto vincolata.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. III, 23/03/2016, n.1521



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. salve, volevo sapere 1. se valido verbale di seconda volta per abuso edilizio nella stessa casa –abuso anni 1950, nel 2017 vengono e fano verbale per una tettoia. un mese fa vengono per seconda volta e contestano abuso anni 1950-1960 documentati, lo possono fare? perche non hano incluso tutto per la prima volta? ricordo che per prima volta il giudice ha archiviato tutto. 2. se con un technico richiedo sanatoria prima di firmare il verbale decade tutto. cosi sistemo una volta per tutte la facenda. grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube