Tasse e contributi si pagheranno ancora più tardi

7 Maggio 2020 | Autore:
Tasse e contributi si pagheranno ancora più tardi

Il decreto Maggio prevede una proroga fino al 16 settembre per il versamento delle imposte sospese tra marzo e maggio a causa del coronavirus.

Slittano ancora i termini per la ripresa dei pagamenti di tasse e contributi sospesi a marzo, aprile e maggio per l’emergenza coronavirus. La nuova data per ricominciare i versamenti è quella del 16 settembre. Fino a quel giorno, quindi, non sarà obbligatorio pagare, ad esempio, avvisi bonari, cartelle esattoriali ed accertamenti con scadenza compresa tra il 2 marzo ed il 31 maggio. La misura è contenuta nel decreto Maggio che il Governo approverà nei prossimi giorni.

Si cerca, in questo modo, di dare ulteriore ossigeno a famiglie, professionisti e imprese soffocati dalle conseguenze delle chiusure obbligatorie durante il lockdown e del calo del reddito e del fatturato. La proroga al 16 settembre della sospensione dei versamenti deve essere ancora resa ufficiale ma non dovrebbe trovare ostacoli. Il pagamento potrà essere effettuato da quella data in una soluzione unica o in quattro rate di pari importo, con l’ultima scadenza fissata al 16 dicembre.

Il Fisco attenderà, quindi, altri tre mesi e mezzo per incassare oltre 20 miliardi tra tasse e contributi. La ripresa dei pagamenti riguarderà chi ha usufruito delle sospensioni, in particolare le filiere maggiormente colpite, contribuenti con volume d’affari fino a 2 milioni di euro per i pagamenti di marzo, imprese e professionisti con volume di affari inferiore a 50 milioni e un calo del fatturato del 33% , e soggetti con volume d’affari superiore a 50 milioni e un calo del fatturato superiore al 50 per cento, per quanto riguarda i pagamenti di aprile e maggio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube